Flash

21/03/2014

Flash

matrigna

La strada in discesa – per Matteo Renzi – è finita ieri a Bruxelles alla riunione “comunitaria” dei Capi di Governo e, soprattutto, nell’incontro con i due “capi” uscenti Barroso e Van Rompuy.  Il calcolo “furbetto” di ribadire il rispetto del vincolo (peraltro inutilmente definito “anacronistico”) del 3% del deficit (per soprammercato a suo tempo stupidamente assurto in Italia a totem “costituzionale”) e – al tempo stesso di giostrare con i quattro decimali ancora liberi per l’Italia (che per l’anno in corso sarebbe attestata al 2,6% ) si è scontrato con i “distinguo” del vertice tecnocratico (in realtà politicamente ancora forte considerati i Paesi supporter…) si è scontrato con un atteggiamento “roccioso”.

Ed il “Nostro” non ci è abituato: non sa che il suo rituale “stai sereno” non funziona oltre le Alpi.  E non funziona neppure il buttarla sui massimi sistemi: “qui si parla di missione dell’Europa, non di decimali…”.   Ma non è così e non solo per l’ottusità o la chiusura degli interlocutori ai quali – palesemente – non frega niente che l’Italia sia entrata (dice Renzi…) in una fase di rinnovamento rivoluzionario.  Peggio ancora è ricominciata la triste fase dei “sorrisini” che dimostrano come la fase della “simpatia” (o meglio della benevola aspettativa…) ci metta ben poco a trasformarsi nella sopportazione e poi nel compatimento.

Il tutto non solo induce a preoccupazione per la fattibilità del famoso programma della “cartellina” (ovvero la “storica” Conferenza stampa della nuova Italia in tre mesi…) ma anche sulla tenuta del semestre UE a Presidenza italiana che inizierà il primo luglio, cioè all’indomani delle elezioni europee.

Pur simpatizzando (ovviamente) con le aspirazioni e le posizioni del giovane (troppo?) Premier, si è costretti (anche per evitare di vedersi confrontati nel “vasto mondo” con un nuovo Berlusconi e sia pure dal “volto umano”) ad invitarlo a ridimensionare le sue temerarie affermazioni sulla “fame d’Italia” che – a suo dire – si aggirerebbe dappertutto come un propizio fantasma.    Prima capirà che la cupola del Brunelleschi o il Colosseo non sono un lasciapassare universale bensì un costoso “valore” da tutelare e meglio sarà.

L’ingannevole inerzia con cui è stata realizzata la sua fulminea ascesa può convincere le “ragazzotte” della Leopolda trasformate in Ministre con un colpo di bacchetta magica, lusingare i piccoli imprenditori amici suoi, aggregare quegli stessi immarcescibili (e marci) ambienti che avevano salutato l’uomo dell’ “Italia: il Paese che amo” con il segreto pensiero (parole di Gianni Agnelli…) se Berlusconi vince, vinciamo tutti, ma se perde, perde solo lui. Invece a perdere sono stati solo e soltanto tutti gli Italiani…

Ebbene tutto questo è “fuffa” nel Paese della “scialla”, e la prima riforma è culturale, cioè di piena comprensione ed accettazione del livello di degrado del Paese di cui si è voluto assumere il comando.  Muovere contro questo degrado e soltanto dopo averlo riconosciuto.

La verifica bruxellese è stata una incontrovertibile messa in guardia sul fatto che la propaganda interna si ferma – appunto – alle Alpi: l’asta delle auto blu quando si rinnovano i mostruosi contratti di affitto di immobili per Parlamento e Governo (metteteli nelle 250 caserme da dismettere…), quando si sorvola sui volenterosi e semi-ufficiali corrieri della droga, quando si impapocchiano funamboliche leggi anti-omofobiche e si lasciano carceri e diritti alla vita (e alla morte) in condizioni medievali, tutto “congiura” contro l’assunto innovatore del giovanissimo Matteo.    Ahinoi, “tutto si tiene”: e non basterà fare un restyling firmato Renzo Piano alle scuole nel Paese senza asili-nido (o, peggio, con asili nido a rette superiori al salario medio nazionale).   O peggio il Paese in cui la tollerata evasione supera a “due cifre” le dimensioni di qualunque manovra di rilancio.

Il guaio è (per Matteo…e per noi)  che in Italia (a differenza praticamente da tutto il resto del mondo) la politica – mentre cresceva esponenzialmente in inefficienza – cresceva perfino di più in pervasività nella vita dei cittadini.   Per questa ragione la riduzione dell’offerta politica al bipolarismo secco è intrinsecamente idiota (e lascia spazio a qualunque arbitrio autoritario): l’Italia non è una democrazia liberale, non è gli Stati Uniti ove la politica concerne le grandi scelte e non è un “tutore morale” di tutte le civiche condotte.   La superfetazione legislativa (in un apparato legale bizantino) ed il provincialismo culturale sono – a nostro avviso – le pre-condizioni ostative di ogni possibile rilancio.    Forse Renzi se ne è accorto ieri a Bruxelles.     E, comunque, se ne accorgerà quando i baci e gli abbracci con gli altri “potenti” europei cominceranno a farsi più ritrosi e più freddi.

Post Scriptum.  Mentre vanno in onda nuove puntate della telenovela italiana, il contenzioso Est-Ovest (o meglio Russia versus “Occidente”) si indurisce e si allarga alle questioni economiche e soprattutto ai flussi finanziari.   Questi diventano uno strumento per bloccare quello che ormai si configura – con la completata annessione della Crimea – come un vero e proprio revanscismo grande-Russo.   Il blocco nelle banche occidentali dei cospicui fondi di vari personaggi russi (inclusi “oligarchi” vicini a Putin, anzi di alcune casseforti putiniane) viene di continuo aggiornato ed allargato.   Allo stato è difficile valutare l’impatto delle misure, ma è indubbio che il messaggio (annunciato da tempo da Obama) si sta rivelando “forte e chiaro”.    E, per converso, il buonumore di Putin all’indomani di una mossa, che continua a ritenere tanto “felice” quanto giustificata, rimane inalterato.

Meno il nostro, tenuto conto che di tutto l’Europa abbisognava meno che di una sovrapposizione di contenzioso Est-Ovest ad una geopolitica tutt’altro che stabile.  Ora la “piaga” ucraina e circonvicina rimane più che aperta…

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto