Flash

09/05/2014

Flash

EXPO 2015.Posa della prima pietra al cantiere  di Rho Fiera

In una giornata assai affannosa, ma prontamente oscurata dall’ennesimo spettacolo allestito intorno a “Matteosubito” e alle sue mirabolanti “captationes benevolentiae” per giovani “creduloni” (“dammi del tu! che te ne pare della mia conferenza stampa con Obama? ma lo sai  che con la Libia l’Eni – e dunque l’Italia…? – guadagna tre miliardi l’anno sul petrolio?”), l’arresto di Claudio Scajola – già beneficato da casa con vista Colosseo e “graziato” dalla Cassazione perché “non sapeva” – ha catturato l’attenzione nazionale più del mega-scandalo dell’Expò di Milano dell’anno prossimo.

Uno scandalo talmente prevedibile, previsto ed inevitabile che già su queste pagine (il 30 aprile scorso) lo avevamo illustrato nella sua genesi e nella sua logica perversa che un ebete trionfalismo nazionale aveva preventivamente sterilizzato impegnando la “Patria” in un’impresa assurda, controproducente e perfino incompresa dai suoi stessi proponenti: da l’ex Sindaco Moratti giù giù fino ai suoi successori e da tutta la nomenklatura lombarda.  Una nomenklatura che ha da tempo liquidato un secolare capitale di credibilità.  Che proprio l’Expo avrebbe potuto e dovuto restaurare.  Invece….

Trasformato con un colpo di bacchetta magica l’evento da seria scadenza aperta sul mondo e dedicato ad un problema globale (l’alimentazione o meglio la sicurezza alimentare mondiale) in una mega sagra della piadina, il grande “banchetto” era già partito con una incongrua e stupida serata di gala con Andrea Bocelli (forse era meglio non andarci…).   Intanto prosperavano decine di iniziative collaterali ugualmente inutili e non previste dall’Ufficio internazionale delle Esposizioni.   Si pensi ad esempio all’assurdo accordo tra l’Expo e l’ANCI (Associazione dei Comuni d’Italia) per organizzare una miriade di sagre della piadina in tutto il territorio nazionale.   Roba da malati di mente: immaginarsi l’expo di Siviglia “accompagnata” dalla sagra del “pata negra” a Pamplona, e quella di Lisbona con una bella “magnata” di bacalau a Porto.    Ma tant’è…  Quando si comincia l’ultimo anno di “preparazione” con un “bando” per l’”Official Partner” dei “soft drinks” è difficile evitare l’adunata del redivivo zoo della Milano “da bere”.

Così mentre tutte le Ambasciate italiane venivano invitate a dedicare la Festa della Repubblica del 2 giugno all’Expò 2015… presumibilmente allo scopo di rendere il “tonfo” ancora più visibile e – magari – far sghignazzare tutto il mondo, la bolla mediatica (una delle tante di queste settimane…) si infrangeva contro patetici tentativi di rinvio di una scadenza ricercata ed ottenuta da più di un lustro.      Di fronte allo stato dell’“arte”, mirabile sintesi di impreparazione e malaffare, dignità vorrebbe non il rinvio, ma la rinuncia.     Difficile aspettarsela da una Milano e da una Lombardia devastata per decenni da una classe dirigente (Lega+Formigoni+spettro di Berlusconi e co.) “esemplare” della crisi nazionale.

Eppure ancora una volta si cercherà di coprire le “vergogne”  con un fiume di gabbole ed il ricorso all’improvvisazione, talento innato della sempiterna Italietta.

Quanto al “dignitario” di Forza Italia (ed ex democristiano) Claudio Scajola è “divertente” ricordare come nelle scorse settimane – non appena scampato alle conseguenze legali dell’attico al Colosseo – si aggirasse alla ricerca e con la pretesa di un adeguato “risarcimento” ministeriale e/o di alta e lucrosa carica politica.   Premio per il probabile (secondo l’accusa ed il mandato d’arresto spiccato contro di lui) sostegno alla latitanza di un ricco malvivente.

Di fronte al fantastico revival di “mani pulite” le reazioni politiche sono del tutto prevedibili: silenzio del PD (con il “povero” compagno Greganti ancora in manette), accuse di “giustizialismo elettorale” alla magistratura della Destra berluscon-alfaniana, compiacimento del Movimento Cinque stelle.     Infine si annuncia il viaggio di Renzi a Milano per “sistemare le cose”.     Magari con un’edizione straordinaria del “Truman Show” in cui è specializzato ed al quale deve la sua forse improvvida “investitura”.  Peraltro non sanzionata da alcun voto popolare: insomma una “sera del vincitore” senza gara alcuna.

Nessuno neppure pensa che la soluzione più decorosa sarebbe – appunto – rinunciare.  Chiedere scusa per il “disturbo” ed iniziare quel “lavacro” prima che politico, morale, di un Paese che – come il famoso pesce – “puzza dalla testa”.   Ammesso che ancora ce l’abbia… Non avverrà… a meno che gli elettori del 25 maggio non lo reclamino alto e forte.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto