Flash

17/01/2014

Flash

Gassman_I_mostri

In queste ore, ascoltando l’autodifesa fiume in Parlamento della fatina del Sannio Nunzia De Girolamo un pensiero molesto trapassava lo schermo dell’attenzione: tornava infatti in mente un vecchio (del 1963) film di Dino Risi, “I mostri” ed una nostalgia struggente affiorava a ricordare i “mostri” di allora.    Il pugile suonato, lo sparring partner affettuoso e anch’egli andato di testa e in più il “trucco dei trucchi” lo “zuppone alla contadina” per i palati snob, arricchito di un fetente scarpone messo a bollire.

Oggi si era le mille miglia lontani con le edicole traboccanti di un rotocalco la cui copertina recava l’ammiccante titolo ed immagine di “Nunzia e Francesco” (i due coniugi berlusconiani e pdellini  che hanno anticipato le “larghe intese” – altro che “zuppone”)  e – ancor più – la distanza si poteva misurare con il torrenziale eloquio della fatina infarcito di “pulizia interiore”, “la mia sola ricchezza è la mia famiglia”, “complotto e ritorsione mediatica”,“ero a casa perché allattavo”…): insomma una oleografia deamicisiana in cui il turpiloquio prevaricatore sarebbe pienamente giustificato perché utilizzato nelle sacre mura domestiche.      Quanto poi  al presunto sistema di potere sanitario questo sarebbe semplicemente portare il soccorso d’emergenza ai montanari dell’alto Sannio.

I paroloni retorici si sprecavano anche quelli (per lei…) più difficili da pronunciare ed ovviamente fuori luogo: dossier r (con la erre ben calcata alla Campana) l’atmosfera Kafkiana, eccetera eccetera.  Intorno a lei il vuoto: non il giovane Letta, non il segretario del suo Partito Alfano.    L’idea è evidentemente che possa essere sacrificata per tirare avanti, simulando una reazione forte all’ “inopportunità” politica che – ad oggi – è l’unica concreta accusa alla fatina.

Ma – come si dice – il punto del fine settimana è altrove: l’imminente incontro Renzi Berlusconi per procedere ad una intesa sulla “riforma” elettorale.   Un incontro che nel gioco dell’oca si definisce ritorno alla “case départ”, cioè al punto di partenza: per Berlusconi è un ovvio successo ed un riconoscimento dei suoi “meriti” di statista.  Così anche Renzi – grazie alla tautologia che la riforma si fa con tutti e soprattutto con chi “conta” – rivive il D’Alema trionfante di un ventennio fa.  Tempo buttato per il  Paese.   Come potrebbero testimoniare i vecchietti in fila (stile “grande depressione” USA degli anni ’30) per pagare pochi spiccioli, vera misura dell’insipienza nazionale.

Quanto poi al “bottino” che Renzi dovrebbe riportare dallo storico incontro, lo ha spiegato il suo “guru” elettorale, l’incredibile professore della LUISS D’Alimonte: adottare la formula più “disproporzionalista” possibile, ovvero ancora una volta forzare una “camicia di forza” bipolare (buttando a mare il quasi terzo degli elettori che sta con Grillo ed il più che terzo che sta a casa e si astiene dai “ludi cartacei”) e poi con – in totale – circa la metà degli Italiani partire la sera stessa delle elezioni con il biglietto vincente per il governo di legislatura.   Da questo miracolo di non rappresentatività (il cui unico vicolo sarebbe – secondo D’Alimonte – salvare ed esaltare il “drappello degli ascari” Alfaniani) dovrebbe scaturire la magica risoluzione del nodo (inventato) della scarsa governabilità.   Peccato che nessuno sa per fare cosa, o come i programmi dovrebbero legarsi alla volontà popolare.

Aspettiamo dunque l’indomani di questo ennesimo fine settimana.   Per i cittadini Romani il sindaco-chirurgo ha già decretato la marcia a piedi.  In linea con la “Nazione”….

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto