Flash

16/05/2014

Flash

Pulcinella

E così anche l’ultima “trovata” dell’inetta classe dirigente italiana si sta avviando al più totale dei fallimenti: rimpiazzare “pulcinella” con “arlecchino” (riempia il lettore i connotati reali, i personaggi veri nascosti nelle due grandi maschere italiane…) non ha funzionato: la giornata di ieri ha infatti certificato che il reddito del Paese è tornato all’anno 2000.   Ovvero che in 14 anni l’Italia  è l’unico Paese G8 (i “grandi” della area occidentale e/o ad economia di mercato) ad avere indietreggiato.    Quel segno meno sui dati reali del primo trimestre certifica che la “ripresa” o perfino la “ripresina” era una fanfaluca, uno specchietto per le allodole, vetrini offerti ad indigeni creduloni e soprattutto inermi.    Perché questa è la condizione in cui si trovano i “non innocenti” italiani.

A questo punto accertare se lo “spread” che “uccise” Berlusconi (abbandonato da ormai infastidite classi dirigenti internazionali, più che da plebi e sodali nazionali…) sia stato un fenomeno fisiologico creato dalla crisi internazionale e dalla fragilità dell’economia italiana  oppure un “complotto” (meglio: espediente per toglierselo di torno) è questione che interessa lui e lui soltanto.    Il punto è evidentemente altrove.    I successivi fallimenti di Monti (colui che abbatté la febbre ma quasi ammazzò il paziente…) di Letta (medico timoroso di piaghe e di sangue, più avvezzo ai “congressi” internazionali che alle corsie con i malati veri) ed ora – giorno dopo giorno, gabbola dopo gabbola – di “Matteosubito” dimostrano soprattutto che la malattia italiana non è affatto regredita ma si è incistata, cronicizzata al peggio.    Ed il paziente – cioè tutti noi – viene tenuto calmo con un misto di oppiacei ed impacchi di semi di lino.    Puo’ funzionare?  Evidentemente no.

La gazzarra con cui il Partito di Governo ha tentato ieri di salvare dall’arresto giudiziario un proprio esponente  accusato di reati che in Sicilia sono comuni da sempre come l’alternarsi delle stagioni (papparsi fondi di “formazione” per formare sacche di fondi da spartire, a cominciare da sé stessi…) e poi l’inevitabile “sacrificio” (definito dal capogruppo PD Speranza “una barbarie” mentre si trattava semplicemente della riduzione di un membro della “Casta” allo status di un cittadino qualunque inquisito dalla magistratura per reati che danneggiano l’intera collettività oltre che le casse pubbliche), ebbene questa evidente perdita di autocontrollo prova ancora un volta (con lo Scajola, l’Expo a Milano e compagnia cantante) che la “nomenklatura” è al capolinea.

E questo è un loro problema.   Che non riescono più a “curare” con leggi elettorali cucite sui loro bisogni di autoperpetuazione, con insopportabili “talk show” di regime, con media sovvenzionati con fondi pubblici e mirati alla disinformazione più che al servizio al pubblico a condizioni di mercato.

Ma c’è anche un “nostro” problema e consiste molto semplicemente nel fatto che – continuando così – non uno degli irrisolti nodi nazionali verrà risolto: non basta cacciare un Mastrapasqua o lasciar arrestare un Genovese (e co. …) per ripulire e chiarificare un’atmosfera che ha raggiunto l’attuale “intorbidamento”.    Il nodo è molto più dentro: completare la modernizzazione del Paese (bloccata da quasi un trentennio e ben lontana dagli standard europei), ripristinare un rapporto minimamente rappresentativo tra cittadini e politica, restituire ad una politica risanata e trasparente scelte da decenni delegate a gruppi di interesse, camarille più o meno occulte: a tutto dedite meno che al “bene comune”.     E, al tempo stesso, far cessare le politiche di “instupidimento” promosse nelle ultime due decadi e sostituirle con una vera e propria mobilitazione nazionale: non quella dei “pionierini” del servizio civile (ultima “invenzione” renziana, presa probabilmente da vecchi album di Walt Disney, ovvero da cronache del tardo sovietismo…), bensì quella di un rilancio della partecipazione democratica.   Altra via non c’è: fallimento dopo fallimento, recessione dopo recessione, è l’intero Paese che – invece di misurarsi con tutte le sfide del mutamento (globalizzazione inclusa e compresi tanto i movimenti delle persone che quelli dell’economia della produzione dell’innovazione e della finanza) – tenta una disperata marcia indietro.   Nella quale – come si dice – non si salverà nessuno.

Infine ricordare di tenersi stretti (a partire dalle elezioni del 25 maggio)  a quel “giubbotto di salvataggio” europeo senza il quale si rischia – nelle condizioni attuali – di ritornare  al Granducato immaginario di vecchi film (tipo “il Ruggito del topo”) ovvero allo sfascio di uno Stato “Bananas”: per di più non “a colori” tropicali, ma nello squallido bianco e nero degli ultimi anni.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto