Flash

26/02/2014

Flash

renzi_fiducia_camera_645

Con il doppio voto di fiducia (Senato prima, Camera poi) il “bastimento” Renzi è rapidamente partito in un clima quotidianamente “melò”.   Come al solito lo accompagnano ulteriori dati negativi sull’economia reale: quella cioè della disoccupazione, della stagnazione, della paralisi in cui il Paese rimane al di là di qualunque “sparata” auto-elogiativa (tipo: “siamo grandi, veniamo da lontano, ce la faremo  e…. i “marò” sono al primo posto).

Il messaggio è ormai “scarnificato” e – fortunatamente – i tempi di una qualunque “verifica” sono ormai accorciati al massimo.  Anche per la buona ragione che la “velocità” è l’unico contenuto programmatico della “svolta Renzi”.  Ed in effetti il nuovo Premier rovescia le premesse  dello stallo permanente che da anni era diventato la vera Costituzione materiale dell’Italia: uno stallo officiato quotidianamente dai “sacerdoti” della politica politicante.   Nulla si muoveva e nulla doveva muoversi a dispetto dell’evidenza di un Paese rimasto il solo – in Europa – inerte ed incistato in una crisi avviata verso il decennio.   E ciò per la buona ed  evidente ragione che i suoi problemi erano – e sono – strutturali e non congiunturali.

Non è che questo fatto non fosse noto e non avesse suscitato preoccupazioni da almeno cinque anni.   Eppure – vista l’assenza di qualunque risposta politica o sociale – si era ritenuto più che sufficiente occuparsi soltanto dell’epifenomeno (la crisi finanziaria ed il rapporto con il mercato internazionale dei capitali) quanto ai problemi dei cittadini e alla marcescenza del Paese dovevano bastare i retorici appelli presidenziali.   Una scelta suicida per tutti ed una rassicurazione per i gruppi e ceti che nell’ultimo ventennio avevano divorato il Paese, simultaneamente condannandolo ad un rimbecillimento  nazionale da cui non è facile uscire: si pensi soltanto al suicidio del movimento sindacale, alla sostituzione della politica partecipata con i miti (primo tra tutti quello della “dinasty” piccolo-borghese di Silvio Berlusconi).   Il tutto è avvenuto anche grazie all’assenza in Italia di un’industria della comunicazione non asservita .   Una afasia “logorroica” e appunto servile che in questi giorni continua ad autocelebrarsi su tutti i media.

Un esempio di questa orwelliana impasse viene dato in questi giorni con la mitizzazione mediatica (positiva e/o negativa) di Matteo Renzi e con il silenzio assordante su cosa e chi “spinge” il giovane politico se non al successo, certamente ad una fulminea ascesa.   Insomma sulle forze, gli ambienti, gli interessi che – dopo aver fallito sia con Monti (resta il mistero di chi lo abbia ritenuto all’altezza di un’operazione salvifica quando era evidente a chi lo avesse incontrato anche una sola volta la sua totale assenza di senso politico e – forse – di buon senso “tout court”), sia con Letta (la cui colta ma fragile diligenza era palesemente inadeguata per il purulento caos italiano) – individua nell’ex Sindaco di Firenze e nella sua irrefrenabile ambizione l’ “arma segreta” per far passare “la nottata”.   Possibilmente lasciando indenni tutti (o quasi) i responsabili del “trentennio perduto” dell’Italia.   Anzi perfino affidando il Dicastero dello sviluppo ad un imprenditore all’avanguardia delle delocalizzazione ed dell’autoritarismo aziendale e cioè la politica industriale non allo Stato ma ai privati: “indietro tutta”.  Altro che futuro….

E,  si badi bene, quella che precede non è un’ennesima interpretazione di una realtà in movimento, quanto un’analisi di un “successo” di dimensioni inusitate nella rigida Italia.    E, dunque. come è potuta avvenire questa rottura, questa avanzata senza ostacoli e – di fatto – con la “sola” condizione di un patto preliminare con il cosiddetto “avversario” Berlusconi?   Qui sta il punto a cui nessun osservatore si pone (almeno pubblicamente) un dovere di risposta.    Non importa: ora che viene svaporando l’effetto “Truman Show a Campi Bisenzio”, ogni giorno fornirà risposte e spiegherà ciò che si nasconde dietro il Governo Renzi-Berlusconi.  E, ancora una volta, gli schieramenti della politica ufficiale saranno solo schermi mistificatorii.   Il “melò” del rientro di Bersani (a parte le congratulazioni per la ripresa) ne è stato solo l’antipasto… altri ne seguiranno.   E, ancora una volta, va ribadito che le elezioni europee di fine maggio saranno il punto di confine di questa nuova fase della saga nazionale.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto