Flash

26/05/2014

Flash

Davide con la testa di GoliaKunsthistoriches

Week end pieno: elezioni in Europa e, naturalmente, in Italia, Papa Bergoglio in Palestina ed Israele, giornalista trentenne italiano ucciso in Ucraina orientale secessionista.  Poco da dire su quest’ultima notizia, anche se è evidentemente la più triste e la più vicina ad una realtà che è tutto meno che rassicurante o propizia all’ottimismo.

Cominciamo “controcorrente” parlando brevemente di ciò che stiamo vedendo in queste ore: Papa Francesco a Gerusalemme davanti al Muro del Pianto a mettere l’ultimo tassello di un disegno di riconciliazione tanto difficile quanto necessitato: così Bergoglio ascolta il Rabbino capo sul “sogno” realizzato del ritorno a Gerusalemme dopo l’ennesima “traversata del deserto” affrontata con la Shoah e così il Papa potrà misurare quanto sia difficile che il suo invito ad offrire Roma, il Vaticano, come sede negoziale per un incontro tra Stati, popoli, religioni di Abramo.   Ancora una volta Bergoglio si misura con un’impresa difficile: quella di mettere al centro – al positivo – il cristianesimo romano.  E, d’altro canto, la visita ai  “due muri” – quello del pianto e quello edificato da Israele a “sigillare” la presenza palestinese  – ha confermato le difficoltà che incontra un approccio “inclusivo”.   Tanto più che mentre chi scrive ha potuto constatare sul posto solo qualche settimana fa i fermenti di coesione soprattutto tra giovani arabi ed ebrei, risulta che questi ultimi continuano a sentire la frattura storica perfino maggiore con i cristiani che con i musulmani: dunque il “mediatore” può contare solo sulla propria credibilità.  Che non è piccola.

Intanto l’Europa – e l’Italia – si misura con un esito magari non catastrofico, ma certamente assai frastagliato (ed in qualche misura “fuori fuoco” rispetto ai problemi della “regione” Europa) delle elezioni per il Parlamento.  Da noi la sorpresa è grande: ad un secolo da quel Congresso di Livorno (1921) che sancì la fondazione del Partito comunista italiano, la sua ultima “incarnazione” nel Partito Democratico raggiunge il risultato record di oltre il 40% dei voti.   Peraltro tenendo conto che gli astenuti hanno raggiunto il 42% dei cittadini.  Viceversa il movimento grillino – pur confermandosi con il 21% come secondo partito del Paese – non si è neppure avvicinato a quegli obiettivi di democrazia radicale che – evidentemente – continuano a non interessare (o a non essere credibili per) gli Italiani.   Vittoria piena, dunque, ma all’insegna di una campagna elettorale di rassicurazione e moderatismo con le “grandi riforme” a fare da sfondo.    Se reali o di cartapesta, lo vedremo ben presto.   E, naturalmente, Davide è stato sconfitto da Golia.    Per citare il “lucido” D’Alema che ha da tempo rinunciato all’obiettivo del Renzi “che si farà male”, qui qualcuno si è già fatto male e non è “Matteosubito”…

Il resto d’Europa ha concretizzato movimenti d’opinione (dagli euroscettici, ai reazionari della Le Pen e di Matteo Salvini, ma anche i socialdemocratici tedeschi e la sinistra greca seria e determinata) che erano già ben visibili.   Vedremo che assetti politici concretizzerà questo “patchwork”  composito, ma vitale e certamente non drammatico.

C’è però un dato – particolarmente evidente in Italia – che non può non preoccupare poiché sostituisce definitivamente alle contrapposizioni “ideologiche”, ormai svaporate in un calderone indifferenziato, una estrema volatilità delle scelte elettorali  ormai sganciate dagli interessi, dalla collocazione di “classe”, perfino da una “visione del mondo” appena più articolata dell’opzione basica tra status quo e rottura.    Tra accettazione compiaciuta o rassegnata all’esistente ed il verbalismo “innovatore”.

In Italia questo appare essere (oltre alla crisi e allo sfarinamento sociale) il vero lascito di vent’anni di berlusconismo.  Continua a preoccupare che  questo lascito ovviamente negativo non venga in alcun modo contrastato dal Partito Democratico.  Evidentemente pago (e premiato dal consenso) per essere diventato un “gigante sulle spalle di un nano”.

Quanto a Grillo (che però ha compiuto un “miracolo” unico nella storia repubblicana ovvero raccogliere oltre il 20% del consenso senza strutture, “cointeressenze”, apparati retribuiti, supporti dalle varie consorterie – anche malavitose – dell’“establishment” nazionale) se vorrà continuare a svolgere una qualche funzione “di servizio” della società civile, dovrà accettare l’evidenza della necessità di una proposta programmatica “al positivo”.  Altrimenti sparirà, né più, né meno dell’Uomo qualunque dell’immediato dopoguerra.   Magari onesto ed in sintonia con le aspirazioni – soprattutto giovanili – ad una convivenza nazionale meno pavida, meno corrotta, meno “mafiosa”.   Anche se non va dimenticato mai che questo Paese non ha conosciuto rivoluzioni, ma soltanto controriforme.   Con i risultati che vediamo tutti i giorni e che – evidentemente – ci sono entrati nell’anima.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto