Flash

14/03/2014

Flash

Federica-Gagliardi

E così il polverone si è un po’ depositato e – come si dice – non c’è che da aspettare i tempi tecnici interni (nonché chiarire chi e come paga, se e dove si “taglia”) e l’aggiustamento esterno (soprattutto con l’Europa e la BCE) del megapacchetto…

Ma non è finita qui perché ben due eventi di ieri impongono prepotentemente una chiarificazione troppo a lungo rinviata sul fatto che le politiche interne non prescindono da quella estera e questa – a sua volta – non si riduce alla geremiade del vincolo finanziario, ma è fatta di molti irrisolti quadri di riferimento e di tanti avvenimenti che hanno polverizzato l’immagine del Paese.

Premesso che Il metodo Berlusconi/Tremonti – non diversamente di quello simmetricamente vuoto di Monti – aveva toccato un minimo storico diviso come era tra trucchi e schifezze di piccolo cabotaggio ed affreschi ideologici megagalattici e premesso anche che il decoroso “cesello” internazionale lettiano non ha avuto neppure il tempo di strutturarsi, la cronaca di ieri ed una scadenza parlamentare di primaria importanza (rifinanziamento delle missioni estere, più o meno di pace) hanno segnato un campanello d’allarme intorno alla politica estera nazionale a fronte della quale il “caso marò” è – con buona pace delle famiglie dei militari coinvolti (militari, non figli di mamma come – se mai – erano gli oltre 50 caduti in Afganistan); dunque tutto ciò premesso un preciso campanello d’allarme è suonato per il Gabinetto Renzi.

Non solo il dibattito europeo (e le elezioni di fine maggio) non – ripetiamo, non – è una scadenza di routine bensì uno snodo per la sopravvivenza e la significanza dell’Europa che a noi sono più indispensabili che ad altri più strutturati Paesi, ma anche mettere un focus d’attenzione del tutto ovvio sul Mediterraneo nord-africano e medio-orientale (e sulla priorità asiatica) non bastano.

La cronaca “nera” dell’ex collaboratrice di Berlusconi arrestata all’aeroporto di Fiumicino mentre tentava di entrare con un leggiadro bagaglio a mano di 24 (ventiquattro) chili di droga non è un episodio semplicemente malavitoso di “connection” tra malavita nostrana e “cartelli” latino-americani, bensì la prova che tutto il marcio tra noi e quell’area è stato attentamente coltivato e promosso ai più alti livelli e con il coinvolgimento delle strutture diplomatiche italiane.  La donna – tal Federica Gagliardi – solo quattro anni or sono sedeva al fianco di Berlusconi a Vertice G8 di Toronto e viaggiava su è giù per l’Atlantico a spese del contribuente sugli aerei di Stato gloriosamente gestiti dall’Aereonautica.     E anche questo spiega l’eccesso di confidenza mostrato con il trolley rosa…

Ma la “politica estera” (si fa per dire…) Dispiegata nell’area centro-americana dal neo-Padre della Patria Berlusconi Silvio, non si limita a queste sgradevoli coincidenze e “leggerezze”, infatti – per dirne una – anche quello panamense rimane  un caso aperto non solo per le inchieste a carico dell’ottimo Walterino Lavitola ma anche perché la Farnesina (e soprattutto i i funzionari già in servizio a Panama) vi sono comunque coinvolti.     Anzi la ben scarsa chiarificazione del ruolo da questi svolto ed una gestione complessiva della Farnesina tanto clientelare che opaca rimangono ancora da chiarire e risanare. E difficilmente i diligenti “compitini” della neo-Ministro Mogherini ripuliranno una struttura che definire “impolverata” e reazionaria è molto poco dire.

Ancora peggiore è la situazione per quanto attiene il “decreto missioni” cioè la “polpa” militare e di sicurezza delle nostre presenze internazionali.  Da una parte infatti le scelte operative sono di fatto consegnate alle strutture militari e, dall’altra, il dibattito parlamentare e d’opinione viene sistematicamente – da decenni – castrato proprio quando dovremmo completamente articolarlo e chiarificarlo, non sminuzzarlo o, peggio, trasformarlo in una vuota arena retorica.    In questo modo non soltanto si priva l’Italia di visione e scenari complessivi, ma – a nostro avviso – si costruiscono e si montano inestricabilmente casi del tipo appunto di quello con l’India.

E’ ovvio che il Paese – se davvero vuole rinnovarsi o semplicemente diventare un po’ più “normale” – non può accontentarsi del solo volet “bruxellese” o degli incontri di vertice, ma deve investire massicciamente sulla sua struttura diplomatica.  In primo luogo accendendovi un faro che snebbi ventennali opacità e clientele.  E, contemporaneamente, riannodi politica estera e politica interna.  A partire da un buon colpo di ramazza.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto