Flash

07/01/2014

Flash

Expo-2015

Francamente – e fortunatamente – il “super-ponte” di cui hanno “goduto” gli Italiani dalla vigilia di Natale fino al passaggio della vecchietta con la scopa (meglio: l’Epifania cristiana, a suo tempo salvata come giorno festivo dal paterno Andreotti)  ha registrato ben poche notizie e, praticamente, zero sul piano politico o delle catastrofi planetarie che talvolta introducono ad un nuovo anno.  Certo le nevi ludiche hanno preteso infortuni – più o meno seri – (da Schumacher all’inossidabile signora Merkel passando per il mistero dei due bambini “smarriti” nelle solitamente tranquille montagne laziali), ma – tutto sommato – un “carniere” mediatico prevedibile.   Viceversa le tre settimane hanno registrato una sorta di calma piatta (con qualche “onda anomala”) sul piano della politica interna.  Passiamo il tutto rapidamente in rassegna e senza nessuna pretesa di tracciarne una graduatoria.

L’ulteriore contrazione dello “spread” – del tutto prevedibile all’ombra del primato dell’ortodossia finanziaria – ci è stato presentato come un regalo coordinato e congiunto tra il presidente della BCE Draghi, l’ex Premier Prof Monti e quello attuale il giovane Letta. Il tutto fino alla rituale (calza dei regali…) affermazione dell’ineffabile Ministro Saccomanni che il 2014 sarà l’anno delle riduzioni fiscali.  Un sondaggio istantaneo ha certificato che solo un italiano su cinque ci crede… Tanto più in quanto la gragnuola di nuove tasse e maggiori imposizioni IREF (altro che sgravi…) è già partita con le addizionali regionali, cui seguirà l’annunciata raffica di tributi su case: il tutto a “compensazione” della vittoriosa (per Berlusconi e co.)  “cancellazione” dell’IMU.    Cinicamente verrebbe da dire: ben gli sta ai fessi che ci credono… e, d’altro canto, come si dice la “madre dei fessi è sempre incinta…).

Quanto al punto dello “spread”, le macerie sociali lasciate dalla “professoressa piangente” Fornero dicono chiaramente a chi va il “merito” dell’aggiustamento italiano.  Ammesso che duri.   Questo desolante panorama dovrebbe essere rischiarato da due fattori (vere e proprie “convergenze parallele”): la frenesia mediatica del neo-Segretario PD (riunioni mattutine di Segreteria “a giro” – come si dice a Firenze – per l’Italia e muniti di “lunch-box” forniti da Eataly…, nonché l’approntamento di un fantomatico “Job Act” che solo a nominarlo fa ridere (invece di ricordare la “Tennessee Valley Authority” del New Deal Rooseveltiano…) e la ossessiva ripetizione del mantra della “vittoria” ripetuto dal “Primo Ministro del Presidente”.

Intanto legge elettorale in alto mare, indicatori economici piatti, elezioni a febbraio in Sardegna sul nulla e nella più totale frantumazione (anche giudiziaria) delle candidature.

La fantastica “ripresa” di gennaio, il ritorno al quotidiano, non figurano però affatto nei mezzi di comunicazione: le televisioni scoppiano  di trionfanti immagini di Letta che sale in macchina, Letta che scende dalla macchina, Cicchitto Romani e Gasparri che “attraversano” il centro di Roma e via così in un vaudeville di “porte girevoli” interrotto solo (e non ce ne rallegriamo certo) dalle corrispondenze dall’Ospedale di Parma in cui è ricoverato Bersani.

O, peggio, da palpitanti interviste volanti rubate ad un Sottosegretario – Fassina “chi?” – dimessosi per lesa maestà o – forse – per la buona ragione politica dell’ovvia inconciliabilità della sua formazione “bocconiana” con le esigenze minime del post-comunismo padano di cui egli – ed i “giovani turchi del Pd” – è esponente.

La stampa scritta (e pagata con i soldi nostri…) è perfino peggio.   La “palma” spetta al quotidiano progressista (si fa per dire…) “La Repubblica” che ha annunciato la Befana con una falsificazione al 100×100: “Il Papa apre al riconoscimento delle coppie omosessuali…”.    Peccato che Bergoglio avesse il giorno prima messo proprio in guardia sulla complessità ed i rischi della transizione del costume e delle leggi familiari  con un aneddoto di segno opposto. Una bimba vittima del disagio che si spiegava così: “la fidanzata della mamma mi tratta male…”.   Dunque una cronaca o cretina o in malafede oppure evidentemente un ennesimo diversivo di fuga dalla realtà…  Sfuggito ai più (ma non a tutti i lettori e soprattutto a quelli che avevano ascoltato le parole del Papa) ha fornito l’occasione all’intelligente portavoce vaticano per una smentita inevitabilmente offesa e perfino sprezzante.

In verità il nuovo avanza a ritmo sempre più incalzante…  e la “perla” governativa è nuovamente il tambureggiamento sull’Expo di Milano.   Il “lancio” sui media poggia sul tema della nutrizione planetaria (forse risolubile dal sagace imprenditore di Eataly e dall’Università dello “Slow Food”…) ed è già scivolato su di una definizione sbagliata, in un inglese di pura fantasia o – peggio – dal significato sinistro.   La si riporta testualmente:… “Expo 2015, made of Italians…”.   “Of”, una preposizione che nel contesto alluderebbe ad un evento fatto di Italiani, pezzi di italiani… e magari è pure vero.      Resta l’interrogativo. Che volevano dire?

Certo un suggello negativo preventivo, mentre la Presidenza del Consiglio moltiplica le assunzioni ed alza le prebende.   “Darling…” diceva il film e – parafrasandolo – concludiamo: “è il “Sistema Italia”…

Ancora buon 2014.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto