Flash

06/11/2012

A letter from California – Lettera dalla California

It’s Election Day in America. At the end of today we’ll know who will lead the country for the next four years: President Barack Obama or former Governor Mitt Romney. This will be the fourth presidential election in a row that has scared me to death. I’m voting because I’m afraid the other candidate might win.

A week ago I sent in my ballot. I voted for President Obama. Don’t get me wrong, I do like him and agree with most of his politics. I don’t think he’s to blame for all of our economic mess. It didn’t matter who moved into the White House after the 2008 election, they would’ve been stuck with the same mess.

Mr. Romney scares me. Not so much because of what he says, but for what he stands for and the changes he wants to bring to this country. He doesn’t want to unite us, but further divide us. He does believe that 47% of Americans try to take all they can from the government, and he does want the rich to get richer.

The truth is America used to be an amazing country filled with open, friendly and accepting people, for the most part, who often helped each other. I look around now and can’t figure out why that changed. The idea of moving forward together has been left behind, especially between the Democrats and the Republicans. We’re no longer the United States of America but a country of red states and blue states. We don’t want to help our neighbors. The truth is, we don’t even know our neighbors. Instead of being proud that America is a melting pot of culture, we now condemn those who don’t look like ‘us’, talk like ‘us’, or follow ‘our’ religious beliefs. We no longer have tolerance.

Can the next President of the United States of America change any of that? I think so, but they can’t do I alone. The Republicans and the Democrats need to work together, learn to like each other and let the rest of us know that they are concerned about us whether we’re white, black, Hispanic, Asian, rich, poor, healthy, sick,

gay, straight, transsexual, Protestant, Catholic, Muslim or Buddhist. Quit talking about our differences and listen to my boss, who always tells me, “We’re better off together.”

 

Sandra Messick

Ventura,California

November 6, 2012

 

È l’ “Election Day” in America. Alla fine della giornata sapremo chi guiderà il paese per i prossimi quattro anni. Il presidente Barack Obama o l’ex Governatore Mitt Romney.

Questa sarà la quarta elezione presidenziale di seguito a farmi paura a morte. Voto perche ho paura che l’altro canditato possa vincere.

Una settimana fa ho spedito la mia scheda. Ho votato per il Presidente Obama. Non fraintendetemi. Mi piace e sono d’accordo con la maggior parte delle sue politiche. Non penso che sia da biasimare per tutto il nostro casino economico. Non aveva importanza chi fosse andato alla Casa Bianca con le elezioni del 2008: in ogni caso si sarebbe impegolato nello stesso casino.

Mr. Romney mi fa paura. Non tanto per quello che dice ma per quello che rappresenta. E per i cambiamenti che vuole portare a questo Paese. Lui non vuole unirci, ma dividerci ancora di più. Crede che il 47% degli Americani cerchino di prendere tutto quello che possono dal governo mentre vuole che i ricchi diventino più ricchi.

La verità è che l’America un tempo era un paese sorprendente, pieno di gente aperta, amichevole e disponibile, che perlopiù si aiutava vicendevolmente. Mi guardo intorno adesso e non riesco ad immaginare perché tutto ciò è cambiato. L’idea di muoversi in avanti assieme è stata lasciata indietro, in particolare tra Democratici e Repubblicani. Noi non siamo più gli Stati Uniti d’America bensì un paese di stati rossi e di stati blu. Non vogliamo aiutare i nostri vicini. La verità è, che nemmeno conosciamo i nostri vicini. Invece di essere orgogliosi che l’America sia un crogiolo di culture, noi adesso condanniamo quelli che non sembrano come “noi”, non parlano come “noi” o non seguono i “nostri” credo religiosi. Non abbiamo più tolleranza.

Può il prossimo Presidente degli Stati Uniti d’America cambiare qualcosa di ciò? Io penso di si, ma nessuno dei due può farlo da solo. I repubblicani e i democratici devono lavorare assieme, imparare a piacersi, e farci sapere che si preoccupano di noi, sia che siamo bianchi, neri, Ispanici, Asiatici, ricchi, poveri, sani, malati, omosessuali, eterosessuali, transessuali, Protestanti, Cattolici, Musulmani o Buddisti. Smettiamo di parlare delle nostre differenze e ascoltiamo il mio capo che mi dice sempre: “ funzioniamo meglio insieme”.

 

Sandra Messick

Ventura,California

6 Novembre 2012

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto