Flash

09/01/2014

Flash

signor-bonaventura

Ok, c’eravamo sbagliati: non è vero che non succede niente sulla scena politico-sociale italiana: in soli due giorni dall’Epifania (che tutte le feste le porta via…) è ripartito un caos che prelude alla grande al Carnevale più sinistro della storia patria.    Lo “scippo” di 150 euro agli insegnanti (i quali dopo quindici anni di onorato servizio ne guadagnano circa 1.300 ovvero un aperitivo del non dimenticato Fiorito della regione Lazio) è stato il primo autogol del “Governo del fare…).     L’errore “tecnico” ha determinato un’inevitabile sollevazione non solo di tutto il settore scuola ma di tutti i pubblici dipendenti ormai sottoposti da tempo immemorabile al blocco salariale oltre che – ovviamente – tartassati da una miriade di “prelievi alla fonte” ovvero in busta paga, a guisa di servi della gleba, mentre gli altri italiani pagano quando e se vogliono…  Il punto non è neppure quello e neppure l’ormai consolidato (ed incostituzionale) carattere regressivo dell’imposizione fiscale in Italia (cioè tanto più hai, tanto meno paghi…), quanto quello della sistematica distruzione del pensiero critico e di tutto quello (come la cultura in senso lato) che può sostenerlo.    Qualche esempio: la pratica cancellazione di due insegnamenti dalle scuole superiori.  Sparita la geografia che potrebbe far riflettere sulle dimensioni e la collocazione geopolitica del Belpaese, così spazzando via le baggianate polento-centriche dei “padani”, gli isolazionismi meridionali, e in generale l’autarchia ed il provincialismo autarchico nazionale.   Per completare l’opera anche la storia dell’arte è stata cancellata, forse per evitare nostalgie per fasi storiche meno “pezzenti”, ed oltretutto per sottrarre serietà e spessore alla nuova “priorità” turistica, lasciata nella sua consuetudine di pura rapina ai malcapitati visitatori.

Sul piano fiscale, mentre ribolle il calderone delle “cento” tasse immobiliari, sono già partite tutte le addizionali comunali e regionali (su cui grava un silenzio da “taci, il nemico ti ascolta”) talchè il conto finale è ben altro degli “spiccioli” dell’IMU e le “sette sorelle” (tipo la TASI che ripagherebbe i cosiddetti “servizi indivisibili”, ma allora a che servono le addizionali e i trasferimenti dalla fiscalità generale?).  Si potrebbe continuare ma la sintesi è una: il Paese ha il record europeo dell’imposizione e – al tempo stesso – il minimo dei servizi.  Avremo però un centinaio di bombardieri d’attacco… Ed una pletora di cosiddetti “politici” che basterebbero non per un singolo Paese ma per tutto il Continente: ammesso che ne fossero capaci, “fit for the job” come si direbbe nella neolingua anglo-efficientista renziana.

E qui torniamo al punto centrale della dialettica politica nazionale.  Purtroppo questa non si concentra su alcuni fatti spaventosi – quale una disoccupazione giovanile che “veleggia” verso il 50%, uno su due… No. Il punto – anzi i punti – sono tutt’altri: Letta o Renzi e quando.  Ovvero come “cucinare” una nuova farneticante legge elettorale che non miri a restituire rappresentatività all’elettorato – ai cittadini – ma preservi l’insulso giocherello bipolare.  Così che – come nella lotteria di Capodanno – la sera delle elezioni “si sappia chi ha vinto e chi ha perso”.  Dopo di che, i cittadini dovranno smettere di “rompere…” e si beccheranno un gruppo dirigente autonominato e da loro sanzionato “a forza”.   Quanto ai programmi (e alla “visione”) semplicemente non esistono.   Infatti, mentre la crisi continua a galoppare in un vuoto pneumatico di idee, vengono “inventati” nuovi dirigenti e piani d’azione: a destra padron Berlusconi ha “creato” tal Toti (di professione giornalista…), un po’ più a sinistra Renzi si concentra sulla “tempistica” (del nulla ovvero il “piano Guendalina” sul lavoro) e con l’irrefrenabile spinta delle sue “vestali” replica il “movimentismo” grillino.   In breve un futurismo “energetico” sulle ceneri della democrazia.

Intanto nel “retrobottega” si rafforzano personaggi di tipo nuovo come il “guru” economico

di Renzi, l’economista israeliano (arrivano gli oriundi…) Yoram Gutgeld. Questo ci piace per almeno due buone ragioni: non viene dalla “nomenklatura” nazionale ed ha un nome beneaugurante: “gutgeld”, “soldi buoni, oro buono”…     Amen.  Alla prossima.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto