Flash

21/01/2014

Flash

abbado_fotogramma

La grande “fame d’Italia”di cui fantastica Matteo Renzi viene di giorno in giorno soddisfatta con un assortimento degno dei tanti “Eataly” sparsi dalla penisola fino a tutto il resto del mondo.   Il guru (ma quanti ne ha il giovane Sindaco?) Farinetti ha tracciato la via e Renzi la percorre saltellando di qua e di là, motteggiando ed ammonendo senza posa… mentre i deboli di nervi si alzano e si mettono nell’angolino (Cuperlo alla Direzione –si fa per dire – PD…).

Fuor di metafora, è dallo “storico” incontro del Nazareno che l’agitazione si è trasformata in vera e propria frenesia, il che – appunto – sfamerà il mondo che “ci credeva finiti”.

Vediamo le “novità” una per una.    Il “porcellum” ha prodotto il “porcellinum”: da solo con un prodigioso esperimento tutto “made in Italy” di auto-fecondazione.  Il progetto di riforma elettorale mette una pietra sopra al “vecchio” concetto di rappresentanza e (a dispetto di quei “barbogi” della Corte Costituzionale…) lo sostituisce integralmente con la panzana della “governabilità”.   Basterà il 35% dei voti per conquistare la maggioranza dei seggi nella nuova Camera unica (il Senato sparirà politicamente…).  E, considerato il crescente tasso di astensione dal voto, basterà il 20% degli Italiani per insediare un Governo di “legislatura”.

Un “sistema” innovativo a basso consumo (di democrazia…) che tutto il mondo ci invidierà.

Nel caso poi non fosse raggiunto manco quel 35% i contendenti (rigorosamente i due più “forti”) si procederà ad un ballottaggio che come nel Colosseo di duemila anni fa: vedrà un solo vincitore.   La sera stessa, in un sanguinoso tramonto al circo elettorale.

Fantastico, neppure il più immaginifico romanzo di fantascienza avrebbe immaginato tanto.

Naturalmente di “preferenze” e di scelte dell’elettore manco se ne parla: sveltimento della partecipazione…

Ma le novità italiane non finiscono qui.   Il movimento 5 Stelle (chissà poi perché solo cinque…) continua il proprio autodafè lanciando la “procedura” di impeachment contro l’odiato Presidente Napolitano, al quale non viene neppure riconosciuto il “merito” di aver avere aperto – con l’intronazione del bocconiano e “bilderberghese” Monti – il vaso di Pandora che abbiamo di fronte…

Quanto poi alle nostrane “rivoluzioni”, ce ne è una che le sintetizza tutte: la miniaturizzazione delle strutture politiche.   Nell’arco di pochi giorni l’antico robot del “nuovo che avanza” è passato dalle cospicue dimensioni del vecchio Bettino Craxi a quelle infinitamente ridotte e più “performanti” di Matteo Renzi.  Stesso piglio, stessa immaginifica volontà e maggior potenza.   Non c’è da stupirsi che le “vestali” siano in preda ad un’ eccitazione incontenibile di fronte ad un prodotto del genio nazionale che – non a caso – è stato definito “il fidanzato d’Italia”.

Eppure la giornata di ieri ha mostrato un altro tipo di Paese con la – aspettata ma tragica – scomparsa di un altro tipo di “prodotto” umano: il Maestro e Senatore a vita (grazie al Capo dello Stato che questa l’ha azzeccata) Claudio Abbado: un grande uomo e, appunto, un grande Maestro, schivo, silenzioso, disponibile e, soprattutto, impeccabilmente bravo.  Appunto un grande “Maestro”.  Perché un’altra Italia esiste ed è – da sempre – disprezzata e vilipesa da quella che “vince”.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto