Flash

25/03/2014

Flash

obama-cancels-meeting-with-putin-because-of-snowden-and-at-least-seven-other-reasonscut

Così ancora una volta non resta che sperare in Papa Francesco che giovedì a Roma riceverà la visita di Barack Obama.   Infatti sia gli eventi sul “terreno” della crisi Ucraino/Crimeana, che le reazioni internazionali in corso consentono ben poco ottimismo e, anzi, rievocano (su “scala” incomparabilmente maggiore) altri infausti momenti di transizione seguiti da tragedie planetarie.   La rapidità – e l’incisività – di reazioni fin qui dimostrata dal nuovo Papato ha una buona occasione per dispiegarsi in una congiuntura incerta e evidentemente pericolosa.

Certo il Putin della Crimea assomiglia poco all’Hitler dell’invasione in Cecoslovacchia del 1938 che aprì le “danze” della II Guerra mondiale, ma le dinamiche in corso hanno la stessa sinistra ritualità: mossa, contromossa, rigido copione fatto di ritorsioni di “sparate” propagandistiche e sostanzialmente di incomunicabilità ed autoreferenzialità.    Ecco perché la “fantasia” di Bergoglio e dei suoi consiglieri potrebbe fare una qualche differenza.  Anche se – come diceva Stalin – il Papa non ha “divisioni” armate da mettere in campo.   Dunque, non un incontro di buona volontà o di rassicurazione dopo le vicende molto sentite negli Stati Uniti della “copertura” dei casi di pedofilia, quanto piuttosto un possibile dispiegarsi del ruolo della Santa Sede a difesa di un’evoluzione pacifica della situazione internazionale. Vedremo.

Intanto la decisione (statunitense ma formalmente adottata dai rimanenti G7 “Occidentali”) di cassare il G8 previsto in giugno a Soci e di ricondurlo al formato originale a 7 e di tenerlo a Bruxelles chiude la porta ad una “ricucitura” a breve.   Ma chiude anche la porta ad una evoluzione positiva durata quasi quattro decadi: partito a 6 a Rambouillet, nei pressi di Parigi, diventato a 7 con l’aggiunta (voluta da Washington) del Canada, originariamente pensato come “incontro del caminetto” per dibattere informalmente tra i leader delle principali potenze economiche  situazione e prospettive dell’economia globale (alla partenza nel 1975: la crisi petrolifera), era diventato nel 1998 (con l’inclusione della Russia) più aderente al ben noto “Concerto delle Potenze” e dal “focus” economico si era in qualche misura ampliato all’orizzonte politico generale (diciamo: del genere “brevi cenni” sui destini dell’umanità…).

Infine,  nel 1999 dal G8 “gemmava” il formato parallelo (ma più strettamente economico) del G20, includendo Cina, India, Brasile, Sud Africa, Indonesia, ecc.; insomma una foto più realistica e completa dell’economia globale e dei suoi referenti statuali.

La “ritorsione” G8 inferta a Putin (in sostanza una sospensione della partecipazione russa) non va ovviamente enfatizzata, ma neppure sottovalutata: non tanto perché dal G8 sarebbe uscita (fatto del tutto insolito…) qualche travolgente e positiva svolta nelle relazioni internazionali e nella “conduzione” del pianeta, quanto perché interrompe una routine insufficiente sul piano dei contenuti, ma comunque rassicurante.

Inoltre. A rendere meno roseo (anzi a renderlo cupo) il panorama internazionale veniva il Summit (con 53 Paesi partecipanti) sulla Sicurezza Nucleare dell’Aja: una sorta di esercitazione in cui di fatto gli unici “legittimi” antagonisti sono o gli “Stati canaglia” (“Rogue States” come la Corea del Nord) o il terrorismo internazionale: pretendendosi cioè che gli altri Stati potrebbero essere “vittime” ma non “aggressori”.   In breve una scadenza che – invece di rassicurare – induce ad un legittimo nervosismo l’opinione pubblica internazionale: tra gli “innervositi” va evidentemente incluso il Premier italiano Renzi “scappato” a metà dei lavori per rientrare a Roma e al dichiaratamente da lui aborrito “teatrino della politica”.

Forse dovrà – anche lui – rassegnarsi ai tempi e metodi della concertazione internazionale: che non sono quelli delle conferenze stampa compiacenti.

Da ultimo. Un segnale cupo viene dal teatro delle contenute azioni militari in Crimea ed altre zone di confine: le truppe sovietiche (pardon: russe) si sono variamente lasciate andare ad atti di brutalità e di umiliazione verso gli Ucraini.   Davvero non un buon auspicio.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto