Flash

28/01/2014

Flash

15798

Ci fosse ancora il “corpo” specializzato degli aruspici denominato “ornitomanti” che nella tradizione etrusco-romana traevano dal volo dagli uccelli (ovvero dalle viscere degli animali sacrificati) interpretazioni del presente – e del futuro – ci potremmo risparmiare quel pozzo di soldi pubblici che sostengono editori e giornalisti (con il corollario di fastidiosissime comparsate televisive fatte prevalentemente di “panna montata” sul nulla): soprattutto avremmo una chiave interpretativa della realtà più attendibile.

Esempio: il gabbiano che si è cannibalizzato la prima delle colombelle papali potrebbe essere l’ex “ras” democristiano e forzaitaliota Claudio Scajola che – all’indomani del massacro aviario di Piazza San Pietro – ha riguadagnato grazie alle alchimie della “giustizia italiana” l’originaria verginità di ligure marittimo (appunto il gabbiano).   L’individuo che aveva definito il giuslavorista Biagi “un rompicoglioni” (sorvolando il fatto che il suo messaggio di una qualche razionalizzazione del liberismo nel mercato nel lavoro gli era costata la pelle) si presenta ora come una “vittima” dell’ “inconsapevole” regalo di mezza casa sul Colosseo e, dunque, meritevole di ricompensa “al top” governativo… No comment.

Altro esempio: non possiamo esimerci dal ritrovare nel corvo che ha divorato la seconda colombella qualche assonanza con un altro “ras” del basso impero che domina oggi il Paese: non ne faremo il nome, ma come non pensare a colui che impudentemente reclama il proprio diritto legale di ammassare cariche pubbliche e parapubbliche retribuite (pare 25) ed in aggiunta un lucroso studio professionale (“storico”) privato.  Sarà legale ma – quando si pensa a chi deve sborsare centinaia di migliaia  di euro per “godersene” nella tarda vecchiaia poche centinaia – dubbi sull’equità complessiva del “sistema” ne sorgono.  E parecchi…

Ed infatti la notizia del giorno (insieme al prevedibile buon andamento della Borsa e dello “spread”, sincrono con le miserie dei “poveracci”) è che ormai il 10% degli Italiani ammassa il 50% della ricchezza nazionale. Il 90% di noi si spartisce il resto: inclusi quelli – sempre più numerosi che dormono sotto le pensiline delle stazioni ed altre amene sistemazioni… con vista sul Colosseo.    Forza giovane Letta, “fai di più, batti il Monti a cui fu regalato anticipatamente il laticlavio senatoriale”,  Ad maiora. Già nel Nord-Est (Electrolux) si propongono salari polacchi (ma a costi pubblici italiani da “corvo” e “gabbiano”…).

Il tutto farebbe credere che la politica elabori programmi di emergenza e di salvezza nazionale.  Manco per idea: il fuoco dell’attenzione e la frenesia renziana (come pure il “passismo” lettiano) si concentrano sullo spettro degli emendamenti (al momento 250) al mirabolante “porcellinum”.  Qui si vola sul filo del paradosso come i motociclisti al circo sul cavo d’acciaio.  Ricapitoliamo: il 50% degli elettori (tra grillini e astenuti) viene cassato d’ufficio.  Cioè non conta.  Il restante viene scremato (no ai piccoli partiti) e chi arriva al 35% (dei votanti, non degli elettori) viene “centrifugato”  fino ad arrivare alla piena maggioranza assoluta.  Il popolo è in festa, nasce la nuova Italia…   Naturalmente niente preferenze: il motto è “mangia questa minestra o salta dalla finestra”..

D’altro canto questo è il “mantra” del professore “disproporzionalista” e renziano D’Alimonte che pontifica dagli scranni dell’Università padronale LUISS di Roma.

Spariti quelli seri e reputati nel mondo come Sartori: troppo retrogradi.  Spariti pure i due concetti-chiave della Consulta: no ai premi di maggioranza (un tempo definiti: “legge truffa”), sì alle preferenze.   Ed ovviamente sì al propozionalismo che è evidentemente l’unico metodo di assicurare “parità di peso” ad ogni voto.

D’altro canto la follia sta a monte: si sacrifica tutto ad uno pseudobipolarismo elettorale e si lavora ad un patto di Governo con l’avversario (unico…) di domani.

Infine.  All’ottimo Scajola Berlusconi promette un posto di rango alle prossime elezioni.  Le Commissioni Esteri e Difesa rientrano dall’India con la buona novella che i pescatori indiani non sono morti, che i marò sono d’ufficio eroi nazionali…  E – in buona sostanza – fanno intendere che “spezzeremo le reni” al sub-continente indiano.

Ciliegina. Il “comandante” Schettino dichiara che  (dopo aver fatto naufragare la “Concordia”) ha fatto del suo meglio: aveva freddo, non gli hanno dato l’elicottero per far finta di risalire a bordo (ma perché se ne era andato?) e – comunque – non erano c…. suoi.  Il testo integrale andrebbe diffuso in tutte le scuole della Repubblica sotto il titolo “Italiani, siate seri”, secondo l’inascoltato ammonimento dal balcone nei pressi di Montecitorio del deputato Giuseppe Garibaldi. Ottima “ouverture” dell’Unità.   Anticipazione di un triste futuro.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto