Flash

07/12/2012

Flash

Il Caimano è tornato. Se deve morire (metaforicamente, si intende) tutti devono morire: ovvero  tutti gli Italiani “colpevoli” di aver scoperto – sia pure molto tardivamente – di avere affidato il proprio Paese ad un “imprenditore” che dopo averlo “spolpato” (secondo il sintetico giudizio di Luca Montezemolo, certo non un “sovversivo”, né uno sprovveduto) lo ha coperto di ridicolo e di insipienza in tutto il mondo spingendolo ad un passo del fallimento nazionale.

La notizia del giorno è semplice: irritato ferito ed offeso da un’ultima “provocazione” e cioè l’esclusione dalla candidabilità per i politici già condannati in via definitiva ad oltre due anni di carcere (udite, udite!) e soprattutto allarmato da sondaggi (sua propria nemesi) che danno il PD al 34% ed il PDL (anche con lui ed il suo “carisma” in campo) al 16%, l’ex Premier ha lanciato due bordate di avvertimento più che all’attuale Premier “tecnico” a tutto il Paese e alla prevista maggioranza di centro-sinistra: due voti contro alla Camera e al Senato.

Primi immediati risultati:  risalita dello “spread” (con conseguente maggior costo per il nostro debito), panico – peraltro poco giustificato – tra i futuri vincitori e in tutto il quadro istituzionale, richiamo all’ordine tra i Filistei ovvero i suoi parlamentari che avevano pensato (poverini!) di rovesciare il famoso “muoia Sansone con tutti i Filistei” ed ora sono costretti a ritornare all’omaggio rituale al padrone.   Perché di padrone si tratta ed in questa veste “torna in campo” allo scopo più che evidente di conservare anche dopo le elezioni (e la connessa elezione del nuovo Presidente della Repubblica) un potere contrattuale a difesa della “roba”.

E l’Italia? Chi se ne frega.

Che fare? L’Italia è – come dice Bill Emmot già direttore dell’”Economist” –  “una fidanzata in coma” che stava dando segni, ancorchè confusi, di risveglio. Ora è importante sostenere questa possibile ripresa costringendola a pensare, a confrontare, a ricordare.  Non sarà facile: i guasti vengono da molto lontano e la riflessione deve essere radicale.  Purtroppo i futuri “vincitori” sono come al solito assai timidi, esattamente come lo furono quando non fecero valere l’ineleggibilità di Berlusconi (nel 1994) perché titolare di concessioni governative (giusta una norma di epoca fascista…), quando non regolarono il “conflitto di interessi” tra funzione pubblica e perseguimento drogato di quelli propri ed infine quando si fecero “intortare” nel vacuo esercizio della Bicamerale.

Oggi gli Italiani (fiaccati e preoccupati) hanno iniziato a fornire mezzi partecipativi (altro che “antipolitica”) per iniziare un cammino in avanti e non indietro.  Certo ci si aspetta che – come minimo – i “giocatori in campo” scelgano i volontari (militari e civili) di Porta  San Paolo e non inseguano il Re e Badoglio nella patetica fuga a Brindisi seguita all’8 settembre del 1943. Infatti siamo ancora lì, in un eterno ritorno dei guasti nazionali.   E la tentazione “badogliana” è sempre in agguato: è iscritta nel dna.    Quanto all’ormai ottuagenario Berlusconi, è ormai certo che regalerà al “suo” (?) Paese un trimestre (o meno) da incubo e molto costoso in tempi in cui nessuno può più definire la crisi come “congiunturale” .   E allora perché farsi spaventare da uno spettro “di carta” come l’”election day” che accorperebbe regionali e politiche: infatti è tutto da verificarsi che sia un rischio e non un’opportunità.     Da non perdere.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto