Flash

27/02/2014

Flash

010101e

Se Grillo non fosse Grillo e se il suo partner Casaleggio avesse fatto spazio alla storia tra le sue conoscenze tecniche, forse il Movimento a Cinque stelle (anzi il primo errore risiede proprio nell’aver scelto come nocciolo duro di un movimento potenzialmente libertario “cinque punti   a capocchia” invece di definire uno spazio programmatico aperto ed una  metodologia realmente partecipativa…) forse il movimento sarebbe diventato un serbatoio di presenza politica dal basso, dai cittadini, e non un’operazione mediatica destinata in ultima analisi a rafforzare – e non a far saltare – l’afasia politica e la concentrazione di potere della moribonda partitocrazia italiana.

Ma, come banalmente si dice, la storia non si fa con i se e con i ma… ed eccoci qui a calcolare quanti “espulsi” dei 5 Stelle ci vogliano per rendere più “solida” l’ambiguissima opzione renziana.  Un’operazione che – in attesa di vedere qualsivoglia risultato del decisionismo liberista di Renzi – si riduce alla trasformazione dell’agonia “assistita” del Caimano  in un potere perpetuo di interdizione legato ad una persona (ed ai suoi personalissimi interessi e concezioni “piccolo-borghesi”) all’interno di uno sfascio nazionale senza precedenti nella storia repubblicana.

La vicenda delle espulsioni “per lesa maestà” del “Mangiafuoco” Grillo (deluso e frustrato nella sua convinzione narcisista di aver “fatto a pezzi” in “streaming” il suo impotente contraddittore Renzi) e l’implosione che ne consegue a meno di tre mesi dalle elezioni europee confermano intanto come la “purezza” politica ed un’autocrazia opposta ma simile a quella berlusconiana portano inevitabilmente a ricostruire le fondamenta di una restaurazione di cui la comatosa Italia non ha certo bisogno.

I fatti del giorno sono lì a dimostrare la perenne validità dei meccanismi che portarono il “puro” Robespierre prima al massacro fisico di massa (dei progressisti… dell’epoca) e poi al sacrificio mostruoso di sé medesimo ed infine al “nuovo ordine” conservatore e reazionario del Termidoro (leggasi il recente e profondamente documentato “Robespierre. A Revolutionary Life” dello storico australiano Peter McPhee…).   Una costante storica rinverdita – come a tutti noto – da Stalin ed oggi involontariamente auto-ridicolizzata – fortunatamente – dalle “testuggini spartane” del giovane grillino Di Battista.

Ma, a parte il dispiacere soggettivo di doversi ancor oggi confrontare con la costante giacobina (altro che Partiti “padronali” e varie opportunistiche “monnezze” sociali…), il punto rimane quello della forse impossibile ricostruzione di un tessuto democratico nel Paese.  Gli oltre vent’anni “guadagnati” per la sopravvivenza delle oligarchie partitiche ed imprenditorial-parassitarie sono costati al Paese un decennio di regressione economica e civile e continuano a rendere impossibile la fuoriuscita dalla crisi.    E nonostante ogni possibile ottimismo sulla “svolta” renziana (del resto motivato soltanto con il duplice mantra dell’ “ultima spiaggia” e dello “stellone d’Italia”), le prospettive restano assai cupe.   Perfino il conservatore “Wall Street Journal” non si esime dal ricordare che il 48% dei giovani italiani emigrano o – quanto meno – dichiarano il proprio desiderio di farlo.   Altro che “fame d’Italia”…. Altro che “generazione Erasmus”…

Nel frattempo e nel mezzo di turbolenze di cui è difficile prevedere l’esito, i più coriacei tra i sopravvissuti della Seconda Repubblica (il “ragno” tessitore D’Alema per tutti…) progettano un proprio più ampio futuro a partire dalle elezioni europee.   Ed anche questo sarà un banco di prova per verificare se la scadenza e le opportunità che si offrono verranno usate per il Paese o – appunto – per “sistemare” questi “sopravvissuti”

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto