Flash

13/01/2014

Flash

la-strega-porge-la-sua-mela-avvelenata-in-una-scena-del-film-d-animazione-biancaneve-e-i-sette-nani-1937-142656

Era una bella fatina e – all’apertura della scorsa legislatura – il grande “classificatore” di tutte le  donne “scopabili”del Paese (tratto settecentesco ricalcato sulle “enciclopediche manie” del “Divino Marchese”) le vergava tremuli bigliettini per incontri al termine della pallosa inaugurazione parlamentare (“ci sei tu, bruna e la bionda. eccetera eccetera” citiamo a memoria “ma se avete altri impegni..”).   Ed ora – passati alcuni anni e diventata Ministro della Repubblica – rischia di passare per la famosa “Strega di Benevento”…

Come è potuta succedere questa reincarnazione, se è vero come è vero (e come saggiamente affermava quel “padre della Patria” di nome Giulio Andreotti) che “il potere logora – soprattutto – chi non ce l’ha”?   La spiegazione è semplice, non “triste” come affermano in questi tormentati giorni della Ministro dell’Agricoltura Nunzia De Girolamo amici e farisei della nomenklatura politica.   Assai semplice: divenuta Ministro di un Dicastero al quale nulla la legittimava (non competenze, non esperienze pregresse) se non alcuni interessi familiari che avrebbero potuto essere meglio regolati dallo scranno ministeriale, riteneva evidentemente di poter disporre “ad libitum” di un potere incontrastato nella regione natia.

Per farne che? Ma il bene, naturalmente, come si addice ad una bella fatina.  Ed il bene di chi? Forse dei concittadini?  Ma no: di amici e parenti… perché se l’Italia cambia (chi non vede la “marcia avanti” del “ricambio generazionale che ha visto i giovani “vecchi” scavalcare i “vecchi vecchi”? e chi non esulta è un “disfattista”, Letta dixit), quello che non cambia è una concezione della politica  come bottino predatorio.   Elencano le cronache le imprese della bella quarantenne (quasi…): allo zio il bar dell’ospedale Fatebenefratelli (e al competitore “mandiamo i controlli”), la protezione allo spacciatore di… mozzarelle e così via in un delirio che più che all’asciutto Eduardo fa pensare a Peppino De Filippo ed al suo geniale Pappagone.

E, dunque, dal Messico in cui si trova in “storica” vacanza di Stato – familiare e post-natalizia – il giovane Letta sembra approntare il “rimpasto”…  Ora – a parte il fatto che se si “rimpasta” con gli stessi ingredienti i risultato sarà ugualmente indigesto… la questione si ingarbuglia di giorno in giorno e l’eventuale sacrificio della fatina diventata “strega” appare un “escamotage”   poco convincente.   Senza contare che la fatina vanta un ruolo politico avanguardista delle “larghe intese”: ella è infatti coniugata con uno “storico” sodale del giovane Letta, tal Francesco Boccia da Bisceglie, già pupillo dell’indimenticabile D’Alema (che lo voleva alla testa della Regione Puglia al posto di Vendola) ed attualmente Presidente PD della Commissione Bilancio della Camera.    Per farla breve: i compiti in famiglia erano equamente e solidarmente ripartiti: a lui le “mazzate” della “legge di stabilità” destinate ai cittadini italiani, a lei il benevolo e selettivo controllo dei “benefici” nel Sannio natio.

Non c’è che dire: il nuovo avanza… e dietro il racconto da favola dell’amore che va al di là degli “schieramenti” si disvela il solito “pentolone” puteolente di una “fine di regime” che sembra destinata a durare ancora a lungo.

Infine e sempre per quanto attiene il “rimpasto” che Letta collocherebbe a dopo la Direzione PD (?!) di questa settimana, la De Girolamo sarebbe destinata a cadere per salvare altri “intocccabili”: il caso Saccomanni (e non solo lui) ne è  emblema.  Ma far fuori l’ineffabile “tecnocrate” è meno facile: per due buone ragioni, una concerne la sua origine in Banca d’Italia (intoccabile serbatoio di alti “servitori” della Repubblica, ancorché ormai ridotta a compagnia di ventura ceduta ai privati per “far cassa”) e l’altra è quella del ruolo che il Nostro svolge con i suoi “confratelli” stranieri e – soprattutto – con i mercati finanziari internazionali.

E, questi, come a tutti noto, sono e restano i soli mandanti del Governo Letta.

Ultimissima nota a margine.  Mentre la disastrata Italia si concede questa ulteriore e modestissima tragicommedia “provinciale”, Oltralpe la Francia – memore della propria passata ed anchilosata grandezza – vive la grande avventura di un Presidente che – dopo aver provato oltre ogni ragionevole dubbio la propria inettitudine riformatrice – vive un romanzo d’amore (non più clandestino e circoscritto alle ore diurne in apposita garçonnière) con la giovane attrice e militante progressista Julie Gayet.  Con il risultato far finire in ospedale – per grave depressione – la propria compagna giornalista Valerie Trierweiler (ufficialmente première Dame de France…).  Nonché di confermare nella sua ormai pluridecennale solitudine l’ex leader della “gauche” – e moglie, madre dei suoi figli – Ségolène Royale.

Altro che “bigliettini”, altro che mozzarelle..

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto