Flash

14/03/2014

Flash

Federica-Gagliardi

E così il polverone si è un po’ depositato e – come si dice – non c’è che da aspettare i tempi tecnici interni (nonché chiarire chi e come paga, se e dove si “taglia”) e l’aggiustamento esterno (soprattutto con l’Europa e la BCE) del megapacchetto…

Ma non è finita qui perché ben due eventi di ieri impongono prepotentemente una chiarificazione troppo a lungo rinviata sul fatto che le politiche interne non prescindono da quella estera e questa – a sua volta – non si riduce alla geremiade del vincolo finanziario, ma è fatta di molti irrisolti quadri di riferimento e di tanti avvenimenti che hanno polverizzato l’immagine del Paese.

Premesso che Il metodo Berlusconi/Tremonti – non diversamente di quello simmetricamente vuoto di Monti – aveva toccato un minimo storico diviso come era tra trucchi e schifezze di piccolo cabotaggio ed affreschi ideologici megagalattici e premesso anche che il decoroso “cesello” internazionale lettiano non ha avuto neppure il tempo di strutturarsi, la cronaca di ieri ed una scadenza parlamentare di primaria importanza (rifinanziamento delle missioni estere, più o meno di pace) hanno segnato un campanello d’allarme intorno alla politica estera nazionale a fronte della quale il “caso marò” è – con buona pace delle famiglie dei militari coinvolti (militari, non figli di mamma come – se mai – erano gli oltre 50 caduti in Afganistan); dunque tutto ciò premesso un preciso campanello d’allarme è suonato per il Gabinetto Renzi.

Non solo il dibattito europeo (e le elezioni di fine maggio) non – ripetiamo, non – è una scadenza di routine bensì uno snodo per la sopravvivenza e la significanza dell’Europa che a noi sono più indispensabili che ad altri più strutturati Paesi, ma anche mettere un focus d’attenzione del tutto ovvio sul Mediterraneo nord-africano e medio-orientale (e sulla priorità asiatica) non bastano.

La cronaca “nera” dell’ex collaboratrice di Berlusconi arrestata all’aeroporto di Fiumicino mentre tentava di entrare con un leggiadro bagaglio a mano di 24 (ventiquattro) chili di droga non è un episodio semplicemente malavitoso di “connection” tra malavita nostrana e “cartelli” latino-americani, bensì la prova che tutto il marcio tra noi e quell’area è stato attentamente coltivato e promosso ai più alti livelli e con il coinvolgimento delle strutture diplomatiche italiane.  La donna – tal Federica Gagliardi – solo quattro anni or sono sedeva al fianco di Berlusconi a Vertice G8 di Toronto e viaggiava su è giù per l’Atlantico a spese del contribuente sugli aerei di Stato gloriosamente gestiti dall’Aereonautica.     E anche questo spiega l’eccesso di confidenza mostrato con il trolley rosa…

Ma la “politica estera” (si fa per dire…) Dispiegata nell’area centro-americana dal neo-Padre della Patria Berlusconi Silvio, non si limita a queste sgradevoli coincidenze e “leggerezze”, infatti – per dirne una – anche quello panamense rimane  un caso aperto non solo per le inchieste a carico dell’ottimo Walterino Lavitola ma anche perché la Farnesina (e soprattutto i i funzionari già in servizio a Panama) vi sono comunque coinvolti.     Anzi la ben scarsa chiarificazione del ruolo da questi svolto ed una gestione complessiva della Farnesina tanto clientelare che opaca rimangono ancora da chiarire e risanare. E difficilmente i diligenti “compitini” della neo-Ministro Mogherini ripuliranno una struttura che definire “impolverata” e reazionaria è molto poco dire.

Ancora peggiore è la situazione per quanto attiene il “decreto missioni” cioè la “polpa” militare e di sicurezza delle nostre presenze internazionali.  Da una parte infatti le scelte operative sono di fatto consegnate alle strutture militari e, dall’altra, il dibattito parlamentare e d’opinione viene sistematicamente – da decenni – castrato proprio quando dovremmo completamente articolarlo e chiarificarlo, non sminuzzarlo o, peggio, trasformarlo in una vuota arena retorica.    In questo modo non soltanto si priva l’Italia di visione e scenari complessivi, ma – a nostro avviso – si costruiscono e si montano inestricabilmente casi del tipo appunto di quello con l’India.

E’ ovvio che il Paese – se davvero vuole rinnovarsi o semplicemente diventare un po’ più “normale” – non può accontentarsi del solo volet “bruxellese” o degli incontri di vertice, ma deve investire massicciamente sulla sua struttura diplomatica.  In primo luogo accendendovi un faro che snebbi ventennali opacità e clientele.  E, contemporaneamente, riannodi politica estera e politica interna.  A partire da un buon colpo di ramazza.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto