Flash

04/03/2014

Flash

Theatrical Release

La scalinata sul porto di Odessa (Crimea, sul Mar Nero) ricorda a chi scrive – più che la memorabile scena del film “La corazzata Potemkin” e dei prodromi della rivoluzione bolscevica – una lunga navigazione fluviale (tre/quattro giorni) scendendo il corso del Dnieper da Kiev fino appunto ad Odessa, passando cioè dall’Ucraina/Ucraina all’Ucraina/russa.   Si era già all’indomani dell’89 e la nazione “sorella” aveva ormai acquistato la piena indipendenza all’indomani dell’ esausta ”implosione” sovietica.   Una indipendenza che – nel secondo dopoguerra – aveva comportato soltanto un doppio seggio “sovietico” (URSS + Repubblica Ucraina) alle Nazioni Unite.   Per il resto la linea di separazione era stata praticamente inesistente: molti dirigenti sovietici erano di origine ucraina o comunque per nascita (Krusciov per tutti) per non parlare della cultura, più che contigua (basti pensare al Bulgakov del “Maestro e Margherita”…).

Così, già un quarto di secolo fa,  la separazione aveva comportato traumi assai limitati ed il tessuto sociale si prestava più che ad una contiguità ad una convivenza pacifica.   E, tuttavia, il germe dell’attuale conflitto era già in latenza: comune l’uscita dall’Impero sovietico, ben distinte le strade future.   Per chiarire: se era nelle cose che la Russia (Putin o non Putin…) avrebbe “recuperato” un qualche destino da “grande” Potenza, era altrettanto ovvio che l’Ucraina si sarebbe posta come un medio Paese europeo alla ricerca – appunto – di un ruolo regionale in collegamento con l’Europa.   L’Europa dell’Unione.

Il parallelismo iniziale, visibile fin nei minimi dettagli (la sparizione delle “papiroske” i robusti sigari di cartone dell’era sovietica e la loro immediata sostituzione con le “esangui” Marlboro), o – su più larga scala – la dinamizzazione delle rispettive società procedevano di pari passo, ma i destini non erano convergenti: troppo “nazionale” quello ucraino, inevitabilmente “imperiale” quello russo.   Le travagliate e grossolane gestioni a Kiev della Timoshenko prima e di Yanukovich poi erano destinate a favorire l’attuale collisione.

Fuori dell’enfasi propagandistica (e Angela Merkel sembra fin qui cogliere il punto meglio del retorico Obama e non a caso funge da battistrada europeo, Italia inclusa) il nocciolo della dura linea di Putin  merita – se non altro – attenzione.   Per ragioni “congiunturali” e cioè l’evidente irritazione infertagli alle Olimpiadi di Soci trasformate in una tribuna anti-omofobica (certo: colpa sua…), ma anche per ragioni più profonde e cioè l’ovvia “inaccettabilità” per la Russia di veder praticamente ignorate le proprie “minoranze” in territorio ucraino.

Di più: con non infondato paradosso, si potrebbe affermare che l’Ucraina sta alla Russia come il Canada sta agli Stati Uniti.   Con tutto quello che ne consegue.

Ed è allora evidente che la materia va maneggiata con prudenza ed intelligenza critica.   E così speriamo che avvenga nel Vertice europeo dei prossimi giorni.   Il ricorso al “Gruppo di contatto” in sede OSCE (che i media italiani confondono spesso e volentieri con l’OCSE ove questa è l’organizzazione economica consultiva dei Paesi ad economia capitalista Giappone e Corea inclusi nonché gli Stati Uniti, mentre l’altra è la struttura politica che discende dal processo di sicurezza europea post-Helsinki…) potrebbe essere una via d’uscita che ricomponga posizioni che inevitabilmente virano verso contrapposizioni ideologiche, o – peggio – anacronisticamente propagandistiche.

La guerra “fratricida” nella ex Jugoslavia (pur con tutte le differenze del caso…) dovrebbe imporre una sorta di invalicabile tabù a cui richiamare tutte le parti in causa.  E, al tempo stesso, non si può non utilizzare questa drammatica crisi per rammentare quanto pochi – se pure vi sono – siano i passi avanti compiuti per avvicinare le strutture politiche o – quanto meno – valorizzare gli strumenti di ricomposizione pacifica (“diplomatica”) dei conflitti.  La reazione “apprensiva” delle Borse e dei mercati finanziari dimostra che anche questi “parassiti” globali temano ferite ed esplosioni allargate che metterebbero in forse il loro proficuo “habitat”.   Ancora una volta il punto dolente della forma “Stato nazionale” si ripropone come un acceleratore – detonatore – di problemi ed ostacolo non solo alla risoluzione dei nodi globali, quanto piuttosto alla stessa convivenza pacifica.  Difenderlo o costruirvi intorno una rinnovata retorica non servirebbe a nessuno e certamente non alla giovane Ucraina.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto