Flash

11/02/2014

Flash

5.-mishima-seppuku

Dice il costituzionalista (categoria di accademici il cui successo professionale è oggi direttamente proporzionale al caos istituzionale che regna in Italia…) Michele Ainis che la situazione attuale si configura come un vero e proprio “Harakiri” della politica, meglio della “classe politica”.   Di qui – tra l’altro – la persistente superfetazione del potere giudiziario in una surroga a tempo indeterminato del vuoto pneumatico che regna nel Parlamento dei “nominati”: insomma – allude il professore – in qualche modo una società complessa cerca strumenti regolatori e di garanzia.   Fin qui tutto bene (logicamente…) e – naturalmente – tutto male dal punto di vista sia del Paese, che delle ipotetiche “magnifiche sorti e progressive” a cui saremmo destinati e che viceversa svaniscono in “titoli di coda” senza nessun arcobaleno all’orizzonte.

In verità Ainis – e quelli onesti come lui – sbaglia perché in questo “harakiri” non c’è nulla del triste ma grandioso “seppuku” (sanguinosa uccisione di sé medesimi della tradizione giapponese).  Qui non c’è il grande scrittore Yukio Mishima che – di sua mano – spinge la spada rituale dentro il proprio stesso corpo e la muove fino a lacerare gli organi vitali, affidando poi al più fido discepolo il compito di tagliargli pietosamente la testa con un unico colpo.  Ma solo dopo aver mostrato con l’apertura del ventre la purezza della propria anima.

Qui il paragone più aderente è quello dell’altrettanto famoso “livido masturbatore” (da un testo di Giovanni Papini?) che cerca – sempre più illividendosi – un impossibile orgasmo liberatorio.  Il peggio è che lo spettacolo è offerto ad un pubblico che – da annoiato è ormai disgustato – e non sa più da che parte guardare.    Di più: mentre il messaggio di Mishima era un orgoglioso “autodafé” in difesa (irrazionale, presunta, narcisista?) della tradizione, qui l’orizzonte è una batteria di polli, convinti di essere galli.

Non ci fosse il campionato di calcio e – tra un paio di giorni – quel Festival di Sanremo che rimpiazza – per gli Italiani – il Capodanno cinese (sempre uguale a sé stesso con botti e sfilate di dragoni di carta) il disgusto si sarebbe tramutato in ira.  Non va così e lo spettacolo è destinato a durare ancora chissà quanto.  Ieri la cronaca ci ha portato il rinfocolamento della polemica anti-Presidente della Repubblica, che non avrebbe legittimamente  “inventato” dalla sera alla mattina  come estrema ratio anti-crisi (a guisa di massiccia iniezione di penicillina)  l’incarico al triste (più per noi che per lui stesso…) Prof Monti, bensì avrebbe costruito la caduca terapia in diversi mesi come strumento per “liberare” (sic…) la scena politica dall’ingombrante (ed internazionalmente imbarazzante) presenza del Caimano.

Come si dice: bella scoperta…  C’era scritto da mesi  su tutti i giornali: trattavasi del famoso “segreto di Pulcinella” con l’invenzione del “dominus” venuto da “fuori”…   Viceversa il nodo sta oggi in tutt’altro punto: fino a quando gli Italiani dovranno vivere in una “democrazia assistita” (e magari anche “manipolata”)?     Una democrazia in cui dall’oggi al domani si entra in Parlamento e se ne diventa Presidenti (Camera e Senato), una democrazia in cui tra sessanta milioni di Italiani ce ne è uno solo ritenuto in grado (magari contro la sua dichiarata volontà) di fare il Presidente.    Eccetera, eccetera, eccetera.

Altro che “staffetta”, altro che contesa tra bulimici di potere in giacca e cravatta oppure in giubbetto di pelle…  Altro che “harakiri”…

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto