Flash

08/05/2014

Flash

berleg33

Ben tre Governi (il sessantunesimo, il sessantaduesimo, il sessantatreesimo) si sono succeduti dal novembre 2012 alla testa della Repubblica.   Su tre Presidenti del Consiglio (Monti, Letta, Renzi), uno solo era presieduto da un membro del Parlamento, gli altri due premier rispettivamente sono un professore universitario (nominato senatore a vita dal Presidente della Repubblica all’alba dell’incarico governativo) e – attualmente – un Sindaco eletto al vertice del Partito di maggioranza relativa.

Non si vuole qui discutere sull’ “eleganza” e/o la piena rispondenza costituzionale di  una procedura quantomeno insolita negli oltre sessant’anni di democrazia, quanto piuttosto attirare l’attenzione e la riflessione – alla vigilia delle elezioni per il Parlamento europeo – sul fatto che siffatta procedura si è accompagnata al triennio più duro e più triste della storia postbellica dell’Italia.  Che tale è e tale rimarrà nel prevedibile futuro, almeno a stare a tutti gli indicatori, inclusi quelli di carattere “sociale”.

Purtroppo questi Governi – tutti di formazione extra-parlamentare – non possono (e tanto meno nell’imminente scadenza elettorale…) essere sfiduciati dai cittadini con il voto.  E questo per la semplice e buona ragione che coalizioni e programmi (ove ci siano) non sono stati sottoposti ad alcun vaglio da parte dei cittadini.     Una “torsione” non prevista dalla nostra Costituzione che ha reso perfettamente logico uno sconvolgimento di tutti i parametri alla base della cosiddetta “offerta politica”.   Una situazione che si può spiegare con un esempio: il signor Rossi (o la Signora Rossi) va dal macellaio a comprare due hamburger di manzo e gli vengono venduti quelli vegetariani.  E fin qui poco male (a condizione che il prezzo sia congruo ed i componenti siano dichiarati).  Ma nulla di tutto ciò avviene nell’attuale caos pilotato (da chi?): il macellaio insiste a dire al compratore che trattasi di manzo e – di fronte alle contestazioni di un cliente magari anche disponibile al test vegetariano, ma non alla presa per il c. – si irrita, lo caccia, lo accusa di “passatismo” e perfino di oltraggio alla sua superiore competenza.

Altro paragone illustrativo, questa volta tratto dalla storia vera dell’ultimo ventennio.  Il Caimano, già Cavaliere, aveva convinto una buona fetta di Italiani che gli hamburger di soia sono un toccasana e quelli di manzo pericolosi per la salute; un’altra fetta (più contenuta) di concittadini approvava la favoletta ben sapendo che la propria “dieta” era, e rimaneva, fatta di succulente “fiorentine”.   In buona sostanza l’Unto del Signore (ed anche dal fondotinta, dalla colla colorata capillifera, eccetera, eccetera) vendeva porcheria avvolta di una strisciolina di carne di buona qualità.   E di qui il consenso pluridecennale.

Il nuovo “modello” di direzione politica (reso possibile dalla “torsione” costituzionale di cui si è detto) non prevede più neppure la strisciolina commestibile.   Basta rovesciare tutti i nomi delle cose.  Opero restaurazioni (esempio le liberalizzazioni selvagge nel “mercato del lavoro”, ovvero sulla viva pelle dei cittadini al lavoro o senza lavoro) e le chiamo incentivo all’occupazione, butto qualche monetina ai semi-poveracci (niente ai poveracci integrali evidentemente irrecuperabili) e lo chiamo sostegno al reddito ed incentivo ai consumi.   Svuoto l’apparato pubblico dello Stato e – sotto l’usbergo della qualunquistica parola d’ordine “lotta alla burocrazia” – definisco il tutto come “modernizzazione” del Paese.

Non basta: invece di introdurre meritocrazia e riequilibrio generazionale e tra i sessi, nomino plotoni di giovani donne (senza alcun “screening” di competenze ed esperienze che non sia la fedeltà al “capo” o ai “capi”) come la classe dirigente di un Paese rinnovato, modernizzato e libero da discriminazioni di genere.  In breve un fiotto di placebo di tutti i tipi destinato a surrogare l’evidente assenza di un progetto politico minimamente consensuale.    Nel frattempo all’estrema destra dello spettro politico non ci sono più esponenti della Destra “storica” bensì il cosiddetto Partito Democratico la cui piattaforma è tutta costruita sui cascami del più integralista revanscismo liberista.   Infatti, anche senza toccare i temi della politica estera e degli “allineamenti internazionali” (temi notoriamente interdetti alla pubblica opinione italiana allevata in un’ottica provinciale, piagnona, autoconsolatoria), è impressionante assistere alla definitiva liquidazione di un secolare patrimonio di riflessioni e di lotte e all’assunzione di un mimetismo perfetto con i più espliciti parametri anti-welfare.   Dalla Thatcher a Blair dando via libera al tradizionale livore della sinistra comunista (e post-comunista…) per tutte le esperienze socialdemocratiche o semplicemente keynesiane.

Purtroppo questo impressionante fenomeno di distorsione non soltanto politica, ma addirittura storica, non viene avvertito appieno dalla maggioranza dei cittadini: questa infatti capisce di più il vacuo slogan della “speranza versus la rabbia” (“Matteosubito” dixit).  E, quindi, si autocondanna all’impotenza e ad una subalternità senza precedenti nella storia repubblicana italiana.

Ed allora che fare e come collocare l’imminente scadenza europea in questa drammatica impasse che sta facendo milioni di vittime senza nome?

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto