Flash

19/03/2014

Flash

sansone0_600X220_90_C

Che l’agonia del Caimano sarebbe stata lunga ce lo aveva  detto esattamente otto anni fa (in questi stessi giorni di inizio primavera) Nanni Moretti con il suo omonimo film.   E ci aveva detto che nel rogo finale avrebbe cercato di trascinare l’intero Paese in un grottesco “remake” del biblico “muoia Sansone con tutti i Filistei”…

Da mesi – mentre l’Italia lotta confusamente per uscire dalla peggiore crisi del secondo Dopoguerra – prosegue lo sgradevole rumore di fondo di questa agonia vissuta nel modo più volgare possibile: a conferma che non di “statista” – o di “unto del Signore”– si trattava bensì di un avido, egolatra, opportunista, trafficante, piccolo borghese.  In breve (e ciò spiega le ragioni del suo successo ventennale) una perfetta incarnazione dei vizi e dell’immaturità nazionale.        E non occorre ripetere ancora una volta le complicità e le viltà di quelli che avrebbero dovuto essere gli “anticorpi” a quella che negli anni è diventata una vera e propria malattia dell’intero Paese: basti dire che la crisi della politica come sintesi “alta” della società nazionale è stata accettata per due decenni in una liquidazione di fatto di un patrimonio che ha avuto non pochi eroi consapevoli e grandi masse in lotta non solo e non tanto per sé stesse, ma per un’idea più alta del destino nazionale.

Questo patrimonio è stato sacrificato in nome di un “realismo” politico che ci ha portato sempre più in basso fino al punto in cui si trova oggi il Paese.  Non solo ma, mentre il vero punto all’ordine del giorno è quello di un risanamento nazionale che si accompagni al rilancio e alla democratizzazione dell’Unione Europea (oltre tutto la sola dimensione in grado di reggere l’urto della globalizzazione e della pervasività autoritaria dei mercati finanziari) da settimane siamo costretti ad assistere ai contorcimenti del cosiddetto Cavaliere e dei suoi aggressivi sicofanti.   E – purtroppo – il “colpo di teatro” dell’intesa tra questi ed il neo Primo Ministro Renzi (per partorire una legge incontestabilmente figlia del “porcellum”…) ha oggettivamente dato fiato a questa patetica Stalingrado brianzola.

La decisione della Corte di Cassazione – resa nota ieri sera – di confermare i due anni di interdizione dai pubblici uffici per il Sansone nostrano dovrebbe definitivamente tagliare la testa al toro ed indurlo (ammesso che ciò sia possibile) ad “accontentarsi” di quanto si è già preso e di lasciare il Paese in pace a confrontarsi con una non facile strada di risanamento e rinnovamento.  Non solo gli Eschimesi, ma anche i Giapponesi e molte altre etnie prescrivono come dovere sociale che gli anziani si ritirino (montagne, nevi, eccetera) e lascino il campo ai giovani assegnando a sé medesimi una fine dignitosa.   Non si pretende tanto dall’ “edonista” lombardo ma – almeno – che ci risparmi settimane preziose che rischiano di precipitarci nuovamente nel ridicolo internazionale e nella confusione interna.   Le prime rabbiose reazioni alla inevitabile decisione della Magistratura fanno dubitare di questo ripensamento in extremis.  Viceversa si affollano le ipotesi più strampalate: dall’investitura di una figlia di secondo letto (sic) ad una campagna elettorale comunque partecipata e contraddistinta dall’invettiva contro le “ingerenze” della preoccupata Europa.

Perfino il grottesco – ed esemplare – caso di una delle sue “protette” catturata all’aeroporto di Roma con un leggiadro bagaglio di 24 chili di stupefacenti non è riuscito ad indurre alla prudenza.  Né tanto meno gli altri procedimenti giudiziari tuttora in corso (caso Ruby/Olgettine e compravendita di senatori) hanno indotto né lui né la sua corte alla moderazione.

Dunque,  sul tappeto resta una sola opzione – o per meglio dire una speranza – e cioè che gli Italiani accolgano (assai tardivamente…) l’appello loro rivolto da Giuseppe Garibaldi un secolo e mezzo fa e cioè il famoso: “siate seri”.    E se proprio non riusciamo ad essere seri, basterebbe un briciolo di cervello per capire che questi non sono i mesi del “bunker della Cancelleria” con i Russi alle porte di Berlino, ma quelli da impegnare per portare le proprie ragioni nella “ristrutturazione” che – comunque – il Governo Renzi porterà avanti.  Più utile dibattere con il “Commissario ai tagli” Cottarelli che portare fiori e cioccolatini al capezzale del Cavaliere.   E, magari, contribuire a quell’ “altra Europa” che potrebbe spazzare via l’idiozia autarchica ed autolesionista del “no Euro”.    Un’idiozia che – tanto per ridere un po’ – si può paragonare al detto popolare: “per fare dispetto a mia moglie, mi taglio i…”.

Insomma ancora e sempre: farsa o tragedia?

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto

Flash | “TUTTI GIU’ PER TERRA”

19/04/2017

Le ultime notizie danno l’”Armada” statunitense già diretta verso la Corea del Nord ed il suo improbabile dittatore come in piena retromarcia rispetto all’itinerario nel Pacifico verso il Mar Cinese settentrionale.  Allo stato possiamo solo pensare che la “Navy” (a differenza delle allegre ...
Leggi tutto