Flash

22/02/2014

Flash

BalloonBorder

Miracolo a Kiev, sorpresa (mediatica) a Roma.  L’infermiera ucraina che sembrava – e pensava di essere spacciata – è stata operata per estrarre la pallottola ed è perfino riuscita a raccontare la sua terribile esperienza.  Nel frattempo la situazione sul terreno è ben lungi dall’essere “pacificata” ma varie forme di negoziato (anche con la mediazione europea) proseguono mentre sembra che il presidente Yanukovich abbia lasciato Kiev.   Assai più pirotecnico (e senza sangue…) il “recitativo” italiano ove – all’insegna dello stucchevole ed insulso slogan “mi gioco la faccia” – parte il Gabinetto “Renzi I”.

Anche qui è stata all’opera fino a ieri sera un’ equipe “chirurgica”(personalmente guidata dall’anziano “primario ostetrico della Patria”) e “alle sette della sera” il “casting” (pardon: la scelta dei ministri) era completata ed annunciata al popolo festante.  “Solo” 16 Ministri, la metà donne (per di più giovani e spesso “carine”): insomma più che un governo per uscire dall’emergenza e muoversi verso un possibile rinnovamento del Paese un riuscito spot assai simile a quello della Barilla con Antonio Banderas: manca solo la gallina Rosita, per il resto c’è tutto e – magari –anche un po’ di più.

Fine della cronaca.   Dalla prossima settimana inizia il percorso che – nelle dichiarate intenzioni – dovrebbe trasformare un “pateracchio” politico (la destra scissionista trasformata in “stampella” di un generico centro-sinistra) in un Governo di legislatura – e per di più costituente – fino al 2018.  Sarà possibile?  Bisognerebbe chiederlo al regista, agli “sponsor” e – soprattutto – ai produttori che palesemente stanno tentando di replicare il successo travolgente che nel 1994 (un secolo fa, l’ “altro” millennio…) accolse il “Silvio I”.

Lo stile (da molti già definito da “Beautiful” e da “soap opera”) è quello e – perciò – non ci si deve meravigliare della grande soddisfazione dell’anziano “Caimano” che vede ormai archiviati gli “sgradevoli” incidenti giudiziari, quasi fossero solo espedienti di sceneggiatura, brividini per tener desta l’attenzione degli spettatori.   Di “servizi sociali”, di “arresti domiciliari” manco si parla più.   Altro che cacciata dal Senato, nuova pagina, svolta progressista: qui si prepara una “seconda serie” che potrebbe anche terminare con l’anziano leader della Destra al Colle.    Sullo sfondo – come sempre – Sanremo.

Dunque – e purtroppo – la sorpresa (che pure c’è stata) non induce a soddisfazione e le speranze (se ci sono) sono più affidate alla biologia (l’età media del nuovo Gabinetto) che alla politica.   Anzi potremmo dire che l’unico elemento “alto” che ci è stato ammannito è quello del definitivo tramonto di qualunque idea “alta” della politica come motore e sintesi della società.   Si guardino – più che i curricula dei neo-Ministri e del loro leader (che si espliciteranno nei fatti dei prossimi mesi)  i tratti del mega-spot: le Ministre bionde ed incinte, il neo Primo Ministro che scherza sul suo abito scuro, i suoi (ancor giovani) genitori sulla spiaggia a Miami “per non disturbare” e non essere disturbati dagli eventi.

E allora auguri a tutti (anche alla ex Ministro degli Esteri Bonino tornata ad essere “riserva della Repubblica”, a chi “entra” e chi “esce”) e – come sempre a noi italiani – che, a malapena usciti dal “salotto di nonna Speranza” entriamo a vele spiegate in uno scenario inguaribilmente, insopprimibilmente, “piccolo borghese”: non una scelta da terzo millennio bensì la certificazione di una minorità nazionale, di una inadeguatezza storica ai cambiamenti globali già avvenuti e a quelli che verranno.   Sarà per sempre?….

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto