Flash

24/01/2014

Flash

renzi-berlusconi1

L’agitato ma allegro “set” della nuova serie televisiva “Matteo, l’erede di Silvio” ha visto sconvolgere – nella giornata di ieri – l’allestimento di un programma che si voleva destinato ad alcuni mesi di pianificato successo, praticamente una esclusiva per il pubblico adorante ed i suoi beniamini.

Due gli eventi “disturbatori”.  Il primo è stata la giornata romana di Grillo – più “Mangiafuoco” che mai – il secondo la notizia che il Procuratore capo di Milano – il seriosissimo Edmondo Bruti Liberati – ha dato il via per i prossimi mesi all’annunciato processo “Ruby-ter”, quello cioè in cui tutte le balle scodellate da Silvio e dal suo “collegio” di difesa, a partire dalla favola della nipotina di Mubarak strappata alle grinfie della Questura di Milano per depositarla in quelle amorevoli di Nicole Minetti detta “faccio quello che faccio…” e di una prostituta “amica”.

Entrambi gli eventi hanno il carattere di quella ineluttabilità che si cerca di dimenticare, di mettere tra parentesi fino a quando non riemerge con la prepotenza della verità: insomma il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi…   Sulla questione “Ruby ter” il punto è semplicissimo: la pregressa condanna di Silvio (per prostituzione minorile, ecc. e sia pure in primo grado) implica che le testi (soprattutto le “olgettine”, ma anche i legali) abbiano commesso vari reati di cui il più ovvio è la falsa testimonianza.  Ne consegue che il “neo-Padre della Patria” rimane sotto scacco giudiziario non essendosi assicurato l’immunità “usque ad sidera” dalla legge penale.  Bene.  Si vedrà.  E, sia detto tra parentesi, gli immediati starnazzamenti sul “moralismo” non c’entrano niente…

Più di fondo (paradossalmente) l’impatto grillino.   Qui l’assunto della “telenovela” del Nazareno che i due “player” politici fossero i soli Matteo e Silvio è stato (fortunatamente) polverizzato da Mangiafuoco: prima nella conferenza alla Stampa estera e poi in varie dichiarazioni al Senato e nei pressi del medesimo “Ente inutile” (di cui già si promette il “riciclo” a basso costo…).   Il punto sollevato è quello – assolutamente incontestabile – che il bipolarismo italiano non esiste.   Infatti almeno due (senza contare i “cespugli” minoritari) assai consistenti gruppi di elettori lo smentiscono “fisicamente”: il Movimento 5 stelle e gli astenuti.    La risposta di Grillo è – come al solito – l’attacco solitario e la promessa di dar battaglia nella campagna per le elezioni europee (speriamo con contenuti adeguati all’importanza della scadenza).

Il “succo” della faccenda è che la pervicace aspirazione del PD a costruirsi un avversario “di comodo” a colpi di premi di maggioranza (una specie di “sparring partner” rappresentato da un pugile che di suo sarebbe ormai suonato dopo aver così tanto a lungo primeggiato…) è destinata a naufragare all’impatto con la realtà di oltre il 50% di Italiani certificatamente fuori dalla “combine”.    Resta il mistero del perché – invece di costruire una sceneggiatura più credibile (= programma di risanamento del Paese e ricerca di una “mission” democratica) – si preferiscano la fantastica invenzione bipolare e l’imperativo della “governabilità”.

In breve, se già ieri si è registrato il primo “fiasco”, è difficile credere che basteranno gli “elogi” alla stabilità provenienti da Davos a risolvere l’impasse.  Purtroppo (parafrasando Ronald Reagan…) non è che la politica deve farsi carico dei problemi reali, bensì il problema è questa politica, che tutto è meno che servizio al Paese.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto