Flash

16/03/2016

ERRARE HUMANUM EST, PERSEVERARE DIABOLICUM

Renzi-al-Sisi

Una sorta di edizione straordinaria del più diffuso quotidiano italiano (“La Repubblica”) che, peraltro, ci auguriamo per l’editore (Carlo De Benedetti, già prima tessera del PD) sia stata remunerata come inserzione a pagamento, ospita un fascio di pagine redatte personalmente dal neo-direttore Calabresi (volato al Cairo per la bisogna) per fornire la versione – anzi la pre-pre versione del dittatore egiziano Al Sisi sul selvaggio omicidio di Giulio Regeni compiuto in quella capitale.

 

Occorre tornare a fatti “storici” (primo uomo sulla Luna, terremoti a migliaia di morti, ecc. ecc.) per vedere un simile profluvio di parole che al lettore comune risultano completamente inspiegabili.    Al Sisi – con il supporto di penne totalmente simpatetiche – non dice assolutamente nulla, anzi che gli “dispiace”  per i genitori di Giulio.   E allora?

Allora niente perché – se le “condoglianze coccodrillesche” aspiravano ad un minimo di credibilità – avrebbero dovuto essere inviate subito e non settimane, mesi dopo lo scempio.

 

Poi viene al sodo, Egitto e Italia si “amano”, hanno bisogno uno dell’altra, si capiscono e si arricchiscono reciprocamente.  Forse l’omicidio (non suo, ma semmai contro di lui) è per disturbare questo incontro di amorosi sensi: lo provano le coincidenze, ma lui, loro ci diranno tutto.  Appena lo scopriranno…. Con l’aiuto di “investigatori specializzati”… E già di questi “specialisti” ne hanno parecchi….

 

Lo si legga questo “scoop”  ad orologeria e si giudichi – ciascuno con la sua testa – se esisteva una qualunque condivisibile ragione per tanto risalto e – peggio – per questa assoluzione preventiva per una barbarie che non può che conciliarsi soltanto nella evidente doppia morale del “generale/Presidente (ovviamente preoccupato delle pur blande conseguenze italiane – e soprattutto internazionali – dell’accaduto), ma non può essere accettata da nessun connazionale del Regeni.  E da nessun cittadino del mondo, certo non dalle decine, centinaia di accademici e studenti democratici (per lo più non italiani…).     Possiamo dunque risparmiarci l’inutile fatica di smontare i “contenuti” riportati da chi è volato al Cairo per la “bisogna”.

 

Tanto in Italia uno soddisfatto c’è e si chiama – tanto per cambiare – Matteo Renzi, che ha parlato di “passo verso la verità”.      Certo lo è nella sua visione del mondo: come la ripresa, gli 80 euro (che, secondo Mario Monti “tintinnano” nella floride saccoccie degli Italiani), i 500, i rimborsi bancari e via blaterando.   Fino all’apoteosi di oggi: “troveremo insieme (Al Sisi, Renzi e compagnia cantante…) i colpevoli dell’omicidio Regeni”.  Sì, certo.

 

D’altro canto forse il Premier ha ragione: l’opinione pubblica italiana è intontita dallo specchio di sé (più che di lui…), la polemica sulle mamme (Vendola incluso, secondo l’arguto e caro Crozza) ed il loro impegno ed interesse prioritario per l’abboffata municipale della prossima primavera oscura tutto: lo dimostra il flop in Italia di “Fuocoammare” premiato a Berlino.    Chissenefrega, è il grido che sorge spontaneo.  Viva la polenta taragna, altro che cultura.

Aiutiamoli a casa loro…

Se poi non basta, ci pensano i due giovani eroi (ed i loro familiari) che – ad un quarto di secolo dal best-seller “American Psycho” dello statunitense Bret Easton Ellis – scoprono l’ebbrezza dell’omicidio gratuito e selvaggio. Peraltro, trattavasi di romanzo sul tedium vitae e non macelleria sugli umani. Li rivedremo presto ad X Factor.   I loro cari già appaiono in tempo reale sulla televisione pubblica e renziana, oltre che sulla rete.   Auguri a tutti e complimenti alle famiglie.   Peccato solo che il tutto dimostra perfino il retrogrado ed imitativo  “provincialismo” italiano rispetto alle avanguardie d’Oltreoceano.   Orsù, ricordiamoci la “saponificatrice” di Correggio che nel dopoguerra era non soltanto pluriomicida, ma anche saggia e produttiva massaia italica.

 

Auguri anche al Giudice Cantone, “moralizzatore di Stato” che ancora ieri spiegava pubblicamente di essere soddisfatto del suo lavoro, che peraltro – come ammetteva lui stesso – ha lasciato tale e quale la situazione della “moralizzazione”.     E certo: si stava scherzando….  A noi non interessa lo schifo romano, soltanto la gravidanza di Giorgia Meloni.

 

Cui prodest tutto questo?  Boh?  Esiste una risposta in questa afasia delle coscienze?  Per non parlare delle intelligenze…

E perfino nonostante il noto istinto di conservazione degli italiani, ormai rassegnati a tornare assai spesso in patria non solo morti ma anche con i loro corpi smembrati e violati…senza che il patrio governo (proprio quello che voleva “spezzare le reni all’India” per punizione della dorata prigione inflitta agli eroici Marò) emetta un congruo “flatus vocis”.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto