Flash

21/01/2014

Flash

abbado_fotogramma

La grande “fame d’Italia”di cui fantastica Matteo Renzi viene di giorno in giorno soddisfatta con un assortimento degno dei tanti “Eataly” sparsi dalla penisola fino a tutto il resto del mondo.   Il guru (ma quanti ne ha il giovane Sindaco?) Farinetti ha tracciato la via e Renzi la percorre saltellando di qua e di là, motteggiando ed ammonendo senza posa… mentre i deboli di nervi si alzano e si mettono nell’angolino (Cuperlo alla Direzione –si fa per dire – PD…).

Fuor di metafora, è dallo “storico” incontro del Nazareno che l’agitazione si è trasformata in vera e propria frenesia, il che – appunto – sfamerà il mondo che “ci credeva finiti”.

Vediamo le “novità” una per una.    Il “porcellum” ha prodotto il “porcellinum”: da solo con un prodigioso esperimento tutto “made in Italy” di auto-fecondazione.  Il progetto di riforma elettorale mette una pietra sopra al “vecchio” concetto di rappresentanza e (a dispetto di quei “barbogi” della Corte Costituzionale…) lo sostituisce integralmente con la panzana della “governabilità”.   Basterà il 35% dei voti per conquistare la maggioranza dei seggi nella nuova Camera unica (il Senato sparirà politicamente…).  E, considerato il crescente tasso di astensione dal voto, basterà il 20% degli Italiani per insediare un Governo di “legislatura”.

Un “sistema” innovativo a basso consumo (di democrazia…) che tutto il mondo ci invidierà.

Nel caso poi non fosse raggiunto manco quel 35% i contendenti (rigorosamente i due più “forti”) si procederà ad un ballottaggio che come nel Colosseo di duemila anni fa: vedrà un solo vincitore.   La sera stessa, in un sanguinoso tramonto al circo elettorale.

Fantastico, neppure il più immaginifico romanzo di fantascienza avrebbe immaginato tanto.

Naturalmente di “preferenze” e di scelte dell’elettore manco se ne parla: sveltimento della partecipazione…

Ma le novità italiane non finiscono qui.   Il movimento 5 Stelle (chissà poi perché solo cinque…) continua il proprio autodafè lanciando la “procedura” di impeachment contro l’odiato Presidente Napolitano, al quale non viene neppure riconosciuto il “merito” di aver avere aperto – con l’intronazione del bocconiano e “bilderberghese” Monti – il vaso di Pandora che abbiamo di fronte…

Quanto poi alle nostrane “rivoluzioni”, ce ne è una che le sintetizza tutte: la miniaturizzazione delle strutture politiche.   Nell’arco di pochi giorni l’antico robot del “nuovo che avanza” è passato dalle cospicue dimensioni del vecchio Bettino Craxi a quelle infinitamente ridotte e più “performanti” di Matteo Renzi.  Stesso piglio, stessa immaginifica volontà e maggior potenza.   Non c’è da stupirsi che le “vestali” siano in preda ad un’ eccitazione incontenibile di fronte ad un prodotto del genio nazionale che – non a caso – è stato definito “il fidanzato d’Italia”.

Eppure la giornata di ieri ha mostrato un altro tipo di Paese con la – aspettata ma tragica – scomparsa di un altro tipo di “prodotto” umano: il Maestro e Senatore a vita (grazie al Capo dello Stato che questa l’ha azzeccata) Claudio Abbado: un grande uomo e, appunto, un grande Maestro, schivo, silenzioso, disponibile e, soprattutto, impeccabilmente bravo.  Appunto un grande “Maestro”.  Perché un’altra Italia esiste ed è – da sempre – disprezzata e vilipesa da quella che “vince”.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto

Flash | “TUTTI GIU’ PER TERRA”

19/04/2017

Le ultime notizie danno l’”Armada” statunitense già diretta verso la Corea del Nord ed il suo improbabile dittatore come in piena retromarcia rispetto all’itinerario nel Pacifico verso il Mar Cinese settentrionale.  Allo stato possiamo solo pensare che la “Navy” (a differenza delle allegre ...
Leggi tutto