Flash

22/02/2014

Flash

BalloonBorder

Miracolo a Kiev, sorpresa (mediatica) a Roma.  L’infermiera ucraina che sembrava – e pensava di essere spacciata – è stata operata per estrarre la pallottola ed è perfino riuscita a raccontare la sua terribile esperienza.  Nel frattempo la situazione sul terreno è ben lungi dall’essere “pacificata” ma varie forme di negoziato (anche con la mediazione europea) proseguono mentre sembra che il presidente Yanukovich abbia lasciato Kiev.   Assai più pirotecnico (e senza sangue…) il “recitativo” italiano ove – all’insegna dello stucchevole ed insulso slogan “mi gioco la faccia” – parte il Gabinetto “Renzi I”.

Anche qui è stata all’opera fino a ieri sera un’ equipe “chirurgica”(personalmente guidata dall’anziano “primario ostetrico della Patria”) e “alle sette della sera” il “casting” (pardon: la scelta dei ministri) era completata ed annunciata al popolo festante.  “Solo” 16 Ministri, la metà donne (per di più giovani e spesso “carine”): insomma più che un governo per uscire dall’emergenza e muoversi verso un possibile rinnovamento del Paese un riuscito spot assai simile a quello della Barilla con Antonio Banderas: manca solo la gallina Rosita, per il resto c’è tutto e – magari –anche un po’ di più.

Fine della cronaca.   Dalla prossima settimana inizia il percorso che – nelle dichiarate intenzioni – dovrebbe trasformare un “pateracchio” politico (la destra scissionista trasformata in “stampella” di un generico centro-sinistra) in un Governo di legislatura – e per di più costituente – fino al 2018.  Sarà possibile?  Bisognerebbe chiederlo al regista, agli “sponsor” e – soprattutto – ai produttori che palesemente stanno tentando di replicare il successo travolgente che nel 1994 (un secolo fa, l’ “altro” millennio…) accolse il “Silvio I”.

Lo stile (da molti già definito da “Beautiful” e da “soap opera”) è quello e – perciò – non ci si deve meravigliare della grande soddisfazione dell’anziano “Caimano” che vede ormai archiviati gli “sgradevoli” incidenti giudiziari, quasi fossero solo espedienti di sceneggiatura, brividini per tener desta l’attenzione degli spettatori.   Di “servizi sociali”, di “arresti domiciliari” manco si parla più.   Altro che cacciata dal Senato, nuova pagina, svolta progressista: qui si prepara una “seconda serie” che potrebbe anche terminare con l’anziano leader della Destra al Colle.    Sullo sfondo – come sempre – Sanremo.

Dunque – e purtroppo – la sorpresa (che pure c’è stata) non induce a soddisfazione e le speranze (se ci sono) sono più affidate alla biologia (l’età media del nuovo Gabinetto) che alla politica.   Anzi potremmo dire che l’unico elemento “alto” che ci è stato ammannito è quello del definitivo tramonto di qualunque idea “alta” della politica come motore e sintesi della società.   Si guardino – più che i curricula dei neo-Ministri e del loro leader (che si espliciteranno nei fatti dei prossimi mesi)  i tratti del mega-spot: le Ministre bionde ed incinte, il neo Primo Ministro che scherza sul suo abito scuro, i suoi (ancor giovani) genitori sulla spiaggia a Miami “per non disturbare” e non essere disturbati dagli eventi.

E allora auguri a tutti (anche alla ex Ministro degli Esteri Bonino tornata ad essere “riserva della Repubblica”, a chi “entra” e chi “esce”) e – come sempre a noi italiani – che, a malapena usciti dal “salotto di nonna Speranza” entriamo a vele spiegate in uno scenario inguaribilmente, insopprimibilmente, “piccolo borghese”: non una scelta da terzo millennio bensì la certificazione di una minorità nazionale, di una inadeguatezza storica ai cambiamenti globali già avvenuti e a quelli che verranno.   Sarà per sempre?….

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto