Flash

28/03/2014

Flash

papa-francesco-i-peccatori-saranno-perdonati-i-corrotti-no

“Passata la festa, gabbato lo Santo”, così recita un vecchio detto popolare, praticamente un frammento della “saggezza” collettiva italiana, uno di quei talismani che – in assenza di un pensiero critico più articolato e maturo – aiuta a passare indenni attraverso vicissitudini che non si prevedono né – tanto meno – si capiscono.  E questa era un po’ l’idea mentre l’Air Force One si involava verso i cieli dell’Arabia Saudita.    Altro (ambiguo) caposaldo del potere statunitense nel mondo.

In verità già all’alba del giorno fatidico della venuta del “messaggero” da Washington, icona di un paio di generazioni di ex comunisti e (forse “malgrè soi”- al di sopra della sua volontà – misto sublime di ottime parole ed opinabili azioni) leader di quello che una volta si chiamava il “mondo libero”, insomma fin dal primo mattino la messa per i “politici” celebrata da Papa Bergoglio non lasciava presagire niente di buono (non buono per questi “fedeli” più o meno improvvisati) e spingeva ad augurarsi una rapida conclusione di una giornata densa ma difficile.

Accadeva infatti che il Papa (forse per “scaldarsi” in vista dell’incontro con Obama…) decidesse di accogliere la richiesta dei cattolici devoti e di quelli in via di conversione o – più semplicemente alla ricerca di un’assoluzione “forfettaria” .  Il “naso” però non faceva presagire niente di buono ed infatti Bergoglio faceva partire una predica “senza sconti” (per usare un termine assai in auge a Montecitorio e dintorni) e picchiava duro su un punto che gli sta assai a cuore e che – da laici – condividiamo fino in fondo: i peccatori si possono assolvere (e capire), ma non i corrotti perché (ovviamente) costoro hanno smarrito il senso del bene e del male: una nozione che la Chiesa di Francesco non ritiene (così dice da un po’ di tempo…) un proprio monopolio, ma  scaturisce dal semplice utilizzo di un senso umano chiamato “coscienza”).     I peccatori ce l’hanno, i corrotti no.  I peccatori possono redimersi, i corrotti difficilmente tornano indietro.

Ahi, ahi.  Una argomentazione che ricorda un’altra assai condivisibile enunciata qualche mese addietro e cioè quella sulle lobby (gay, massoni, e chi più ne ha più ne metta) tutte colpevoli.  Proprio in quanto lobby.

La durezza di Francesco contro i “sepolcri imbiancati, che si sono allontanati dal popolo” e pensano… agli affarucci loro (poco “ospitale” rimarcava una deputata incautamente devota…) lasciava basiti i professionisti della politica (usi ad autoassolversi nel nome abusato di Machiavelli e nel motto nazionale “ tengo famiglia”, anzi “famiglie”).  Un illividito Casini testimoniava per tutti.

Il punto è che il “gabbato lo Santo” all’indomani della festa diventa così un esercizio acrobatico per almeno due ragioni: la prima è che Obama in persona faceva propria buona parte del messaggio di Francesco (pur nella rituale distinzione dei ruoli..) e riaffermava pubblicamente come imperativa la necessità di rettificare gli effetti negativi della globalizzazione  (incluse le accresciute diseguaglianze e l’aumento delle marginalizzazioni tra individui, classi e popoli).  La seconda è che l’intervento “a gamba tesa” (come si usa dire…) di Bergoglio preannunciava tempeste future per chi si illudesse di ripetere il “magic show” berlusconiano.   Da cui – come ci informano statistiche e cronache – ricchi e felici sono usciti solo i soliti e i ricchi medesimi… con in più la bella Ruby divisa tra la villa messicana e gli investimenti negli Emirati.

In realtà il “gran giorno” ha avuto – come si è già ieri commentato – un nota esplicitamente positiva e cioè l’esplicito incoraggiamento e l’apertura di fiducia di Obama per una possibile “svolta” italiana: la “saggezza” di Napolitano e l’“energia” di Renzi.  Ovviamente non solo personali, ma di orientamento.   Purtroppo allo stato rimane difficile condividere l’auspicio obamiano: gli ultimi tre Governi hanno fatto molto soffrire gli Italiani senza garantire una via realmente né una riparazione dei guasti strutturali del Paese, né una prospettiva nuova per il futuro.  Anzi – come dimostra l’andamento del famoso spread – i soli vincitori sono i mercati finanziari.  E questo, sia detto per inciso, è stato anche il modello di Obama per la fuoriuscita dalla crisi.  Con successo e con una “fase due”…   di rinnovata espansione, se non di riduzione degli squilibri.

In Italia, la fase due è solo verbale o – peggio – contrassegnata da ulteriori contrazioni della sovranità popolare e della rappresentanza democratica gabellate come “riforme epocali” realizzate “a tambur battente”.  Non resta che sperare che l’enfatica ridda” di “Yes We Can”   si traduca in fatti anche nel Belpaese.  Stando magari attenti ad un altro proverbio: “la gattina frettolosa fece i gattini ciechi”.  O importandone un altro dalla Cina: “la Lunga marcia di centomila miglia, cominciò con il primo passo”.   Purchè – aggiungeremo noi – sia fatto nella giusta direzione…

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto