Flash

08/03/2016

ELEZIONI PRIMARIE NELLE METROPOLI. UOMINI E TOPI

rats2

 

Non era difficile prevederlo, eppure era evidente che la farsa delle “primarie” all’amatriciana si sarebbe risolta, nonostante un battage propagandistico da “primo uomo sulla Luna” (ovvero siamo “fichi” come gli Americani…) avesse tentato di trasformare, ancora una volta una pseudo scelta tra “predestinati”  in uno “storico” esercizio di democrazia.

 

Così – tranne quelli che vanno comunque – non c’era nessun altro… con la gustosa partecipazione dell’ex leader maximo (D’Alema) venuto come suo solito per dispensare rancorosi sarcasmi e – al tempo stesso – certificare la sua esistenza in vita.    Ai gazebo e “seggi” del PD meno della metà dei votanti previsti tanto a Roma che a Napoli, ma – in compenso – perfino lì brogli, passaggi soldi e situazioni ambigue assai: per Napoli nulla di nuovo sotto il sole, anzi magari un po’ di nostalgia per il monarchico “Comandante” Lauro e le sue indimenticabili scarpe regalo: prima la destra e, dopo il voto conforme, la sinistra. (Ancora oggi le scarpe si vendono a Napoli anche divise in destre e sinistre).     Così va il mondo e c’è poco da scandalizzarsi, peggio molto peggio il “contorno” dell’insignificante episodio: del tutto all’altezza (finalmente e grazie a Matteo e co.) della già sinistra ma inappuntabile definizione mussoliniana, “ludi cartacei”.

 

Mentre a Milano l’uovo di Colombo renziano consiste nel proporre un candidato di destra (ovviamente indagato per affarucci collegati all’Expò) come capolista del centro-sinistra, più complessa è la situazione a Roma e con tinte tragi-comiche quella di Napoli.   A Roma dove le contese municipali (ben prima di “MafiaCapitale”…) venivano definite già all’interno del PCI, DS e ovviamente dello “sbiancato” e disintossicato PD, come “battaglie delle trippe”, il caos è all’apice. Tanto a destra che nella cosiddetta “sinistra” o centro sinistra che dir si voglia.

 

A noi però diverte di più l’investitura a destra dell’immmortale Berlusconi sull’uomo del “fare”, il medico Bertolaso, l’”uomo che voleva farsi re” (Palazzo Chigi) sulle disgrazie altrui.  Dentro la sua vicenda c’è tutto: “ras” democristiano della Cooperazione al Terzo Mondo  che – sull’onda della febbricitante campagna pannelliana sulla “fame nel mondo – dissipò risorse che forse avrebbero potuto (si era alla fine del secolo scorso…) attenuare gli squilibri che oggi spingono centinaia di migliaia di uomini, donne, bambini a cozzare contro la “Fortezza Europa”.  Il tipo surfeggiò poi su eventi epocali (giubilei, ludi “sportivi”) terremoti, alluvioni, e così via).   Solo la sua proverbiale modestia (nonché “cricche” e “massaggi” a carico del contribuente) lo salvò da ulteriori ascese.

Ma a volte ritornano (suscitando ridicole proteste come la candidata PD di Napoli che condanna il vecchio Bassolino perché “l’ha già fatto”, il Sindaco dunque trattasi di “zombi”: ohibò…),  così come i proliferanti ratti romani….   Per i quali però provvede in parte Madre Natura che – negletta nei talami degli Italiani … – ci manda stormi di predatori di topi tipo, i gabbiani ed altri rapaci.   Certo lo scotto da pagare è un incremento esponenziale di cacca d’uccelli, ma tant’è: dove non arriva l’uomo (anch’egli rapace, ma più selettivo) ci pensa qualcun altro.

 

D’altro canto, nella capitale più sporca del mondo, il binomio uomini/topi impera non da oggi.

 

Intanto nel vasto mondo tutto continua più o meno come prima e magari anche peggio data la direzione di marcia degli eventi.  Gli immigranti innanzitutto che fanno tremare i polsi – “opportunamente” stuzzicati da ottusi capopolo tipo il massiccio Salvini – agli onesti valligiani, dimentichi – tra l’altro – di quelli (vedasi le cronache) che dalle parti loro “fanno fuori” buttandoli negli altiforni, ovvero nelle cisterne.

 

Eroi del nostro tempo come i due debosciati sadici omicidi di Roma del giovane disgraziato ex trovatello adottato dai “buoni” italiani.

 

E forse sarebbe arrivato il momento di riflettere su questa nostra società.   Stramarcissima, vuotissima, falsissima.   E che di tutto ha bisogno tranne le slides di Puffotto Renzi, Madonnina Boschi (a proposito il suo papà è stato ri-castigato dalla Banca d’Italia in corsa per chiudere le stalle dopo che i buoi sono stati fatti scappare…).   E certo non serviranno i “santini” dispensati a getto continuo dal Presidente Buono, Sergio Mattarella.  Ed infatti già c’è (la moglie di uno degli uccisi di Libia) chi li rimanda al mittente.     Potrebbe essere una prima indicazione per i mesi a venire. La risposta nostra alle “primarie”. Se li scelgono, se li votino.

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto