Flash

06/11/2012

A letter from California – Lettera dalla California

It’s Election Day in America. At the end of today we’ll know who will lead the country for the next four years: President Barack Obama or former Governor Mitt Romney. This will be the fourth presidential election in a row that has scared me to death. I’m voting because I’m afraid the other candidate might win.

A week ago I sent in my ballot. I voted for President Obama. Don’t get me wrong, I do like him and agree with most of his politics. I don’t think he’s to blame for all of our economic mess. It didn’t matter who moved into the White House after the 2008 election, they would’ve been stuck with the same mess.

Mr. Romney scares me. Not so much because of what he says, but for what he stands for and the changes he wants to bring to this country. He doesn’t want to unite us, but further divide us. He does believe that 47% of Americans try to take all they can from the government, and he does want the rich to get richer.

The truth is America used to be an amazing country filled with open, friendly and accepting people, for the most part, who often helped each other. I look around now and can’t figure out why that changed. The idea of moving forward together has been left behind, especially between the Democrats and the Republicans. We’re no longer the United States of America but a country of red states and blue states. We don’t want to help our neighbors. The truth is, we don’t even know our neighbors. Instead of being proud that America is a melting pot of culture, we now condemn those who don’t look like ‘us’, talk like ‘us’, or follow ‘our’ religious beliefs. We no longer have tolerance.

Can the next President of the United States of America change any of that? I think so, but they can’t do I alone. The Republicans and the Democrats need to work together, learn to like each other and let the rest of us know that they are concerned about us whether we’re white, black, Hispanic, Asian, rich, poor, healthy, sick,

gay, straight, transsexual, Protestant, Catholic, Muslim or Buddhist. Quit talking about our differences and listen to my boss, who always tells me, “We’re better off together.”

 

Sandra Messick

Ventura,California

November 6, 2012

 

È l’ “Election Day” in America. Alla fine della giornata sapremo chi guiderà il paese per i prossimi quattro anni. Il presidente Barack Obama o l’ex Governatore Mitt Romney.

Questa sarà la quarta elezione presidenziale di seguito a farmi paura a morte. Voto perche ho paura che l’altro canditato possa vincere.

Una settimana fa ho spedito la mia scheda. Ho votato per il Presidente Obama. Non fraintendetemi. Mi piace e sono d’accordo con la maggior parte delle sue politiche. Non penso che sia da biasimare per tutto il nostro casino economico. Non aveva importanza chi fosse andato alla Casa Bianca con le elezioni del 2008: in ogni caso si sarebbe impegolato nello stesso casino.

Mr. Romney mi fa paura. Non tanto per quello che dice ma per quello che rappresenta. E per i cambiamenti che vuole portare a questo Paese. Lui non vuole unirci, ma dividerci ancora di più. Crede che il 47% degli Americani cerchino di prendere tutto quello che possono dal governo mentre vuole che i ricchi diventino più ricchi.

La verità è che l’America un tempo era un paese sorprendente, pieno di gente aperta, amichevole e disponibile, che perlopiù si aiutava vicendevolmente. Mi guardo intorno adesso e non riesco ad immaginare perché tutto ciò è cambiato. L’idea di muoversi in avanti assieme è stata lasciata indietro, in particolare tra Democratici e Repubblicani. Noi non siamo più gli Stati Uniti d’America bensì un paese di stati rossi e di stati blu. Non vogliamo aiutare i nostri vicini. La verità è, che nemmeno conosciamo i nostri vicini. Invece di essere orgogliosi che l’America sia un crogiolo di culture, noi adesso condanniamo quelli che non sembrano come “noi”, non parlano come “noi” o non seguono i “nostri” credo religiosi. Non abbiamo più tolleranza.

Può il prossimo Presidente degli Stati Uniti d’America cambiare qualcosa di ciò? Io penso di si, ma nessuno dei due può farlo da solo. I repubblicani e i democratici devono lavorare assieme, imparare a piacersi, e farci sapere che si preoccupano di noi, sia che siamo bianchi, neri, Ispanici, Asiatici, ricchi, poveri, sani, malati, omosessuali, eterosessuali, transessuali, Protestanti, Cattolici, Musulmani o Buddisti. Smettiamo di parlare delle nostre differenze e ascoltiamo il mio capo che mi dice sempre: “ funzioniamo meglio insieme”.

 

Sandra Messick

Ventura,California

6 Novembre 2012

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto