Flash

06/05/2014

Flash

1586858-gufo

Il “bestiario” di Matteo Renzi – come lui stesso sottolinea – si arricchisce di giorno in giorno.   Una volta (ma quando?) “C’erano solo i falchi e le colombe della politica, ora ci sono gufi e sciacalli”… dice su tutti i media il giovanotto toscano.   Si tratta ovviamente di una rappresentazione un po’ primitiva, ma certamente un modo efficace di sintetizzare la situazione attuale e – tuttavia – non si può consentirvi per la semplice e buona ragione che ripropone ancora una volta una divisione tra buoni e cattivi.  Per di più con una doppia classificazione dei “cattivi”.     Fuor di metafora ci sarebbero (nella visione “pubblica” di Matteosubito”)  quelli che pensano che tutto andrà male e che i provvedimenti governativi come ad esempio lo stimolo dell’economia o  l’alleviamento delle condizioni delle fasce di popolazione più svantaggiate (leggasi l’“elemosina” di 80 – o meno – euro) non miglioreranno la crisi nazionale) e questi sono i gufi…  Quanto agli “sciacalli” sarebbero quelli che approfittano di una situazione  difficile ed irta di “incidenti di percorso” per attaccare il Gabinetto Renzi.  Anzi il Paese.

E qui casca l’asino.  Infatti l’autoidentificazione che Renzi fa tra sé medesimo e tutti noi, l’Italia nel suo complesso, appare quantomeno temeraria.   La frenesia iniziale, il mito della velocità salvifica, il compiacimento per “riforme” che riforme non sono, quanto piuttosto “pateracchi” probabilmente anti-costituzionali e/o invenzioni di barocca ingegneria istituzionale (aggravate dalla rinnovata presenza di “alchimisti” della “nomenklatura” quale la superstite della “rottamazione” Anna Finocchiaro)  ebbene tutto spinge non già verso la ripresa ed il cambiamento quanto piuttosto sempre più vicino ad un ulteriore abisso.

E se non proprio l’abisso, certamente una più forte divaricazione tra la dialettica politica ed i bisogni del Paese e – a più forte ragione – l’individuazione di una qualche visione o almeno di una direttrice di marcia condivisa.    Così, mentre Renzi ci racconta giulivo di essere “andato in elicottero” a Senigallia e che riassorbita l’ennesima inondazione si tornerà “alla splendida rotonda sul mare” della città adriatica, ogni giorno drammatici episodi ci ricordano quanto sia  pervasiva la crisi e la “perdita di significato “ in cui è immerso il Paese.  I fatti criminali di Roma ne sono una drammatica testimonianza e dovrebbe essere chiaro a tutti che l’Italia non può essere risanata né da Genny ‘a carogna, né dallo “zucchero a velo” sparso a  piene mani dal Capo dello Stato con esortazioni ed ammonimenti, né dalla scesa “in campo” di Marina Berlusconi, né dalle sempre più frastornate “vestali” di Renzi (si osservi a documentazione  lo sfiorire della Ministro Boschi, le estasi mistiche di “sorella coniglietto” Simona Bonafé e variegato contorno connotabile come “renzismo”.        Scherzando (per una volta) si potrebbe infatti dire che il “renzismo” è la fase finale del pidiismo (difficile dire: fase finale del “comunismo” e – se mai – fase finale – ??? – del capitalismo all’italiana).

Fuor di metafora. Tra meno di tre settimane il voto europeo consentirà – finalmente – l’espressione di una qualche volontà dei cittadini italiani.   E di questa volontà – anche se non si tratta ovviamente di consultazione “interna” bensì per il Parlamento europeo ovvero “indicazione” o non “prescrizione” -  bisognerà tenerne un qualche conto alla sola condizione di essere forte ed intellegibile.   Silenzio, abulia, disinformazione, campagne diversive, mitologie ed ignoranze sono i nemici che abbiamo di fronte: non è Sanremo né X Factor, non è un derby e non è neppure la “notte del vincitore” su cui vaneggiano da troppo tempo non solo le truppe cieche del bipolarismo, del maggioritario, del “deficit” (sic) di governabilità e compagnia cantante ora radunati sotto i vessilli (ogni giorno più stinti) del “renzismo”.   Questa è forse l’ultima possibilità per non uscire dalla crisi con le ossa definitivamente rotte…  In fondo lo dice – e sia pure indirettamente – perfino il triste Ministro Padoan quando parla di “vivacchiare” o ripartire con forza. E’ un eufemismo, ma ci coglie…

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto