Flash

01/01/2014

Flash

botti_capodanno-2

“La sfida all’Ok Corral” è stata ancora una volta rinviata: la concitata vigilia del Discorso di Capodanno del Capo dello Stato che era stata preceduta da un lato da voci di dimissioni imminenti dello stesso Napolitano e, dall’altro, da dichiarazioni quanto mai violente di Grillo sia sullo stesso Presidente che – sopra tutto – sulla nomenklatura politica (alla quale si augurava un’ “Ultima Cena”…) si è risolta in una sorta di “rivediamoci dopo le Feste”.  E, naturalmente, non c’è stato nessun annuncio-bomba di un ritiro di Napolitano, il quale ha viceversa ribadito che resterà fino a che ci sarà bisogno di un suo ruolo che eserciterà finché potrà e senza cedere ad attacchi ed “insinuazioni calunniose”.

Novità del discorso più che sui contenuti (“coraggio, sacrifici, fiducia, ripresa, nazione” indirizzati ai cittadini e garbate rampogne e nuove sollecitazioni rivolte ad una classe politica ancora una volta di fatto rilegittimata come interlocutore possibile e dunque credibile del cambiamento e specificamente della riforma elettorale), vi è stato un inusuale tentativo di portare alla ribalta l’opinione di italiani “comuni”.   La lettura di vari messaggi a lui pervenuti doveva servire ad un collegamento con la società civile da rassicurare: purtroppo la replica presidenziale alle letterine di Natale” dei “quidam de populo” all’uopo selezionati (disoccupati, esodati, giovani con poche speranze ed ancor meno certezze) non è uscita  dai binari di una rigida, ancorché volutamente bonaria, istituzionalità.   Ancora una volta niente a che vedere con l’”intimità” che lega il Capo dello Stato ai suoi (ex) colleghi della politica “politicante”.

In sintesi, un sottotono – magari rassicurante – che di fatto ha esaltato soltanto il Giovane Letta che vi ha visto garanzie per il proprio “panettone” del 2014.

Quanto all’autoproclamato antagonista (almeno nei tempi sui media) Grillo, questi ha fatto sfoggio di un certo “bon ton” assai apprezzabile.  Purtroppo anche qui i contenuti brillavano ben poco concentrati come erano sulla revisione referendaria dell’euro. Un tema questo che salta a piè pari i due punti che – viceversa – dovrebbero essere al centro del dibattito elettorale europeo: il primo consiste nell’evidenza che – fuori dell’Europa – l’Italia uscirebbe dai processi di globalizzazione ed integrazione cancellando la – forse unica – eredità positiva della leadership democristiana della Prima Repubblica, il secondo – stante l’evidente e provata  inadeguatezza della politica nazionale – ci priverebbe del nostro naturale “ancoraggio”.  Un ancoraggio senza il quale la caduta potrebbe essere “libera”.  Altro discorso è quello di rivedere il “come” stare in Europa, ma certo non in nome di una “nazione” che risponde tanto ad una nozione storicamente obsoleta, che ad un fallimento storico (nostro, degli Italiani) con cui – prima o poi – toccherà fare i conti.   Va peraltro aggiunto che la “centralità” dell’Europa non manca mai nei testi del Presidente Napolitano.

In sintesi e a nostro avviso, piuttosto tradizionali ed anchilosati i contenuti dell’allocuzione di Capodanno presidenziale, ma “fuori tema” quella di Grillo… Il che ci porta – ancora una volta – se non altro per coincidenza temporale ed ubicazione – al Primo dell’Anno” di Papa Bergoglio, reduce delle incoronazioni mediatiche globali e, perfino,  di quella odierna dell’Arcivescovo di Canterbury  che lo ha “riconfermato” uomo dell’anno.   Celebrando la Giornata mondiale della Pace (istituita nel 1968 da Papa Paolo VI Montini), Papa  Francesco ha ancora una volta evitato la vuota ritualità celebrativa e si è concentrato sulle interconnessioni tra pace, fraternità per la via di una società nazionale ed internazionale più giusta e solidale.

E – perché no – dell’estensione di tali valori alla sfera personale e familiare.   Infine, rivolto per il tramite  del Presidente Napolitano a tutti gli gli Italiani, li ha invitati alla “fiducia e alla speranza”.  Grazie.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto