Flash

03/02/2014

Flash

Q2RZYQt

Sacrificarne uno per salvarne cento (?): la saggia (secondo il giovane Letta…) decisione del signor Mastrapasqua di rinunciare alla sua carica di “ras” dell’INPS (per le altre dozzine di cariche/sinecure – come peraltro per tutte le sue attività private – ci farà sapere più avanti grazie anche all’attività investigativa dei Carabinieri…) ci ha gettato nell’angoscia di vedere un uomo e la sua “famiglia” (con la quale spartiva ed alternava decine di cariche secondo il modello italico del “familismo amorale”) sottratti a quello che – invece – avrebbe dovuto essere il meritato riconoscimento della Patria: la nomina a “Tesoro nazionale” (come usa in Giappone per gli artisti-campioni del genio nazionale) ed eventualmente il laticlavio senatoriale: chi infatti più di lui rappresenta il meglio del Paese?   Perfino gli esami universitari – stando a notizie stampa non smentite – sarebbero stati contraffatti, in breve “comprati”.   Dunque una vocazione all’eccellenza in tutto quello che prolifera nel verminaio della corruzione (siamo ai primi posti delle statistiche internazionali non solo tra i Paesi avanzati, ma anche tra quelli arretrati), un’impudenza di caratura storica, un record da ammirare e rispettare.  Il trionfo della “meritocrazia” a rovescio che ci ha reso unici al mondo e – tutti quanti – in braghe di tela – tra incompetenti, profittatori, servi.

Eppure non è tutto qui perché – come spiegano due “grandi vecchi” come Alberto Statera e Guido Rossi (“Repubblica” e il “Sole 24 ore”) tutto si annoda nel contingente e nel strutturale.   Per l’immediato futuro il rinnovo delle cariche semi-pubbliche (Eni, Finmeccanica e compagnia cantante) rischia di restare la solita “abbuffata” tra rinnovi pluridecennali e regali agli amici (magari pure il “nobile” dimissionario Mastrapasqua…).   Sarebbe la prova provata che il “metodo Letta”(zio) costituisce l’eredità più apprezzata dal nipote.   E’ infatti storia la sequela di dubbi personaggi “promossi” dallo zio (a caso: il conterraneo abruzzese Presidente della CRI Scelli, il belloccio Bertolaso, il multivorace Provveditore alle opere pubbliche Balduzzi: tutti inquisiti, cacciati ed infine formalmente reietti).    E adesso, e domani? Staremo a vedere e non sarà che – quando condannava le lobby, certe lobby – Papa Francesco si riferisse ai corrotti sfacciati del suo Paese d’origine?  Peraltro tutti casa, Chiesa, ecccetera eccetera.

Sul fondo, si agita lo spettro di uno sfaldamento generale del Paese e delle sue prospettive: e qui il tema di fondo non può che essere il rafforzamento dell’ancoraggio europeo.    Solo l’Europa può infatti tentare di rispondere al vuoto di “governance globale” (per noi anche nazionale) ed anzi per noi contrastare la situazione di “anomia” e di vuoto delle prospettive in cui il Paese sta affondando.  E continuerà ad affondare se passerà l’operazione autoritaria (“porcellinum” italico…DOP…) messa in atto dalla “nomenklatura” politica e padronale (il redivivo Berlusconi).   Finora la risposta è stata quella di definire un terzo degli elettori italiani (più il terzo astenuto) “bivacchi di manipoli”: proprio quando i manipoli di vegliardi – invece di fare autocritica per il trentennio perso all’Italia – tentano ancora una volta di salvare il proprio modello.  Al massimo introducendovi qualche “merito” soltanto anagrafico (“largo ai giovani”…)      La cronaca è impietosa e non può essere camuffata con gli starnazzamenti isterici del tipo di quelli retorici usati per il “caso Boldrini”: siamo passati da Guelfi contro Ghibellini a “sessisti” contro affossatori della Costituzione.   Di tutto quello che sottende la “canizza” meglio non parlare.   Anzi, via a tutto vapore nella ricostruzione della suicidaria destra berlusconiana.   Davvero il “nuovo” Pd è ad un passo dalla vittoria… La sua? Ma no: quella della Destra, dello “storico” antagonista (ma davvero?).    Forza: il Paese vi guarda.

Finalino. Il “governo del fare” fa un sacco di bei regali agli amici come i bancari già a suo tempo promossi “sul campo” a banchieri (privatizzazioni prima ed ora caso Bankitalia) e nel frattempo gira come una trottola: cercare di vendere il poco che è rimasto a tutti (Arabi, Russi, ecc.).   Con l’energia residua affonda sempre più nel pantano del caso “marò”, postulando una “internazionalizzazione” che salta a piè pari la morte dei pescatori indiani e facendo dei due militari un “test case” della dignità nazionale.  Davvero il Signore acceca quelli che vuole perdere.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto