Flash

20/05/2014

Flash

GrilloRenzi-420x256

Una sera sei Jago e la sera dopo sarai Otello.   Questa la “sfida” classica tra grandi attori shakespeariani (italiani inclusi come i Gassman e Randone di una volta) ed è esattamente quanto ci hanno offerto – a chiusura di una orrenda e vuota campagna elettorale per le Europee – il “Mangiafuoco” Grillo e la “faina” Vespa in una edizione “straordinaria” di Porta a Porta.     L’inversione dei ruoli era in cartellone e – purtuttavia – assistervi ha suscitato negli spettatori sorpresa ed un qualche imbarazzo.

Grillo ha tentato la via della rassicurazione e della bonomia, ma si è scontrato con un astuto e minaccioso Vespa, carico dell’aggressività che lo contraddistingue quando si trova davanti un (possibile) perdente e – comunque – uno che potrebbe (indirettamente) metterne in forse il lucroso ruolo di aedo del “regime” trasformandolo in un soprammobile passato di moda.

Di fatto, il primo passo falso lo aveva già compiuto il leader del “Cinque stelle” ricercando il più insidioso dei palcoscenici e – per di più – pretendendo un proscenio esclusivo.   Ma Vespa, trasformata l’untuosità del ruolo “notarile” (sfoggiata nell’indimenticabile serata del “contratto con gli Italiani” con il Berlusconi armato di stilografica da assemblea del condominio) in puntigliosità da “giornalista” effettuava tutte le sortite necessarie per infilzare un toro dalle corna imbottite.   Ferito da       queste “banderillas” il comico già ritenuto “coriaceo” ne usciva con una doppia faccia: quella di un perdente temerario di fronte all’inossidabile certezza dell’ordine costituito (di cui Vespa è uno dei sacerdoti…)  ovvero quella – peraltro assai simile – di uno “che ci ha provato, ma tutto sommato teme di non riuscirci”.

Naturalmente le cronache “ufficiali” riportano una versione completamente diversa e si limitano alla consueta “lettura” degli “insulti e minacce”.  E non importa che non ci siano stati… né gli uni, né le altre.

I prossimi giorni, fino a domenica sera e nonostante l’imminente silenzio delle propagande, diranno chi ha vinto e chi ha perso.    Da subito – e in attesa del verdetto “finale” – possiamo però cercare di trarre qualche indicazione e spunto di riflessione.   La prima è appunto quella dell’assenza pressochè totale (magari con l’eccezione della lista Tsipras incarnata dalla faccia pulita ed intelligente del politico greco e da quella di Barbara Spinelli) delle tematiche europee, del “che fare” all’interno dell’unico contesto possibile per il nostro disgraziato Paese.

La seconda è che – mentre Grillo non poteva discostarsi dalla sua impostazione “referendaria” giacché questo del “risanamento purificatore”  è, e fin qui rimane, l’unico tema costituente del suo movimento, l’“establishment” politico italiano avrebbe potuto  portare il confronto su temi ed agenda – interni ed internazionale – sui quali si gioca il futuro dell’Unione e le nostre residue speranze di uscire da una impasse che non è congiunturale, ma storica.

Se non lo ha fatto – limitandosi a demonizzare il “buffone” e chi lo segue – è perché il gruppo maggioritario di tale classe dirigente e cioè il PD ha – di fatto – un solo e poco presentabile obiettivo: quello dell’autoconservazione di sé.   Fino  a che regge il Paese che – più che guarire e governare – parassita da ormai qualche decennio.

L’assordante assenza di proposte corrisponde ad una instancabile vociferazione del Gabinetto Renzi (anzi del “solista” Renzi) il cui “cronoprogramma” va valutato su due dati: il peggioramento di tutti i dati economici, sociali e di aspettative e l’aggravamento (non l’alleggerimento) della imposizione più rapace e sterile d’Europa (se non dell’universo mondo…).      Così, mentre si presentavano liste perfino più vuote e di “facciata” di quanto non già non si usasse da molte decadi (fino allo sberleffo di mettere al posto dei Santoro e delle Gruber di una volta tutte le Bonafè disponibili sul mercato), non restava che far partire la campagna “anti-buffone”, quell’altra della “speranza, non rabbia” e quella classica italica del “no al salto nel buio”.

Peccato che nel buio ci siamo già da un trentennio e cioè ben prima della crisi finanziaria.

Ci siamo e ci resteremo?

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto