Flash

21/05/2014

Flash

renzi-berlusconi-grillo

Continuare a sperare, continuare a vivere.  Una parola… L’ultimo scorcio di campagna elettorale ha visto un’esplosione di veleni e di accuse reciproche, nonché – per non perdere le buone abitudini – un nuovo, non sorprendente, arresto: tal Romano, un esponente campano del “nuovo” centro-destra di Angelino Alfano, partitino inventato dal PD per costruirsi una pseudo-maggioranza “non divisiva” che conservasse l’amato profumo del berlusconismo.

Ma – per la prima volta – dietro la violenza verbale si è visto un disvelarsi senza precedenti dei veri nodi che sottendono la concreta scadenza che ci attende domenica (eleggere i rappresentanti italiani – una settantina- al Parlamento europeo e concorrere ad indicare il muovo Presidente della Commissione e la piattaforma politica su cui l’Unione  articolerà il prossimo quinquennio) e questi nodi riguardano ancora più direttamente – ed immediatamente – il nostro futuro.   Ovviamente se ci sarà un futuro.

Sgombrando da subito il folklore della contesa italiana, possiamo felicemente dire che il Caimano Berlusconi appare destinato ad uscire di scena: biologicamente per evidente obsolescenza e politicamente perché non gli resta altro che l‘insulto, la fiction e perfino la successione “dinastica” con la riluttante figlia di primo letto Marina: tra i destinatari degli insulti – oltre all’“omicida” Grillo – l’ex moglie Veronica rea di grassezza senile e di insufficiente (per gli standard dell’ex marito…) ricorso alla chirurgia estetica “anti-age”.   Ugualmente da archiviare (tranne forse in qualche remota valle dell’alta “Padania”) il messaggio del leghista mediatico Salvini il cui articolato programma si impernia  sulla caccia all’immigrato (ritorno alla Legge Bossi-Fini) e sulla ghettizzazione forzosa delle prostitute (abolizione della legge Merlin del 1958).    Intanto mentre Salvini parla e straparla, Maroni (ancora alla testa della Regione Lombardia, Regione d’”eccellenza” come diceva l’ottimo Formigoni) impasta e ri-impasta lo squallido “affaire” Expo.  Quello da cui si può dignitosamente uscire solo con motivata – e giustificatissima – rinuncia: con il non secondario risultato di prendere il testimone vero della lotta alla corruzione (tema sensibile in tutto il mondo…) e – così facendo – tirare l’Italia fuori dagli ultimi (o negativamente primi) posti nella classifica della corruzione.   Altro che impartire “lezioni” planetarie su sicurezza alimentare e nutrizione esemplare…

Ed ora i veri contendenti: il PD ed il M5S.   E qui occorre essere molto franchi e non c’è neppure bisogno di ricorrere ai trucchi di “Matteosubito” e cioè scaraventare su Grillo l’eredità di Berlusconi: davvero una capriola degna del Mago Houdini.  Ma non certo tale da far arretrare l’uomo dell’“Enrico stai sereno”.   E così Renzi ha tentato di riprendere la scena con la stupefacente affermazione che sono finiti i tempi del “Signor ghe pensi mi” (Berlusconi) e, dunque, non c’è bisogno di una replica che – a suo dire – sarebbe incarnata dallo stesso Grillo.      Abbiamo detto stupefacente e non vi è chi possa non consentire: basti pensare alle rutilanti conferenze stampa delle “slides” e delle vestali, delle date vincolanti delle “riforme” e delle strette di mano a tutti i netturbini d’Italia (poveracci…), del “successo” già intascato (a suo dire) in uno pseudo trionfo planetario “certificato in-house” dall’endocrinologo Delrio e dal roccioso alimentarista Farinetti.  E perfino dal decano degli ottuagenari “padri della Patria”, Eugenio Scalfari.

Peccato che ad una parte sempre più consistente degli Italiani questa versione a tinte rosa (shocking) non torna affatto e non corrisponde “punto” (come dicono a Firenze) alla loro quotidianità.

E tanto meno corrisponde al loro legittimissimo desiderio di continuare a sperare, continuare a vivere.   Non continuare ad essere ingannati e forse neppure ad auto-ingannarsi.  Nella realtà e non negli spot a pagamento di una stampa asservita grazie anche agli ingenti fondi della cosiddetta Legge sull’editoria e ad altre provvidenze complici.   Ciò che vedono è un peggioramento quotidiano e – da parte del PD – l’impudente riproposizione del pentolone “istituzionale” rimestato da quella senatrice Finocchiaro che – dopo aver difeso ad oltranza il porcellum – continua instancabilmente a cucinare altri piattini, con l’aiuto della fresca Ministra Boschi.    E già Berlusconi ha dichiarato che – non essendo più verosimilmente Forza Italia il secondo Partito – ordinerà un nuovo Italicum…. Sulla misura che gli conviene.   Fine del bipolarismo: con buona pace dei talebani della governabilità fatta di camicie di forza elettorali e con il sacrificio rituale della partecipazione democratica.  Che la riservino alle loro malguadagnate cattedre universitarie.

Intanto l’ottima Finocchiaro – ubbidendo alla geniale strategia delle larghe intese, della non “divisività” – preparerebbe all’ex “unto del Signore” un amorevole piattino.      O lo farà per qualcun altro?  Di certo l’ingrato Renzi non replicherà a Berlusconi un invito al Nazareno.   Lui “governa”, non ha tempo per la gratitudine…

Bene, come si esce da questa palude?   Come si può sperare ancora?   Semplice: allargando quel Partito degli “Apoti” (quelli che non la bevono) di cui discutevano quasi un secolo fa Giuseppe Prezzolini e Piero Gobetti.    Correva l’anno 1922 e l’Italia si apriva al fascismo.    E così siamo tornati al punto di partenza, per di più con poche speranze, nessuna idea del futuro e manco uno spiraglio di crescita economica.     Ma allora di che dovremmo avere paura?  Di scontentare quelli che ci hanno portato indietro di decenni e decenni?  E continuerebbero a farlo se non li fermassimo, o non aiutassimo qualcuno a fermarli…

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto