Flash

25/03/2014

Flash

obama-cancels-meeting-with-putin-because-of-snowden-and-at-least-seven-other-reasonscut

Così ancora una volta non resta che sperare in Papa Francesco che giovedì a Roma riceverà la visita di Barack Obama.   Infatti sia gli eventi sul “terreno” della crisi Ucraino/Crimeana, che le reazioni internazionali in corso consentono ben poco ottimismo e, anzi, rievocano (su “scala” incomparabilmente maggiore) altri infausti momenti di transizione seguiti da tragedie planetarie.   La rapidità – e l’incisività – di reazioni fin qui dimostrata dal nuovo Papato ha una buona occasione per dispiegarsi in una congiuntura incerta e evidentemente pericolosa.

Certo il Putin della Crimea assomiglia poco all’Hitler dell’invasione in Cecoslovacchia del 1938 che aprì le “danze” della II Guerra mondiale, ma le dinamiche in corso hanno la stessa sinistra ritualità: mossa, contromossa, rigido copione fatto di ritorsioni di “sparate” propagandistiche e sostanzialmente di incomunicabilità ed autoreferenzialità.    Ecco perché la “fantasia” di Bergoglio e dei suoi consiglieri potrebbe fare una qualche differenza.  Anche se – come diceva Stalin – il Papa non ha “divisioni” armate da mettere in campo.   Dunque, non un incontro di buona volontà o di rassicurazione dopo le vicende molto sentite negli Stati Uniti della “copertura” dei casi di pedofilia, quanto piuttosto un possibile dispiegarsi del ruolo della Santa Sede a difesa di un’evoluzione pacifica della situazione internazionale. Vedremo.

Intanto la decisione (statunitense ma formalmente adottata dai rimanenti G7 “Occidentali”) di cassare il G8 previsto in giugno a Soci e di ricondurlo al formato originale a 7 e di tenerlo a Bruxelles chiude la porta ad una “ricucitura” a breve.   Ma chiude anche la porta ad una evoluzione positiva durata quasi quattro decadi: partito a 6 a Rambouillet, nei pressi di Parigi, diventato a 7 con l’aggiunta (voluta da Washington) del Canada, originariamente pensato come “incontro del caminetto” per dibattere informalmente tra i leader delle principali potenze economiche  situazione e prospettive dell’economia globale (alla partenza nel 1975: la crisi petrolifera), era diventato nel 1998 (con l’inclusione della Russia) più aderente al ben noto “Concerto delle Potenze” e dal “focus” economico si era in qualche misura ampliato all’orizzonte politico generale (diciamo: del genere “brevi cenni” sui destini dell’umanità…).

Infine,  nel 1999 dal G8 “gemmava” il formato parallelo (ma più strettamente economico) del G20, includendo Cina, India, Brasile, Sud Africa, Indonesia, ecc.; insomma una foto più realistica e completa dell’economia globale e dei suoi referenti statuali.

La “ritorsione” G8 inferta a Putin (in sostanza una sospensione della partecipazione russa) non va ovviamente enfatizzata, ma neppure sottovalutata: non tanto perché dal G8 sarebbe uscita (fatto del tutto insolito…) qualche travolgente e positiva svolta nelle relazioni internazionali e nella “conduzione” del pianeta, quanto perché interrompe una routine insufficiente sul piano dei contenuti, ma comunque rassicurante.

Inoltre. A rendere meno roseo (anzi a renderlo cupo) il panorama internazionale veniva il Summit (con 53 Paesi partecipanti) sulla Sicurezza Nucleare dell’Aja: una sorta di esercitazione in cui di fatto gli unici “legittimi” antagonisti sono o gli “Stati canaglia” (“Rogue States” come la Corea del Nord) o il terrorismo internazionale: pretendendosi cioè che gli altri Stati potrebbero essere “vittime” ma non “aggressori”.   In breve una scadenza che – invece di rassicurare – induce ad un legittimo nervosismo l’opinione pubblica internazionale: tra gli “innervositi” va evidentemente incluso il Premier italiano Renzi “scappato” a metà dei lavori per rientrare a Roma e al dichiaratamente da lui aborrito “teatrino della politica”.

Forse dovrà – anche lui – rassegnarsi ai tempi e metodi della concertazione internazionale: che non sono quelli delle conferenze stampa compiacenti.

Da ultimo. Un segnale cupo viene dal teatro delle contenute azioni militari in Crimea ed altre zone di confine: le truppe sovietiche (pardon: russe) si sono variamente lasciate andare ad atti di brutalità e di umiliazione verso gli Ucraini.   Davvero non un buon auspicio.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto