Flash

14/05/2014

Flash

sovietici

Non capiscono e non vogliono capire.    Per il Paese non è più il tempo dei cerotti e tanto meno dei placebo.   E’ ironico – o forse tragico – il ribaltamento della logica che ha investito l’ “affaire” Expo con tutto il suo portato di illusioni, anzi di autoillusioni.   Già da tempo un’iniziativa intrinsecamente insulsa che fa domandare perché nessuno dei maggiori Paesi europei ricorra più a queste kermesse ottocentesche, che richiamano la Belle Epoque, la Torre Eiffel, ma anche il naufragio del Titanic.  Con tanto di orchestrina che suona fino all’annegamento.    E speriamo che le acque (putride) non si portino via anche Bocelli che aveva allietato troppo prematuramente il loro trionfo con una serata di gala in una Milano pronta alle ultime frenetiche forchettate…

Già perché non smettono?  Perché le ruberie e le insulsaggini gastronomiche (con conseguenti inchieste e fratture nella magistratura)  sono esattamente quello che vogliono e che sanno fare.  Anzi lo sapevano fin dal principio, altro che occasione “storica”, anzi tanto poco storica che vi ricorrono (vi ricorrevano…) Paesi minori, o Paesi  appena emersi dall’arretratezza.    Così non si capisce a quale categoria ci vogliono far appartenere.

Evidentemente non paghi di aver incautamente celebrato il 150esimo anniversario dell’ “Unità” d’Italia proprio alla vigilia di un evidente spappolamento delle ragioni di “stare insieme”, in un acme di insanate diseguaglianze – di reddito, di fiscalità, di opportunità – ma anche di provincialismo ed assenza di prospettive, privi di direzione politica e di consenso nazionale, hanno deciso di replicare in grande stile invitando come spettatore l’“Universo mondo”.

Evidentemente la monocultura berlusconiana ed oggi l’ignara supponenza di “Matteosubito”, stordiscono per primi quelli che l’inventano e la promuovono.  Solo la stanchezza ci impedisce di ricordare il G8 di Genova con le fioriere (finte) nei carrugi “inventate” nell’indimenticabile “passeggiata” di Berlusconi con il Segretario Generale della Farnesina al seguito nella veste di intendente del Re: poi si tornava alla realtà e seguiva tutto il sangue sparso a Genova.   E poi il replay con il sacco della Maddalena ed il trasferimento del “set” G8 tra i disgraziati cittadini dell’Aquila.  Ed ora rieccoli: saccheggiatori e “patrioti” da strapazzo.  Il motto è sempre quello: “vincere”.  La risposta è “vinceremo”.   Che il Paese sia a pezzi, che le scarpe siano di “cartone” lo negano “a colpi di 80 euro”.     Il livello di idiozia e di avvitamento è perfino peggiore di quello del povero Mussolini (che almeno aveva una sua “buonafede”): è di oggi l’ultima quella di tale Picierno (capolista del PD al Sud) passata dagli scontrini “luculliani” degli 80 euro ad affermazioni: abbiamo un capitale umano (incarnato da Matteo Renzi…) “riconosciuto dagli Stati Uniti al Camerun”.  Certo: il Camerun.

Ora – mentre si confermano gli “incontri del lunedì” ad Arcore allorchè la “banda dell’Expo” riferiva a Berlusconi e a Maroni – il quadro è piuttosto chiaro ed il Re è nudo.   Alla vigilia delle elezioni europee il Paese è spaccato tra chi proclama che lo “Stato è più forte dei ladri” ed intona la nenia  dell’ “onore nazionale” incarnato dall’Expo e chi tuona che i ladri sono dentro lo Stato, anzi in buona parte vi si identificano. E dunque cancellare la “rapina in corso”.      Così c’è chi crede – o vuole far credere – moltiplicando iniziative come l’introduzione dei “pionieri” di sovietica memoria (il servizio civile universale con decine di migliaia di pupazzetti tratti dai ranghi della disoccupazione giovanile di massa) ed affidando il “messaggio” della “speranza” ad un drappello di “vestali” (una sorta di versione “europea” delle guardie del corpo di Gheddafi…) che vanno dalla giuliva “sorella coniglietto” Bonafè alla arcigna e petulante Moretti, già bersaniana.     Dall’altra parte Grillo preconizza una “marcia su Roma” con in mano la “ramazza” del cambiamento.  A partire dal vertice dello “status quo” (Presidente della Repubblica).

Difficile, difficilissimo prendere partito… Certo è che la melassa renziana – viscida ed inconcludente sotto la crosta di una modernità da bigiotteria – comincia a mostrare la corda e non ha neppure fin qui sfiorato i guasti nazionali.  Magari li ha perfino aggravati intensificando a dismisura la pratica del “giovane” (meno…) Letta di enunciare i problemi come li avesse già risolti. E, d’altro canto, la persistente oscurità della piattaforma grillina (in tempi di scelte…) non induce all’ottimismo.    Certo è che sia i trucchetti mediatici, che i ritocchini ad un Paese che tutto sommato va bene (dicono lorsignori…) rischiano di ridursi ad una riedizione del ventennio berlusconiano.  Altro che rimarginare le ferite inferte alla società nazionale, anzi ad un intero popolo ridotto al cretinismo.  In sintesi una transizione perfino peggiore della malattia.

Anche per questa ragione c’è soltanto da sghignazzare sulle odierne “rivelazioni” sul “complotto” anti-berlusconiano: bastava vedere le immagini del duetto Merkel-Sarkozy per capire la poca o nulla considerazione di cui godeva l’allora premier italiano e dell’auspicio di “toglierselo dai piedi” il prima possibile.   Dunque, nessuna sorpresa, se non per il pubblico italiano in adorazione dell’incarnazione appassionata dei guasti nazionali.

Ma lo spettacolo non finisce qui.  La quotidiana tragedia nel Mediterraneo si riduce alla lagna sullo scarso aiuto europeo con conseguente replica e controreplica:  Dimenticando peraltro che l’Italia mantiene il record nel malo uso degli apporti europei.  Aggiungiamoci per soprammercato l’affaire “sciaboletta”  Scajola, la mamma del latitante Matacena (“le mamme

hanno il “diritto” di aiutare i figli…”) e la moglie insoddisfatta degli sporchi carceri francesi e via con il feuilleton di primavera.   Agenti di scorta “uso Leporello” inclusi.

Infine, un’ultima (provvisoria) notazione.  Al fine di evitare che l’affaire Expo si tramuti in una nuova Tav, si passi ad una riflessione aperta e non ideologica (o isterica) sul che fare.  Ricordando anche che il giudice Cantone non può svolgere per la Repubblica il ruolo del Dottor Zangrillo per Berlusconi. Ci pensino, mentre i cittadini cercano di dare un’occhiata all’agenda europea.  Perché il futuro sta lì.   E non nell’Expo.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto