Flash

20/05/2014

Flash

GrilloRenzi-420x256

Una sera sei Jago e la sera dopo sarai Otello.   Questa la “sfida” classica tra grandi attori shakespeariani (italiani inclusi come i Gassman e Randone di una volta) ed è esattamente quanto ci hanno offerto – a chiusura di una orrenda e vuota campagna elettorale per le Europee – il “Mangiafuoco” Grillo e la “faina” Vespa in una edizione “straordinaria” di Porta a Porta.     L’inversione dei ruoli era in cartellone e – purtuttavia – assistervi ha suscitato negli spettatori sorpresa ed un qualche imbarazzo.

Grillo ha tentato la via della rassicurazione e della bonomia, ma si è scontrato con un astuto e minaccioso Vespa, carico dell’aggressività che lo contraddistingue quando si trova davanti un (possibile) perdente e – comunque – uno che potrebbe (indirettamente) metterne in forse il lucroso ruolo di aedo del “regime” trasformandolo in un soprammobile passato di moda.

Di fatto, il primo passo falso lo aveva già compiuto il leader del “Cinque stelle” ricercando il più insidioso dei palcoscenici e – per di più – pretendendo un proscenio esclusivo.   Ma Vespa, trasformata l’untuosità del ruolo “notarile” (sfoggiata nell’indimenticabile serata del “contratto con gli Italiani” con il Berlusconi armato di stilografica da assemblea del condominio) in puntigliosità da “giornalista” effettuava tutte le sortite necessarie per infilzare un toro dalle corna imbottite.   Ferito da       queste “banderillas” il comico già ritenuto “coriaceo” ne usciva con una doppia faccia: quella di un perdente temerario di fronte all’inossidabile certezza dell’ordine costituito (di cui Vespa è uno dei sacerdoti…)  ovvero quella – peraltro assai simile – di uno “che ci ha provato, ma tutto sommato teme di non riuscirci”.

Naturalmente le cronache “ufficiali” riportano una versione completamente diversa e si limitano alla consueta “lettura” degli “insulti e minacce”.  E non importa che non ci siano stati… né gli uni, né le altre.

I prossimi giorni, fino a domenica sera e nonostante l’imminente silenzio delle propagande, diranno chi ha vinto e chi ha perso.    Da subito – e in attesa del verdetto “finale” – possiamo però cercare di trarre qualche indicazione e spunto di riflessione.   La prima è appunto quella dell’assenza pressochè totale (magari con l’eccezione della lista Tsipras incarnata dalla faccia pulita ed intelligente del politico greco e da quella di Barbara Spinelli) delle tematiche europee, del “che fare” all’interno dell’unico contesto possibile per il nostro disgraziato Paese.

La seconda è che – mentre Grillo non poteva discostarsi dalla sua impostazione “referendaria” giacché questo del “risanamento purificatore”  è, e fin qui rimane, l’unico tema costituente del suo movimento, l’“establishment” politico italiano avrebbe potuto  portare il confronto su temi ed agenda – interni ed internazionale – sui quali si gioca il futuro dell’Unione e le nostre residue speranze di uscire da una impasse che non è congiunturale, ma storica.

Se non lo ha fatto – limitandosi a demonizzare il “buffone” e chi lo segue – è perché il gruppo maggioritario di tale classe dirigente e cioè il PD ha – di fatto – un solo e poco presentabile obiettivo: quello dell’autoconservazione di sé.   Fino  a che regge il Paese che – più che guarire e governare – parassita da ormai qualche decennio.

L’assordante assenza di proposte corrisponde ad una instancabile vociferazione del Gabinetto Renzi (anzi del “solista” Renzi) il cui “cronoprogramma” va valutato su due dati: il peggioramento di tutti i dati economici, sociali e di aspettative e l’aggravamento (non l’alleggerimento) della imposizione più rapace e sterile d’Europa (se non dell’universo mondo…).      Così, mentre si presentavano liste perfino più vuote e di “facciata” di quanto non già non si usasse da molte decadi (fino allo sberleffo di mettere al posto dei Santoro e delle Gruber di una volta tutte le Bonafè disponibili sul mercato), non restava che far partire la campagna “anti-buffone”, quell’altra della “speranza, non rabbia” e quella classica italica del “no al salto nel buio”.

Peccato che nel buio ci siamo già da un trentennio e cioè ben prima della crisi finanziaria.

Ci siamo e ci resteremo?

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto