Flash

04/02/2014

Flash

toto arabia

Le “grandi piogge” sull’Italia vanno scemando e – qua e là – si vede un timido sole.  Fine delle buone notizie.  Infatti per quanti sforzi si facciano il “Bel Paese” rimane sotto una cappa di piombo che – lungi dall’alleggerirsi – si ispessisce di giorno in giorno.   L’ultimo fulmine arriva da Bruxellles dove la Commissione UE rende noto (su dati nostri!) che – con ben 60 miliardi di euro – l’Italia totalizza addirittura la metà delle risorse sperperate nella corruzione: in breve da soli distruggiamo ricchezza collettiva quanto tutti gli altri 27 Paesi europei.

Così, mentre l’imposizione fiscale e la falcidia sui redditi dei ceti subalterni rievocano come fu costruita l’Unità d’Italia (tassa sul sale e sul “macinato”, emigrazione forzosa di massa), il cattolico Letta si ostina a dipingere questo funerale di massa come “stabilità” ed allude forse alle pagine di Tacito sulla “pacificazione” della Roma antica nei confronti dei Germani: “hanno fatto un deserto e lo chiamano pace…”.

Ciò premesso e ricordato il dato macroeconomico dell’accelerata “terzomondizzazione” della società italiana con distruzione del ceto medio “colto” (indice mondialmente riconosciuto di sviluppo complessivo di un Paese) sintetizzata dal 10% che detiene oltre il 50% della ricchezza, passiamo rapidamente in rassegna le “buone novelle”.

Il lungo viaggio-questua tra gli emiri in quella che una volta veniva connotata come “barbaria”, o “barberia”, regione dei berberi, ove con bella approssimazione si connotavano varie etnie arabe, sembra avere cortocircuitato il pensiero politico di  Letta il Giovane che ha sfoderato (insieme alla vecchia abitudine democristiana di invadere il mondo con le miserabili dispute di casa) il termine nella dizione più forte di “barbarie” lanciandolo come uno strale verso il Movimento a 5stelle.  La violenza dispiegata contro il “termometro” grillino non soltanto rievoca il gesto di chi spezza il termometro quando segna febbre (alta e crescente) ma tenta di demonizzare il buon quarto degli Italiani che già hanno votato per il “sovversivismo” 5 Stelle, che – peraltro si esplica nel “tempio” della democrazia formale e cioè il Parlamento e senza violenza alcuna.

E quale è l’accusa?  Il mancato rispetto di quel galateo istituzionale che dovrebbe coprire silenzi, trame, ignavie ed impotenze.   Evidentemente il cattolicissimo leader ha dimenticato tanto gli ammonimenti contro i Farisei, che la cacciata dei mercanti dal Tempio.

Contestualmente il Premier  si è impegnato – nel contesto di un auto-peana che non mancherà di rallegrare i milioni di disoccupati, cassintegrati, esodati o semplicemente sfiduciati – a lanciare una campagna internazionale contro le discriminazioni anti-gay.   E dove lancerà la sua campagna?  Semplice: ospite dell’omofobo Putin (già sodale dell’erotomane “Caimano”…) alle Olimpiadi di Sochi.   Rallegriamoci della tempestiva iniziativa e della “ricompensa” che non mancherà di arrivare: Olimpiadi 2024 assegnate a Roma, più affarucci vari e gas e petrolio.   Senza contare l’effetto benefico anti-crisi che l’evento darebbe all’Italia (né più, né meno dell’Expo di Milano..).  Fantasie al limite dell’autoipnosi quando si consideri che Letta sarà l’unico dirigente europeo (per non parlare degli Stati Uniti…) presente a Sochi a fianco  del “vecchio amico” Putin.   Proprio quando questi è di fatto il mandante dei massacri di ucraini “colpevoli” di volere democrazia ed integrazione in un’Europa che – bene o male – non può certo essere paragonata all’autocrazia oscurantista moscovita.  “Stabile”, certo ma fortunatamente eccessiva perfino per la stordita Italia.

In breve, mentre con Renzi il PD si assesta definitivamente ed esplicitamente su di un centrismo “fuori tempo massimo”, quel Letta che ne fu tra i massimi dirigenti tesse una ragnatela internazionale ed interna praticamente identica a quella di Berlusconi.  E questi con la pacatezza dell’età avanzata (che non tutti hanno…) si appresta – con i figliuoli “prodighi” Casini ed Alfano – a riprendere (quando il momento sarà venuto e sulle macerie del Paese) in prima persona il potere.  Con le elezioni ed il “porcellinum” italico e grazie ad un 37% di voti sempre più a portata di mano.   Salite presto: la giostra sta per iniziare un nuovo giro.  All’indietro.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto