Flash

03/12/2012

Flash

Con oltre il 60% a fronte del 38% “Strapaese” ha vinto su “Stracitta” (per usare la terminologia con cui una famosa polemica dagli anni 20 descriveva le peculiari e contraddittorie caratteristiche dell’Italia).  Sarà stato anche scritto e certificato anticipatamente dall’astuto D’Alema (“quell’uomo si farà male”), ma vedere fino a che punto gli Italiani siano realisti – altro che sognatori – fa una certa impressione e conferma anche a chi non aveva mai amato l’“arroganza” del Sindaco di Firenze che la refrattarietà del Belpaese alle illusioni dopo la sbornia berlusconiana è ormai un dato acquisito, anzi l’unico regalo ai suoi concittadini di colui che l’Italia l’aveva “spolpata” (Montezemolo dixit).

Certo “Stracittà” esce ridimensionata e la sua vittoria viene relegata in un futuro che non si sa quanto prossimo, ma i risultati positivi per il cambiamento derivati dalle primarie e soprattutto dal dibattito e dalla partecipazione delle due ultime settimane non possono essere sottostimati e, per quanti sforzi possano essere messi in atto da “menomalecheSilvioc’è” e dagli zombies alla ricerca della propria sopravvivenza, è indubitabile che la svolta italiana si viene delineando.    Come viene osservato “a caldo”, molto dipenderà dalla capacità di mantenere durante l’intera prossima campagna elettorale la tensione ideale e la partecipazione dei cittadini insieme ad un set di proposte ampie e di iniziative che contengano almeno un minimo di autocritica politica sugli errori che hanno fatto entrare il Paese a capofitto nella crisi.   Una crisi almeno in parte affidata alla tachipirina del Prof Monti e del suo peraltro modesto Gabinetto.

Il tutto avviene – al solito – con molti paradossi: “Strapaese” si presenta da subito più cosmopolita di quanto sarebbe probabilmente stata “Stracittà”: il vincitore delle primarie si invola per Tripoli già all’indomani della vittoria, a riprova di una rinnovata (ed indispensabile) attenzione internazionale, seguiranno poi viaggi europei e a metà dicembre un incontro allargato ai leader progressisti di mezzo mondo.  Per finire negli auspici del leader del centrosinistra con la rituale missione a Washington.    Il tutto preceduto e concretizzato dalla “discreta” influenza esercitata sul voto dell’Italia all’ONU per la Palestina che rettifica un paio di decenni di appiattimento filoisraeliano, guidato dai caudatari al timone di quel che resta della Farnesina dopo due decenni di quasi ininterrotto dominio della destra (sì: quella che si vorrebbe “nazionale”…).

In breve, un quadro che si è rimesso in movimento e che sembra confermare l’esistenza di una strategia multi-stadi di fuoriuscita dal pasticcio berlusconiano (e come avrebbe potuto essere altrimenti?) in cui al Prof Monti (anticipatamente “premiato” col laticlavio senatoriale) spettava il compito di stabilizzare il contesto economico-finanziario, ristabilendo al tempo stesso un tessuto di relazioni internazionali certamente conservatore ma – quanto meno – all’altezza della settima (?) economia al mondo.

Infine il ritorno alla politica.   Si spera non fatta solo di pur pregevoli “retrouvailles”, quale il citato D’Alema agli Esteri (secondo l’ecumenico e realista auspicio di Niki Vendola…), ma anche di un prosieguo di partecipazione.  Esattamente ciò che era fin qui mancato, lasciando campo libero ad un fiorire inverecondo di “miracolati” e di più o meno fisicamente graziose “miracolate”.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto