Flash

26/03/2014

Flash

rmcd_4479

Questa è davvero la settimana di “sorella coniglietto” (e ci si scusi questa fisiognomica una volta monopolizzata dall’ottimo – ed ora desaparecido – Alfano già “coniglio ridens ma cattivo”…), ovvero della deputata e pasionaria renziana Simona Bonafé.      Costei – animata da una fede che la star canora Suor Cristina manco si sogna – impazza tutte le sere sui teleschermi in una incontenibile libidine dei conduttori di accaparrarsi le più rappresentative “evangeliste”: il lunedì ci pensa la 7 in cui Corrado Formigli – giustamente preoccupato della “resa” calante dell’ormai senile Sgarbi, e giustamente dubitoso del monopolio dell’“alternativa” confidato al “talento naturale” da lui scoperto, l’industrialotto brianzolo dal profetico cognome (Brambilla) – chiamava appunto la Bonafé per trasformare il suo “talk” (ma chi parla per tutta la sera?) show in un cartone animato e chi meglio della sorellina coniglietto che – non sapendo nulla ma proprio nulla – non disturbasse l’armonia del suo spettacolo.  Tra i suoi “calcolati” sbagli (per l’audience…) la “nostra” ha perfino “spostato” le elezioni europee da maggio a giugno: tanto un mesetto passa presto….

Ma la sera dopo la competizione si scatenava ed il conduttore “a vita” il sepolcrale Floris reclamava per sé la giovane rappresentante del popolo.  Che non deludeva e si lanciava in fantastiche elaborazioni sui risparmi che avrebbero permesso di onorare le promesse del “Capo”.  Per dare pepe e servire la “par condicio” il neo romanziere Floris convocava alla sua “messa cantata” di Ballarò la famosa eurodeputata Lara Comi che coglieva l’occasione per rendere edotto l’intero Paese di avere ricevuto dalle mani di Jean-Marie Le Pen, fondatore del Front National e padre della opima patriota Marine, un prezioso autografo del medesimo.  Fatto questo che trasforma l’esponente della destra italiana in una “ante-marcia” (su Roma, ovvero veterani del Fascismo) di quella d’Oltralpe.

Con siffatte “conigliette” il “fardato” Lupi (tanto nomine) completava – come ogni settimana – il tableau vivant che i telespettatori italiani pagano profumatamente  per vedere trasformate questioni serie in un lugubre “gioco dei pacchi” (senza emozioni, però…).

Morale?   Perché accanirsi contro Moretti (certo tutt’altro che simpatico… nonché nemico giurato dei poveri pendolari) quando la formula è nazionale e si estende dalle infrastrutture, ai servizi, ai media.  Quale formula? Dare un pacco di soldi a vita a delle pseudo-star incollate alle proprie sedie (si staccano solo per i pochi secondi necessari a transitare da una sedia all’altra ovvero nei casi in cui li stacchino i carabinieri su richiesta della magistratura…).  Ma – si dirà – se non servono i cittadini, qualcuno sarà soddisfatto dei loro servizi e chi?   Semplice: i potenti di turno, quelli che ce li hanno messi e quelli che ce li mantengono. E perché?  La risposta va completata dal lettore…  come nella benemerita “Settimana Enigmistica”

Ma il capitolo più gustoso della questione è la scelta degli ospiti parlanti (versione imbalsamata del “grillo parlante” di Pinocchio): ex professori sottratti alla crioconservazione, bruti urlanti  dai dubbi titoli accademici (culturali manco se ne parla), poveri da illustrazione ad un tempo dickensiana e post-moderna in perenne supplica ad un Governo che – chissà perché? – non pensa a loro e alle loro famiglie.    Improbabili giovani esibiti come trofei, eccetera eccetera.

Poi ci si meraviglia della tristezza e della regressione intellettiva che domina il Paese.   Testimoniata, tra l’altro, dal risalto mediatico conferito alle opinioni del “pregiudicato” Berlusconi sull’attuale crisi internazionale: la difesa dell’ex Premier nei confronti di quel Putin che  gli ha regalato il “lettone”, la “giacca a vento macha” e – forse – altre cosucce è esplicita ed indefettibile.  Peccato che sia del tutto irrilevante…

Sempre sul lato “folklore italiano” c’è il grillino che ha aperto il proprio intervento in Parlamento con l’impegno di essere “breve e circonciso”: dichiarazione di identità ebraica, “stravaganza” con risvolto sessuale, semplice lapsus, ignoranza pura e semplice.  Chissà…

La giornata mediatica si è chiusa su due note: il cartone animato rilasciato dall’Ambasciata degli Stati Uniti sulla visita di Obama vista Colosseo (senza peraltro riportare il “classico” commento del Presidente sulla “voglia” di mangiare italiano a Roma…) ed un commento politico del furbo Farinetti (quello che spaccia tonnellate di tonno spagnolo nei suoi empori “dedicati” al prodotto “italiano” ) che continua a scommettere sul suo protetto Matteo Renzi.

Peccato che quest’ultimo cominci a “perdere” in Parlamento su alcuni dei suoi cervellotici provvedimenti, tipo Reggio Calabria e Bergamo proclamate “megalopoli”.  Sic… Oggi si replica per ingannare l’attesa dell’Air Force One.

Meno male che tra una settimana:  “alle Cascine Messer Aprile farà il rubacuori”…Da Odoardo Spadaro al giovane Matteo Renzi: basterà agli italiani?

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto