Flash

13/03/2014

Flash

2412140-renzi_ma

Correva l’anno 2001, si era cioè appena entrati nel secondo millennio, e Silvio Berlusconi spacciava un pezzo di carta “firmato” nelle mani del suo amico Bruno Vespa nell’ospitale (per loro…) salotto di regime di “Porta a porta” come un impegno di realizzazioni nell’interesse degli Italiani: i quasi quindici anni che ne sono seguiti sono stati – senza tema di smentita – i peggiori della storia repubblicana del Paese.

Ieri sera Matteo Renzi si è presentato allo stesso uditorio – cioè noi – con un analogo espediente: tuttavia “tarato” per un pubblico non più “contadino” (annichilito da un foglietto scritto…) bensì avvezzo alla comunicazione visiva ed informatizzata.  E così ha “confermato” i mille euro (annui) per 10 milioni di cittadini.    Non ha praticamente detto chi li pagherà, ma già questa mattina il fido Delrio si lasciava sfuggire l’ovvia conferma che si tratterà dell’ennesimo “travaso” dai ceti medi mentre i grossi patrimoni parassitari resteranno indisturbati.  Del resto la stampa informa che lo stesso Renzi fruisce di un “pied à terre” fiorentino (mentre la famigliola si gode la pace del villino di Pontassieve) cortesemente fornito dal suo amico e finanziatore nonché “appaltatore” comunale (parcheggi, aeroporto)  tal Carrai.   Minuzie, considerato che l’ex Ministro Scajola l’appartamento vista Colosseo lo ricevette “inconsapevolmente” (i giudici confermano che è tutto ok…).

Ma queste sono – ovviamente – solo cattiverie a fronte di un evento per certi versi “storico” e che – infatti – ha fatto parlare di “frustata” di evento “spiazzante” e compagnia cantante basita dalla “modernità” e “radicalità” dell’approccio.  E questo è vero, anche se ai più anziani lo show ricordava irresistibilmente le trasmissioni dell’ “Amico degli animali” Angelo Lombardi con il Sottosegretario Delrio nel ruolo dell’indigeno fedele “Andalù”.  Lo stesso Renzi (altra prova di “modernità”) faceva il controcanto a sé stesso mimando gli imbonitori da fiera (“non ve lo per… ve lo do per… eccetera) e i più disinvolti conduttori televisivi (voglio le domande da giornaliste donne e non da quelle con la barba…).  Chiamava per nome (come Obama…) e con stile anglosassone le giornaliste conosciute, anche a riprova della sua simpatia personale per le reduci dalla sconfitta del diktat delle “quote rosa”.

In sintesi ci vorrebbe Arbasino per descrivere il clima da “signora mia, quanto è carino… ci ha perfino raccontato della sua colazione con il brasiliano Lula, quanto è fresco, quanto è moderno…”   Logico che susciti la simpatia (e l’invidia?) del vecchio Caimano costretto a metter mano al portafoglio…

Estetica a parte, va però riconosciuto – e suscita una qualche non irragionevole aspettativa – il fatto che tutto l’impianto – e la tempistica – degli impegni costituisce di per sé un’innovazione rispetto all’isolamento (prima di tutto culturale) di tutti gli ultimi Governi: passare da Monti/Fornero e perfino da Letta e co. ad un lessico fin troppo comprensibile (es: “ci vogliono un paio di mesi per elaborare i dati del provvedimento “x” o “y”, quindi se ne parla il 1 maggio…) costituisce una rivoluzione copernicana di cui il Paese aveva assoluto bisogno.

Di più.  Se vi è una qualche garanzia che la “Garzantina” enunciata ieri sera venga attuata (vedremo come…) non risiede tanto nel carattere “pattizio” dell’insieme, quanto piuttosto nella concretezza temporizzata del medesimo.    Come dicono gli agricoltori della Nuova Zelanda: “le pecore si contano a maggio…”.

Le note di contorno (il ciellino Lupi, il bonario Poletti) hanno avuto solo la funzione di non spezzare troppo presto il “climax” montato da Renzi (es.: “leggete la cartellina, ma dov’è la cartellina”: sottinteso “berlusconiano”: se non faccio io tutto, qui non funziona niente…).  E tuttavia – anche qui – il neo-Ministro del Lavoro ha dato un tocco di interessante ragionevolezza (altra rivoluzione copernicana per un Paese pateticamente “pinguino”) parlando di superfetate “leggi tortura” (ovviamente da abolire), di snellimento e concretezza nella gestione del mercato del lavoro, nonché di un punto fin qui completamente assente nelle piattaforme Monti e Letta: la necessità, il dovere “morale” dell’impegno collettivo e della responsabilizzazione individuale.  Esempio: chi percepisce prestazioni “sociali” sarebbe tenuto a “restituirle” sotto le più varie e possibili forme di volontariato.   In sostanza una politica non solo di diritti, ma di inclusione.   Il che sottende ovviamente un’ottica che non si può non condividere e che vede come motore essenziale della fuoriuscita dalla crisi (= coma) un solidale impegno di tutti i cittadini.

Del tutto a margine va detto che i “grandi” Sindacati – e cioè CGIL e CISL – (ormai autoconfinati nel ruolo di “panna montata”, spesso acida, sulla torta) si sono prontamente allineati.  Forse sperando di far dimenticare di aver “lasciato soli” milioni di lavoratori e pensionati soprattutto negli ultimi terribili anni.    A meno di non voler considerare “vittorie” le protagonistiche “campagne”  dell’ottimo Landini, un velleitario “grillo parlante” di quelli che si sente più dirigente di quelli che dirigenti (buoni o cattivi…) lo sono davvero.

Finalino ottimistico (e tale da irritare tutti…) . Meglio Renzi che Bertinotti… se proprio il Paese non dispone di niente di meglio… Almeno il primo è incontestabilmente vivo…

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto