Flash

24/12/2013

Flash

DISNEY_S_A_CHRISTMAS_CAROL_Photo_13

“Dividendi della stabilità, svolta generazionale, squadra destinata a durare” ed infine “non possiamo fallire”.  Così il “Re dei truismi” (= verità auto-evidenti e perciò che non richiederebbero dimostrazione alcuna anche se ovviamente tutte da dimostrare), il giovane (sempre meno…) Letta si è autocongratulato degli otto mesi del Gabinetto del Presidente da lui guidato.    Di più: l’anno prossimo anche “i San Tommaso si convinceranno”.. del nostro successo e dell’evidente uscita dalla crisi.

Chiunque – o quasi – sarebbe felice di prendere per buone queste dichiarazioni di Natale: peccato però che non vi siano un fatto od una cifra a confortarle.    Non importerebbe, nel Paese della fede e del tifo, se non fosse che proprio in questi otto mesi (al termine di un anno veramente “horribilis”) non vi sia stato un solo giorno senza una notizia disastrosa: disastrosa di per sé e disastrosa perché inequivocabilmente indicante la direzione sbagliata intrapresa.

A livello “macro”, la Legge di “stabilità” (bilancio) che verrà varata in un empito di eroismo “stakanovista” il 27 dicembre, “spezzando” le ben meritate vacanze di fine anno dei parlamentari (scherzo…), è talmente vuota da essersi attirata il giudizio completamente negativo del Presidente della Confindustria.   Figuriamoci quello dei lavoratori, o del 13% della popolazione ufficialmente disoccupata o di quel gagliardo record di 45% di giovani disoccupati.  Per non parlare del un giovane su tre che non studia e non lavora.  Davvero un “carniere” di buoni risultati.   Ma, di nuovo, il veleno e la certificazione del fatto che la strada intrapresa sarà buona per i mercati finanziari (spread, compact e compagnia cantante), ma non per gli Italiani in generale, né tanto meno per un’idea progettuale decente del Paese, basterà una breve rassegna delle imprese del Primo Ministro della “nuova” squadra.

Si prenda la compagine ministeriale e la sua “storia”: al primo giorno si caccia (a costo politico zero) la Ministra Idem, recidiva ma modesta evasora fiscale, poi si salva il Vice premier e Ministro dell’interno Alfano che – mentre preparava dalle spoglie di Berlusconi  una “ruota di scorta di voti” per il Letta medesimo – non si accorgeva che una madre con figlioletta veniva rapita dai servizi  segreti di un Paese dittatoriale, infine si “grazia” con tante scuse la Ministro Cancellieri, “rea” di avere incontrovertibilmente dimostrato come vanno le cose (da troppo tempo) in Italia.

Poi ci sono le “disgrazie” cancellate in fretta con qualche cerimonia e molta lagna (tipo: ci aiuti l’Europa): il mezzo migliaio di morti affogati (anche mentre partorivano) sono archiviati e i superstiti rimasti vengono “spruzzati” “en plein air” a reminiscenza di altri tempi e altri metodi.  Sempre nello stesso “cesto” dei reietti ci sono i dimenticati dei “centri di identificazione” che reclamano risposte con le automutilazioni: per non parlare delle carceri.  Intanto il condannato Berlusconi si sposta di magione in magione e raccoglie le forze per le prossime campagne elettorali oltre che per il salvataggio del “malloppo”.

In breve “cambiare qualcosa” (l’età anagrafica…) “per non cambiare nulla”.    Anzi fare appello a Berlusconi e Forza Italia – ancora… – contro ogni movimento (Cinque stelle in primo luogo) estraneo alla nomenklatura.   Il giovane Letta è stato molto chiaro: la “svolta generazionale”, la presa di potere dei quarantenni (boh!?) tutti – dicasi tutti – interni alla nomenklatura politica, è il massimo (non una premessa logica…) di rinnovamento applicabile a questo cadaverico Paese (termine preso dall’arciconservatore “Wall Street Journal”…). L’obiettivo è fissato e chiaro: tornare ad un fantomatico “glorioso passato” godendosi in pace i frutti di quasi un decennio di dure – ma secondo “loro”necessarie – “lezioni” impartite ai ceti subalterni.  Quelli nazionali e quelli che premono alle frontiere della “fortezza Europa”.
E chi non è d’accordo con questa situazione, e queste tristi prospettive, è populista (e passi…), e anche “nichilista”.

Buone feste.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto