Flash

02/01/2013

Flash

Il silenzio di Capodanno – diviso tra vacanze esotiche, fauci satolle  ma per un gran numero di italiani invaso dall’angoscia per le difficoltà con cui si apre il 2013 – si è rotto con il consueto Messaggio di Fine anno del Capo dello Stato.

Un Napolitano insolitamente emozionato (e che ancora una volta ha dimostrato l’abissale distanza che lo separa dai fescennini tardo plauteschi di un Berlusconi, di un Di Pietro, di Grillo e – ahimè – molti altri) ha inteso tenere un discorso commisurato alla scadenza del mandato presidenziale e all’apertura dei difficilissimi ultimi cinque mesi del medesimo.

C’è riuscito?  In parte sì e in parte no, anche se complessivamente non può negarsi che i temi evocati costituiscono la vera agenda per l’Italia, neppure sfiorata da quella del Prof Monti.

L’enfasi sull’equità sociale come pre-condizione di una nuova crescita, la piena adozione di una prospettiva di società “aperta ed inclusiva” con esplicito riferimento anche al mezzo milione di giovani italiani (figli di stranieri, legali e non) a cui è denegata la cittadinanza, la menzione del problema carcerario (inclusa la chiusura di quei centri di trattamento psichiatrico giudiziario a metà tra “fossa dei serpenti” e discarica sociale), il recupero delle intelligenze e delle potenzialità come antidoto alla “fuga dei cervelli” e all’autodepauperamento delle risorse umane interne.

E, tuttavia, nonostante questi ed altri non retorici cenni, è venuto alla luce una sorta di testo e ipertesto che – a nostro avviso – ha purtroppo caratterizzato l’intera Presidenza.  Un esempio: Napolitano ha tutte le ragioni di ricordare che le responsabilità dell’attuale degrado nazionale non ricadono esclusivamente sulla classe politica, bensì sull’intera classe dirigente. Giusto, molto giusto e – se è per questo le responsabilità ricadono perfino sugli italiani medesimi, ma con due obiezioni importanti.   La prima è che nessuno, né gli imprenditori, né altre “classi” si sono assunti volontariamente e completamente responsabilità nazionali. Tranne appunto quel sistema dei partiti che dovrebbe legittimarsi proprio adempiendo a quella “funzione generale”.

La seconda obiezione (sulle cui premesse si sofferma il saggio di Franca Bonichi che pubblichiamo qui accanto) concerne i compiti di coagulo e rappresentanza di ciò che emerge dalle attuali forme di rappresentanza di massa (i “molti”) da parte della “classe politica”: ciò che è accaduto è l’esatto contrario, invece della rappresentanza si è portato avanti un inverecondo sabotaggio. Esempi: emergono gli “issues” – le prese di posizione tematiche dotate di larga maggioranza popolare (dall’acqua pubblica, al diniego del finanziamento pubblico dei partiti, alla riduzione della onerosa superfetazione politica ed amministrativa e così via, alla riforma elettorale) e tutto ciò che fa la classe politica (“generale”, sic, detta anche “la casta” )  è bloccare le richieste, anzi rovesciarle.

Queste constatazioni escluderebbero ogni possibilità di autoriforma, nella quale invece il Presidente sembra credere.  Ma se così fosse perché escludere a priori la partecipazione dei “molti”?   Certo Napolitano invita ad accentuare tale partecipazione, ma “a che pro” se il sistema politico è tarato da almeno un ventennio contro di questa?

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto