Flash

23/01/2014

Flash

2ef8b608be16a32ade633341f8646e08

Mentre prosegue il vacuo chiacchiericcio italiano, destinato a durare comunque almeno fino alle elezioni europee di fine maggio, tutt’intorno a noi – in Europa ed oltre i confini europei – la situazione si fa sempre più violenta e non è facile vederne gli sbocchi e le possibili stabilizzazioni.   Il solo dato che accomuna tutti gli scenari è l’accresciuto uso della violenza dei governi – più o meno legittimi – contro i propri stessi cittadini e le loro aspirazioni.    Come ovvio, a questo dato centrale si accompagna quello della corruzione e della caduta di ogni credibilità etica nei meccanismi di potere: ogni Paese ha le sue forme peculiari ma – in fondo – tutti si assomigliano nelle immagini fotografiche degli interventi anti-“sommossa”, nella ottusa stolidità delle risposte (quando vi sono…): in breve, una regressione storica di cui si vede il principio ma neppure si intuisce la fine o la deflagrazione “liberatoria”.

Prima di passare rapidamente in rassegna gli ultimi eventi in alcuni di questi “focolai” non possiamo non notare l’esistenza di un barlume di speranza all’interno di questo gigantesco “tunnel degli orrori”: esso consiste in una progressiva generalizzazione (globalizzazione?) di un abbozzo di senso etico universale, minimalistico quanto si vuole eppure capillarmente diffuso, certo maggioritario nei cittadini qualunque e sicuramente persistente a dispetto delle aggressioni – grandi e piccole – che riceve dovunque.   A nessuno (a prescindere dal livello di sviluppo culturale e socio-economico) piace vedere bambini maciullati avvelenati o anche soltanto piangenti e così via in tutte le minute uniformità quotidiane che riscontriamo pressochè ovunque.   E non soltanto in tema di violenza, ma proprio di quotidianità spicciola, assai più contigua – anzi “res communis gentium” – di quanto i poteri ed i “mostri” tra noi vorrebbero farci credere.   E chi vuol capire capisce.. come ben sa e prova quotidianamente la parlante presenza di un Papa che è stato capace di ribaltare in un solo anno il triste declino della cattolicità istituzionale e – al passaggio – ha ridato un po’ di senso e speranza alla vita di milioni di individui.

Sull’oggi la rassegna è tremenda.  In Europa l’Ucraina si insanguina ogni giorno di più di fronte alla pervicacia con cui il potere brutale del dittatore Yanukovich continua a preferire l’intesa con Putin all’opzione popolare per l’accessione alla Unione Europea.  Sì: proprio quell’appartenenza all’Europa (imperfetta, plutocratica, finanziarizzata, ecc. ecc.) che i mentecatti nostrani vorrebbero barattare con l’edificazione di una vera e propria “Repubblica italiana delle banane”.   Nel Vicino Oriente – mentre la Conferenza per la pace degli “Amici della Siria” si svuota come un palloncino – la piaga si concentra e si incista e non si vede la fine delle sofferenze del decimato popolo siriano.   I moderati progressi nelle relazioni con l’Iran si afflosciano e l’inclinazione “prussiana” di Israele è nuovamente in fase ascendente ed anzi si accompagna ad ammonimenti e rampogne di “mollezza” ai Paesi europei che non accettano – e non possono accettare – uno “schieramento” unilaterale.

Più a nord- ai confini d’Europa – non può non preoccupare l’involuzione turca, che il “miracolo economico” enfatizza invece di moderare fino ad arrivare ad un progressivo svuotamento del modello laico e democratico di quel Paese.

Anche estremamente preoccupante l’erosione di credibilità e la marcescenza per corruzione della classe dirigente cinese divorata dalla rapacità e dagli scandali e, dunque, a rischio di perdita di lucidità nella gestione (tuttora autoritaria) dell’immenso Paese.   Anche qui non una questione remota, bensì una crescente ipoteca su di un quarto dell’umanità e – per converso – una rinnovata pressione affinchè – finalmente – una dinamica politica aperta si accompagni e diriga il più fenomenale processo di sviluppo a cavallo dei due secoli, quello alle nostre spalle e l’attuale ancora agli esordi.

Infine – e non è soltanto una nota a margine redatta sul “cuore di tenebra” conradiano – l’ “eccezione” nord-coreana è lì a dimostrare che non soltanto “tutto l’orrore è possibile”, ma può anche durare.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto