Flash

27/02/2014

Flash

010101e

Se Grillo non fosse Grillo e se il suo partner Casaleggio avesse fatto spazio alla storia tra le sue conoscenze tecniche, forse il Movimento a Cinque stelle (anzi il primo errore risiede proprio nell’aver scelto come nocciolo duro di un movimento potenzialmente libertario “cinque punti   a capocchia” invece di definire uno spazio programmatico aperto ed una  metodologia realmente partecipativa…) forse il movimento sarebbe diventato un serbatoio di presenza politica dal basso, dai cittadini, e non un’operazione mediatica destinata in ultima analisi a rafforzare – e non a far saltare – l’afasia politica e la concentrazione di potere della moribonda partitocrazia italiana.

Ma, come banalmente si dice, la storia non si fa con i se e con i ma… ed eccoci qui a calcolare quanti “espulsi” dei 5 Stelle ci vogliano per rendere più “solida” l’ambiguissima opzione renziana.  Un’operazione che – in attesa di vedere qualsivoglia risultato del decisionismo liberista di Renzi – si riduce alla trasformazione dell’agonia “assistita” del Caimano  in un potere perpetuo di interdizione legato ad una persona (ed ai suoi personalissimi interessi e concezioni “piccolo-borghesi”) all’interno di uno sfascio nazionale senza precedenti nella storia repubblicana.

La vicenda delle espulsioni “per lesa maestà” del “Mangiafuoco” Grillo (deluso e frustrato nella sua convinzione narcisista di aver “fatto a pezzi” in “streaming” il suo impotente contraddittore Renzi) e l’implosione che ne consegue a meno di tre mesi dalle elezioni europee confermano intanto come la “purezza” politica ed un’autocrazia opposta ma simile a quella berlusconiana portano inevitabilmente a ricostruire le fondamenta di una restaurazione di cui la comatosa Italia non ha certo bisogno.

I fatti del giorno sono lì a dimostrare la perenne validità dei meccanismi che portarono il “puro” Robespierre prima al massacro fisico di massa (dei progressisti… dell’epoca) e poi al sacrificio mostruoso di sé medesimo ed infine al “nuovo ordine” conservatore e reazionario del Termidoro (leggasi il recente e profondamente documentato “Robespierre. A Revolutionary Life” dello storico australiano Peter McPhee…).   Una costante storica rinverdita – come a tutti noto – da Stalin ed oggi involontariamente auto-ridicolizzata – fortunatamente – dalle “testuggini spartane” del giovane grillino Di Battista.

Ma, a parte il dispiacere soggettivo di doversi ancor oggi confrontare con la costante giacobina (altro che Partiti “padronali” e varie opportunistiche “monnezze” sociali…), il punto rimane quello della forse impossibile ricostruzione di un tessuto democratico nel Paese.  Gli oltre vent’anni “guadagnati” per la sopravvivenza delle oligarchie partitiche ed imprenditorial-parassitarie sono costati al Paese un decennio di regressione economica e civile e continuano a rendere impossibile la fuoriuscita dalla crisi.    E nonostante ogni possibile ottimismo sulla “svolta” renziana (del resto motivato soltanto con il duplice mantra dell’ “ultima spiaggia” e dello “stellone d’Italia”), le prospettive restano assai cupe.   Perfino il conservatore “Wall Street Journal” non si esime dal ricordare che il 48% dei giovani italiani emigrano o – quanto meno – dichiarano il proprio desiderio di farlo.   Altro che “fame d’Italia”…. Altro che “generazione Erasmus”…

Nel frattempo e nel mezzo di turbolenze di cui è difficile prevedere l’esito, i più coriacei tra i sopravvissuti della Seconda Repubblica (il “ragno” tessitore D’Alema per tutti…) progettano un proprio più ampio futuro a partire dalle elezioni europee.   Ed anche questo sarà un banco di prova per verificare se la scadenza e le opportunità che si offrono verranno usate per il Paese o – appunto – per “sistemare” questi “sopravvissuti”

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto