Flash

15/01/2014

Flash

1847-i-romani-della-decadenza-thomas-couture

Dalle Alpi al Lilibeo un oceano di slip di seta, collant in cachemire e – perché no? – montagne di assorbenti innaffiati di Borgogna (più fresco ed adatto ai climi italici del Bordeaux…) avvolge il Belpaese a spese del contribuente (o, per meglio dire, di quegli Italiani a cui spetta il conto finale di questa Bengodi da Strapaese) e – nella sua stucchevole uniformità – sembra legittimare l’allora inspiegabile enfasi con la quale il Presidente Napolitano volle festeggiare il 150 anniversario dell’Unità del Paese.  Tutti diversi (la “ricchezza” nazionale fatta di molteplicità culturali ed ambientali), ma tutti uguali in stolidità e rapacità: un problema di tutti ed una manna per alcuni.

Il bollettino mattutino è impressionante e dimostra come il “decentramento” regionale si sia tradotto non già in una maggiore efficienza bensì in una più ampia ripartizione del “bottino”: da Genova a Palermo (con una “buona” sosta a Roma dove esplode il mega-scandalo dei rifiuti che hanno foraggiato un abile monopolista e generazioni di politici, incluso – secondo le cronache – quel Marrazzo già rientrato nei “gloriosi” ranghi della televisione di Stato dopo le note vicende di sesso e droga multiculturale) la “nomenklatura” locale offre in questi giorni il meglio di sé ma nessuno pensa che – oltre alle Provincie – andrebbero ripensate le regioni e le “funzioni” ad esse incautamente affidate.  Se a Palermo il “responsabile welfare” (suo?) dell’ “innovatore” Renzi, tal Faraone (tanto nomen…) risulta incluso tra gli indagati per un uso almeno opinabile delle risorse estorte ai cittadini (primato “storico” della Regione Sicilia, terra di agrumi pistacchi e legioni sterminate di “guardie” forestali), l’intera l’Italia vede esponenti di tutti i Partiti (inclusi quelli “cadaveri” come l’Italia dei valori – perduti – del moralizzatore Di Pietro) affaccendati nel banchetto finale.   Anzi non tutta perché se a Roma un bambino muore di “mal di pancia”(!) mal diagnosticato dalla sagace sanità locale, a Trento gli anziani disabili ricevono il pagamento regionale di un’assistente domiciliare.   Forse questa era l’unità da fare.  Piuttosto che da celebrare.

In questo marasma la politica – presunto “perno” della fuoriuscita dalla rituale Caporetto – che fa?    Altro piccolo elenco.   Mentre si attende la fine della “missione” messicana del giovane Letta, si scopre che l’inossidabile pupillo nazionale Angelino (ancora tanto nomen) Alfano (già alloggiato ai Parioli presso una casa di una società di quel Ligresti sodale della Ministro-prefetto Cancellieri) brigava per ottenerne un’altra per un amico.    Sui valori dell’amicizia non si scherza in quella che ottusamente si continua a definire la nostra “nazione”.

Da Benevento viene invece l’urlo di sdegno (la privacy, la privacy, la “barbarie”…)  della fatina De Girolamo, a suo dire vilipesa da chi ha mostrato come ella – più che occuparsi di tuberi e raccolti agricoli – si interessasse di lucrosi incarichi connessi a flebo e cateteri.  E qui siamo –come si è già detto – ai fescennini: non è “colpevole” chi fa le cosaccie, bensì chi le svela.   Tanto ciò è vero, che l’astuto consorte di Nunzia il PD Francesco Boccia (emulo dell’impareggiabile maestro D’Alema, già “padre” – con i “bingos” – della ludopatia che ammazza il poco che resta del pensiero nazionale) la difende prendendone le distanze: “ognuno è responsabile di quello che fa”, dixit .

E, sia detto tra parentesi, qui c’è una prova inconfutabile che i politici “non sono tutti uguali”.   Ah, ah, ah.

Ultima novità del giorno è – più che l’affaire Hollande – l’enfasi italica sull’evanescente tema. L’evidente tentativo è il parallelo ridimensionamento degli “affaires” Berlusconi (a proposito: tra quanti anni – anni- i carabinieri provvederanno a far eseguire la sentenza peraltro commutata nei “servizi sociali”, mentre i cittadini “normali” partono in ceppi all’istante e i debitori della GERIT si impiccano quando  gabellieri bussano?): si sorvola qui sul fatto che Hollande è un umano qualunque alle prese con i suoi problemi con donne adulte e non prezzolate.   Il “nostro” caso atteneva invece – tra l’altro – alle ingenti “quantità” (definizione dell’ineffabile avvocato  Ghedini) di femmine – anche minorenni – coinvolte… e spacciate per nipotine di influenti dittatori.

Ma agli Italiani questi dettagli sfuggono e – a stare ai sondaggi e alle complicità politiche in atto – non vedono l’ora di candidare il Caimano a tutte le possibili cariche europee e planetarie.   E’ il loro (nostro?) modo di ringraziarlo per avere “sostituito” l’IMU o tassazione patrimoniale sugli immobili (che esiste in tutta Europa) con dozzine di altri più onerosi balzelli.

Si diceva una volta (a Washington…) che le Filippine di Marcos fossero un Paese di bambini scemetti governato da un “figlio di p…”. Non fosse che la storia – nella sua incessante ripetitività – si fosse trasferita dalle parti nostre?

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto