Flash

16/01/2013

Flash

Nel suo messaggio di Capodanno il Presidente Napolitano aveva introdotto un assai utile elemento di analisi sulla natura della crisi politica (vero e proprio “lievito” di quella economico-finanziaria) in cui continua a dibattersi l’Italia.   Ci si riferisce qui al fattore “corresponsabilità”: in sostanza il Presidente chiariva che la “classe” politica (i politici professionali a tempo pieno o parziale che siano) non erano i soli responsabili dell’impasse nazionale.   A questi si affiancano a pieno titolo gli imprenditori che non hanno certo utilizzato l’onda lunga neo-liberista o il “raccolto” legato alle privatizzazioni del passato più o meno recente per finalità di rilancio e modernizzazione del Paese bensì per il proprio conto economico.

Al riguardo confessava amabilmente e privatamente un noto imprenditore privato (sortito – come spesso accade in Italia – da una famiglia tutta di imprenditori, legato in più a molte dubbie vicende a finanziamento pubblico e inserite in pubblici servizi) come “l’ultimo ventennio ha prodotto molti “ricchi” e poca ricchezza.  E si vede bene in questi mesi.   Questo avrebbe dovuto essere uno dei temi centrali della campagna elettorale, ma così non è stato ed è assai dubbio che lo divenga in extremis.   Perché? In fondo il messaggio di Napolitano lo dice tra le righe facendo pensare che la responsabilità sia non di questa o quella categoria intitolata a decidere (i “pochi”), bensì della generalità dei cittadini (i “molti”).  E ciò spiegherebbe quella natura “pacifica” degli Italiani alla quale alludeva poche settimane fa un altro imprenditore nonché editore e capo del “partito” de “La Repubbclica” – Carlo De Benedetti riferendosi alla assai quieta reazione sociale alla “scure” montiana.

Insomma, poiché la natura “pacifica” è evidentemente un assunto storicamente ed antropologicamente assai dubbio, non resta che concludere che l’insieme del Paese (singolarmente a partire dai più sfavoriti e meno responsabili…) sia in preda ad una sorta di senso di colpa collettivo. Ragioni ve ne sono, ad esempio l’aver anteposto piccoli vantaggi e qualche favore più o meno occulto (i corporativismi, le piccole omertà, le negligenze) ad una azione collettiva di chiarificazione, impegno, rilancio.

Questo sarebbe il terreno su cui dovrebbe costruirsi la campagna ed il futuro impegno, ma ciò non è.  L’invereconda “campagna del’IMU” con il finto dibattito sugli spiccioli mente si cerca (fin qui con successo) di salvare il malloppo, non viene portata avanti dal solo impudico Berlusconi ed i suoi sicofanti e seguaci vecchi e nuovi, ma registra una entusiastica partecipazione che va dal Prof (sic) Monti ai giudici capo-partito (largo alle competenze…..) senza tralasciare nessuna delle pletoriche “offerte politiche”.

L’idea è semplice e potrebbe funzionare trattandosi della milionesima riedizione del principio della “carota” e del “bastone”: il secondo c’è già stato, la primaa basta prometterla.

Il tutto va concluso con un interrogativo che – dopo i recenti successi mediatici dell’ex Premier – ha una sua legittimità: non sarà che gli Italiani, oltre che pacifici e smemorati, siano anche stupidi?  Ovvero presunti furbi, il che è lo stesso.

Infatti rimane estraneo all’attuale pseudo-dibattito (un po’ “sanremese” nelle sue rituali dinamiche) il nocciolo del problema e cioè il nesso perverso secondo cui l’Italia è simultaneamente investita da un massimo (sorico e globale) di tassazione ed un minimo di rappresentanza (soprattutto grazie  al ruolo perverso della politica “politicienne”, tipo la mancata riforma elettorale e la selezione delle candidature/cooptazioni).  Se si considera che le democrazie sono state costruite sul sinallagma “No Taxation without Representation” si capisce la natura profonda della crisi.  Di più a voler essere chiari fino in fondo (l’opposto di ciò che accade) andrebbe riconosciuto che perfino la Costituzione Repubblicana (certamente rimarchevole per l’incrocio delle tre culture liberale social-comunista e cattolica) ha furbescamente escluso le materie finanziarie dal pur fragile strumento referendario; ciò non bastasse ha perpetuato (con un solo tentativo non riuscito di abolizione, effettuato anni addietro dal Partito radicale) un doppio regime fiscale per i lavoratori dipendenti contrapposti a quelli autonomi: sui primi viene praticata l’esazione immediata e forzosa (“trattenuta alla fonte”) ai secondi viene riservato il “privilegio” della dichiarazione con pagamento più o meno posticipato.    Insomma ed estremizzando una dicotomia tra sudditi e cittadini (evasori inclusi…).

E’ questo il nodo, o il fantasma berlusconiano dell’IMU e i “gabellieri” dela Gerit?   Intanto ancora auguri per le prossime settimane.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto